Aragon WTCR

Si avvicina l’inizio del FIA World Touring Car Cup (WTCR), campionato che dovrebbe iniziare da giugno in Germania al Nuerburgring. Alla vigilia della stagione sono molte le novità per un Mondiale che cerca una certa ‘normalità’ dopo una realtà che ha visto infiniti cambi di calendario in seguito all’emergenza sanitaria.

Conferme dalle principali case, manca Hyundai

Lynk & Co ed Honda hanno già confermato la propria partecipazione al Mondiale 2021. La prima squadra citata, a segno con il francese Yann Ehrlacher, insegue il terzo titolo costruttori complessivo. Il transalpino continuerà l’avventura con lo zio Yvan Muller, l’uruguaiano Santiago Urrutia e lo svedese Thed Björk.

Anche Honda ha mantenuto i quattro uomini che hanno gareggiato nell’ultima edizione della serie. Gli argentini Esteban Guerrieri e Nestror Girolami inseguono l’agognato titolo, un obiettivo che per un motivo o per l’altro non è ancora arrivato in Sudamerica. Attenzione anche all’esperto portoghese Tiago Monteiro ed al giovane ungherese Attila Tassi, chiamato a dare conferme nel 2021.

Dopo le tante proteste mosse contro il Balance of Performance nella scorsa stagione, manca all’appello la Hyundai. L’unica certezza è l’assenza nella casa coreana dell’olandese Nicky Catsburg, impegnato con Corvette nelle gare endurance dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship e con BMW in giro per il mondo.

In pista la nuova Audi TCR

Il FIA WTCR 2021 vedrà sulla griglia di partenza la nuova Audi RS3 LMS TCR. La casa tedesca ha presentato nelle scorse settimane il nuovo modello che sarà schierato in pista dal Comtoyou Racing.

Frédéric Vervisch, Nathanaël Berthon ed il veterano Tom Coronel difenderanno i colori della formazione belga che da anni è legata al marchio teutonico. Nelle prossime settimane scopriremo chi guiderà la quarta RS3 LMS TCR, auto che solo successivamente sarà disponibile ai clienti.

WTCR: Alfa Romeo assente

Nel corso delle settimane continuano a giungere le prime conferme per il 2021, anno che non vedrà in pista il Team Mulsanne. La formazione privata di Alfa Romeo rinuncia al WTCR per concentrarsi esclusivamente al ETCR con la nuovissima Giulia.

Il team che ha vinto il trofeo riservato ai privati con il francese Jean-Karl Vernay lascia la serie definitivamente dopo aver modificato i piani nel 2020. Ricordiamo infatti che la presenza nello scorso campionato si è avverata solo grazie ad un calendario che non prevedeva corse fuori l’Europa.

Calendario WTCR 2021, si torna in Asia

Il circuito di Ningbo completa il calendario 2021 del FIA WTCR che il prossimo autunno dovrebbe tornare in Asia. L’appuntamento cinese si troverà dopo l’inedito appuntamento di Inje, tracciato che è situato in Corea del Sud. Gli organizzatori hanno previsto anche un ritorno tra i muri di Macau, location che dovrebbe chiudere il 2021 nel fine settimana del 21 novembre.

Per quanto riguarda l’Europa sono quattro i circuiti che accoglieranno il WTCR, tra di essi spicca Adria. La pista veneta, totalmente rinnovata nel suo disegno, ospiterà i protagonisti del Mondiale nel primo fine settimana di agosto. Si tratterà di un fatto inedito visto che il WTCC o l’attuale WTCR non hanno mai corso ad Adria. L’ultima apparizione del Mondiale in Italia risale al 2017, anno in cui si disputò un evento a Monza.

Il Nuerburgring (Germania) inaugurerà il 2021 prima della della trasferta cittadina di Vila Real (Portogallo) e dell’appuntamento spagnolo di Aragon. Budapest (Ungheria) chiuderà invece la parentesi nel Vecchio Continente con una manifestazione nel fine settimana del 22 agosto.

Luca Pellegrini

1 COMMENT

  1. Tenho pena que o artigo desconheça que a pista de Vila Real é citadina, sendo o circuito mítico de Portugal, situando se no norte. A pista de Portimão poderá ser a alternativa se a situação da pandemia se manter, sendo possível a sua realização pois é permanente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.