WTCR GT World DTM

Continuano ad arrivare novità da WTCR, GT World Challenge Europe e DTM, dopo una bellissima 12h di Sebring, secondo atto dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship.

WTCR: Lynk & Co, squadra che vince non si cambia

Dopo gli annunci di Comtoyou Racing (Audi), Lynk & Co si prepara per bissare il titolo nel FIA World Touring Car Cup (TCR). Il costruttore cinese, a segno per prima volta nella classifica piloti con il francese Yann Ehrlacher, mantiene lo stesso quartetto di piloti per 2021.

Accanto a lui ritroveremo dunque il connazionale Yvan Muller, zio di Yann. Il secondo team di costruttore asiatico, iscritto con il nome di Cyan Performance, vedrà ai nastri di partenza lo svedese Thed Björk e l’uruguaiano Santiago Urrutia.

Christian Dahl, CEO di Cyan Racing, ha dichiarato: “La stagione scorsa ha segnato il punto più alto nella storia della nostra squadra. Non abbiamo assolutamente cambiato il nostro obiettivo per il 2021. Non sarà facile confermarsi con un calendario più lungo e nuovi rivali”.

Tom Coronel prosegue l’avventura nel WTCR

L’esperto Tom Coronel sarà ai nastri di partenza del FIA WTCR 2021. L’olandese guiderà una delle nuove Audi RS 3 LMS del team Comtoyou Racing. Dopo aver tagliato, nel 2020, il traguardo delle 500 apparizioni nel mondo del turismo, Coronel è pronto per questa nuova sfida sulle piste di tutto il mondo.

Il 48enne di casa Audi ha affermato in merito: “A volte mi viene da dire che WTCR sta per ‘World of Tom Coronel Racing’. Sono felicissimo che tutto si sia messo a posto per quest’anno e ringrazio ancora tutti i miei partner per il supporto, a cominciare da DHL. Correre è ciò che amo fare! Con il team mi trovo benissimo, sarà il terzo anno assieme a Jean-Michel Baert e diventerò il pilota che ha fatto più gare in questa serie da quando era European Touring Car Championship nel 2001, poi World Touring Car Championship dal 2005 e WTCR dal 2018”.

Attendiamo l’annuncio di nuovi partecipanti dopo la notizia dell’assenza del Team Mulsanne, presente con due Alfa Romeo nel 2020. Al momento sono 12 le auto iscritte per la quarta edizione del FIA WTCR.

GT World Challenge Europe: annunci in vista dei test ufficiali

Continuano gli annunci nel Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS. A meno di un mese dall’inizio del campionato, continua a riempirsi lo schieramento delle due classifiche, la sprint e la endurance.

Hubert Haupt Racing, formazione di riferimento di Mercedes, torna nella categoria con due AMG GT3 che gareggeranno esclusivamente nell’Endurance Cup. Dopo l’annuncio dell’espansione nel DTM e la conferma della partecipazione al NLS ed alla 24h del Nuerburgring, la compagine tedesca mantiene intatta la propria formazione PRO.

Maro Engel/Vincent Abril/Luca Stolz sono i tre alfieri che si alterneranno al volante della Mercedes #4, assoluta protagonista della serie. In pista troveremo anche Hubert Haupt/Patrick Assenheimer/Ricardo Sanchez equipaggio che si contenderà il titolo nell’agguerrita categoria Silver.

Arrivano notizie anche in casa Ferrari. Kessell Racing, assente nel 2020 dal GT World Challenge Europe, torna nel gruppo con Giorgio Roda, Tim Kohmann et Francesco Zollo. Il trio, presente nell’Asian Le Mans Series, militerà nella classe PRO-Am.

Toksport WRT (Mercedes) conferma l’impegno nel GT World Challenge Europe nell’Endurance Cup e nella Sprint Cup. Oscar Tunjo/Paul Petit/Marvin Dienst si alterneranno al volante nelle competizioni nelle competizioni di durata, mentre Juuso Puhakka aiuterà Tunjo nelle restanti tappe in calendario. 

