WTCR Aragon

Tutto è pronto dal MotorLand Aragon per l’epilogo del FIA World Touring Car Cup (WTCR). Il circuito spagnolo ospita altre tre prove della serie dopo la rinuncia di Adria, pista scelta dopo l’emergenza sanitaria come chiusura del campionato.

L’impianto che si snoda nel deserto di Aragon è il teatro dell’ultimo atto della sfida tra il francese Yann Ehrlacher ed l’argentino Esteban Guerrieri. Il primo, portacolori di casa Cyan Racing Lynk & Co, si appresta a correre le tre prove conclusive con 26 lunghezze da gestire sull’Honda dell’ALL-INKL.COM Münnich Motorsport, vice campione della serie nella passata edizione del WTCR.

L’argentino ed il francese verranno sicuramente supportati dai rispettivi compagni di box, pedine fondamentali in un week-end che si prospetta molto interessante. Il portoghese Tiago Monteiro, l’ungherese Attila Tassi e l’argentino Nestor Girolami, alfieri di Honda, faranno di tutto per aiutare Guerrieri che sfida, oltre ad Ehrlacher, le tre Lynk & Co del francese Yvan Muller, dell’uruguaiano Santiago Urrutia e dello svedese Thed Björk.

Aragon: Alfa Romeo ed Audi ci credono

Nella lotta al titolo potrebbero inserirsi due altre auto: l’Alfa Romeo e l’Audi. La prima, iscritta all’evento aragonese con il Team Mulsanne e con il francese Jean-Karl Vernay, è al momento al terzo posto della graduatoria assoluta.

La Giulietta #69 ha vinto per la prima volta nel Mondiale in occasione della race-1 di due settimane fa e si appresta a vivere l’ultimo atto con 43 lunghezze da recuperare al transalpino di casa Lynk & Co. Nulla è perduto dunque per l’unica Alfa Romeo in pista, molto competitiva in Spagna in tutte le tre prove.

Non possiamo non citare anche Audi che, ad inizio mese, ha festeggiato con il belga Gilles Magnus il titolo riservato agli esordienti. Quest’ultimo rappresenterà il Comtoyou Racing insieme all’olandese Tom Coronel ed il francese Nathanael Berthon.

Ci attendiamo conferme anche dalla Cupra, che con l’iberico Mikel Azcona ha vinto la prima competizione internazionale con la nuova vettura in occasione della race-2 di due settime fa.

Hyundai cerca di chiudere in bellezza

Cerca di chiudere in bellezza la stagione la Hyundai che è matematicamente out dalla lotta per il Mondiale. Sarà la prima volta dopo due edizioni del WTCR che il trofeo non sarà alzato da un pilota del costruttore Coreano. Assente all’evento Nicky Catsburg. Dopo aver saltato la prima manifestazione di Aragon in seguito alla positività al Coronavirus, l’olandese boicotta il final round del WTCR per l’impegno con Corvette nell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship alla 12h di Sebring. Al suo posto ci sarà il malesiano Mitchell Cheah, pilota che ha militato nell’ADAC TCR.

Nelle ultime tre prove scopriremo anche il campione del WTCR Trophy, il trofeo in cui si sfidano i piloti che gareggiano con vetture non ufficiali. Al momento al comando troviamo la già citata Alfa Romeo di Vernay con 93 punti contro i 78 di Magnus, i 77 di Berthon ed i 73 di Coronel.

Appuntamento a domenica per scoprire il terzo campione della storia del FIA World Touring Car Cup.

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.