FFF Racing (Lamborghini) e GPX Racing (Porsche) salteranno i test ufficiali di questo fine settimana al Paul Ricard per la concomitanza con il NLS. Ricordiamo invece che l’appuntamento sprint di Brands Hatch, originariamente previsto a maggio, si svolgerà nell’ultima domenica di agosto.

DTM: nuovi annunci in vista della stagione

Si avvicina l’inizio del nuovo DTM, campionato che si prepara per iniziare da Monza con un nuovo ciclo con le vetture GT3. Dopo l’annuncio dell’ingresso nella serie della tedesca Sophia Floersch con Abt (Audi), arrivano delle conferme da parte di Mercedes.

La casa tedesca affiderà la vettura di GruppeM, squadra di Hong Kong, allo spagnolo Daniel Juncadella, volto ufficiale della compagine di Stoccarda. Continuano le indiscrezioni per quanto riguarda la presenza di Luca Ghiotto nel campionato. Il veneto dovrebbe militare con un’AMG del HRT, squadra che dovrebbe presentare tra le proprie fila anche il tedesco Maxi Gotz.

Non solo Mercedes nel DTM 2021. L’austriaco Christian Klien, ex pilota di F1, entra nel gruppo in alcuni eventi con una McLaren del team JP Motorsport. La formazione polacca, presente anche nell’International GT Open, sarà ai nastri di partenza con a Zolder (Belgio), al Nürburgring (Germania) ed ad Assen (Olanda).

DTM: GetSpeed ​​Performance con Arjun Maini

Nuovo ingresso nel DTM. Il Team GetSpeed Performance, formazione tedesca fedele alle gare al Nurburgring e presente dal 2020 nel GT World Challenge Europe, si appresta per gareggiare nel DTM con l’indiano Arjun Maini.

L’ex pilota di F2, impegnato anche nella recente Asian Le Mans Series in LMP2, si prepara per il debutto nella famosa categoria teutonica, pronta ad iniziare una nuova fase della propria storia da Monza a giugno. Maini ha affermato: “Non vedo l’ora che inizi la mia prima stagione nel DTM con GetSpeed ​​e Mercedes-AMG GT3. Conosco poco il DTM, ma penso che l’occasione sia perfetta per me”.

Adam Osieka, team principal di GetSpeed, ha mostrato soddisfazione per questa nuova sfida per questa realtà che inizierà la stagione agonistica questo fine settimana nel NLS. “È la prima volta che ci focalizziamo esclusivamente su un pilota in una singola categoria. Mi aspetto gare emozionanti e grande spettacolo dalla prima corsa.”

Jenson Team Rocket RJN abbandona il gruppo

Il Jenson Team Rocket RJN abbandona il gruppo del DTM. La formazione di Jenson Button e Chris Buncombe, una delle prime formazioni ad annunciare il proprio impegno con una McLaren 720S GT3, ha reso noto che si concentrerà esclusivamente nel GT World Challenge Europe e nel British GT.

La compagine britannica non saluta definitivamente i programma DTM che dovrebbe essere riproposto nel 2022. Il co-proprietario della squadra ha dichiarato in merito: “Ci sarebbe piaciuto prendere parte al campionato, ma purtroppo quest’anno non sarà possibile. La serie sta guadagnando molto slancio. Non abbiamo cancellato il DTM, ma la nostra attenzione rimane sul GT World Challenge. Il team si sta evolvendo e puntiamo in grande per il 2021″.

IMSA: Corvette guarda al 2022

A meno di una settimana della 12h di Sebring, Chevrolet ha reso noto che non omologherà una vettura con le specifiche GT3 per la stagione 2022. Ricordiamo infatti che, dal prossimo anno, le GTLM (GTE) non sanno più eleggibili nella serie statunitense a favore di una classe GT3 riservata ai professionisti.

La compagine di Detroit, in pista con la nuova C8. R dalla Rolex 24 del 2019, si trova a modificare i propri piani per il futuro visto che, allo stato attuale, solo il Mondiale Endurance potrebbe accogliere l’auto che ha dominato l’IMSA WeatherTech SportsCar Championship 2019.

Laura Wontrop Klauser, responsabile del programma di corse di General Motors, spera di raggiungere un accordo con IMSA per convertire la C8. R alla GTD PRO. Non conosciamo i piani del marchio statunitense per il 2022, ma l’obiettivo sembrerebbe quello di intraprendere questa nuova sfida.

Il nuovo dirigente del programma agonistico di GM ha dichiarato: “Stiamo lavorando con IMSA per capire cosa potremmo fare con loro per il prossimo anno. È tutto in lavorazione in questo momento e ci sono molte discussioni in corso. Niente è definitivo. Siamo in contatto per ottenere una risposta”.

Il problema che sta alla base è un altro. L’attuale C8. R non è stata progettata o costituita per essere convertita, un problema che altri marchi non hanno. Ricordiamo inoltre che, per accedere alla classe GT3, bisogna mettere a disposizione le vetture ai clienti e produrre un minimo di 20 modelli nei primi due anni di omologazione da parte della FIA

Klauser ha dichiarato in merito: “È davvero difficile prendere quello che abbiamo oggi e apportare un paio di modifiche per entrare tra le GT3. Le piattaforme sono abbastanza diverse e l’approccio che è stato adottato con la nostra GTE è molto diverso da una vettura per i clienti. Molte delle decisioni prese erano perfette per un programma ufficiale e non si traducono bene per dei privati. L’auto è stata lanciata lo scorso anno, quindi stiamo cercando di ottenere un certo ritorno sull’investimento. Non credo che qualcuno pensi che IMSA ci permetterebbe di gareggiare a tempo indeterminato in questa modalità”.

Corvette guarda il futuro e potrebbe assentarsi per una stagione dall’IMSA WeatherTech SportsCar Championship. Se non dovesse realizzarsi un accordo con gli americani, non è da escludere un impegno a tempo pieno di Chevrolet nel Mondiale Endurance.

“La buona notizia è che per quanto ne sappiamo la piattaforma GTE è ancora benvenuta nel WEC. Abbiamo questa opzione da valutare. Il nostro obiettivo attuale è trovare un modo per lavorare con IMSA per il bene di tutti. Non ci iscriveremo a qualcosa che non capiamo. Abbiamo speso molto in questa macchina da corsa e vogliamo ottenere il miglior ritorno su quell’investimento”.

Non è da escludere un impegno di GM nella nuova piattaforma riservata alle LMDh, nuova formula che debutterà nel 2023 come classe regina di IMSA e WEC. “La nostra decisione sulle LMDh dipende dal futuro delle GT, il tempo sta per finire”.

Porsche pronta con una nuova GT3 dal 2023

Porsche Motorsport è pronta ad intraprendere un nuovo progetto per portare sulle piste di tutto il mondo un’inedita GT3. Dal 2023 avremo infatti il debutto della seconda generazione della 911 GT3 R, auto che prenderà come base la Type-992. Ricordiamo che questo modello è stato scelto dalla casa tedesca per la versione 2021 della Porsche 911 GT3 Cup, vettura che ha debuttato ufficialmente settimana scorsa nella Carrera Cup North America.

Pascal Zurlinden, direttore motorsport del costruttore teutonico, ha dichiarato in merito: “Per il 2023 porteremo una nuova GT3 R basata sulla 992. Siamo  già al lavoro”.

Porsche ha come obiettivo il debutto nell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship nella GTD PRO, la principale realtà riservata alle GT3 ed ai piloti professionisti. BMW è al momento l’unico costruttore che si è iscritto con una nuova auto. Ricordiamo infatti che l’attuale M6 GT3 verrà presto rimpiazzata dalla M4 GT3, vettura rivoluzionaria che sarà vedremo dal 2022.

Lamborghini ed Audi hanno già previsto delle evoluzioni sui modelli già presenti, mentre Porsche è pronta a dare battaglia, dal 2023, con un nuovo mezzo. L’anno scelto dai tedeschi rappresenterà un momento storico per la formazione di Weissach, realtà che si appresta per uno storico ritorno nella classe regina dell’endurance mondiale grazie alla piattaforma delle LMDh.

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.