SBK Thai Bautista FP

Nel venerdì di prove libere della SBK in Thailandia è ancora Alvaro Bautista con la Ducati ad aprire la classifica combinata dei tempi, anche se la copertura utilizzata è la SCX da Superpole Race. Decisamente competitivo Jonathan Rea, che invece usa la copertura da gara per rimanere a portata di recupero dallo spagnolo. Quattro Yamaha (con Cortese in cima) inseguono il duo di testa.




FORSE LA DUCATI C’ENTRA POCO.

Dopo il round australiano la Ducati è stata bersagliata da forti critiche, tutte incentrate sul fatto che la moto con cui stanno correndo questo Mondiale Superbike 2019 è pressochè una MotoGP con i fanali. Non ci vuole molta memoria per poter ricordare che critiche molto simili furono mosse anche ad Aprilia con la prima versione della RSV4, e le due situazioni condividono la stessa condizione di base: non è vero nulla. È vero che Alvaro Bautista apre questo weekend tailandese con la testa della classifica, ma è altrettanto vero che il suo 1’32”971 è stato fatto con la copertura SCX (la versione soffice per i 10 giri della Superpole Race) e che i suoi compagni di marca sono ad un secondo dal tempo dello spagnolo.

DUE MARZIANI SI INCONTRANO.

La realtà è che lui e Jonathan Rea sono di un altro pianeta. Lo si capisce dal fatto che la punta di diamante Kawasaki, nonostante un certo deficit in termini di velocità di punta e soprattutto di accelerazione, riesce a confermare il secondo tempo a meno di 3 decimi da Bautista, e soprattutto a farlo con una SC da gara e non da qualifica. Come per Bautista, i compagni di marca di Rea sono decisamente più in difficoltà: Haslam paga mezzo secondo, il trio Torres-Mercado-Razgatlioglu più di un secondo. Nella SBK il pilota evidentemente conta ancora più della moto che conduce.

PLOTONE YAMAHA IN RECUPERO.

Dal punto di vista della marca è sicuramente la casa dei tre diapason la più competitiva. Ci sono infatti quattro Yamaha dal terzo posto fino al sesto, con Cortese che apre il plotone blu davanti a Lowes, VD Mark e Marco Melandri. Anche i distacchi non sono male, da mezzo secondo a quasi sette decimi da Bautista, ma tutti i tempi buoni sono stati siglati con la SCX da SPRace, il che vuol dire che in questo momento il più veloce sul giro secco è Jonathan Rea. Verdetto definitivo domani mattina alle 7:00 italiane per la Superpole.

LA CLASSIFICA COMBINATA DELLE FP.

1 A. BAUTISTA – ARUBA.IT Racing – Ducati 1’32.971

2 J. REA – Kawasaki Racing Team WorldSBK +0.298

3 S. CORTESE – GRT Yamaha WorldSBK +0.494

4 A. LOWES – Pata Yamaha WorldSBK Team +0.579

5 M. VAN DER MARK – Pata Yamaha WorldSBK Team +0.591

6 M. MELANDRI – GRT Yamaha WorldSBK +0.653

7 L. HASLAM – Kawasaki Racing Team WorldSBK +0.826

8 E. LAVERTY – Team Goeleven Ducati +0.928

9 L. CAMIER – Moriwaki Althea Honda Team +0.976

10 T. SYKES – BMW Motorrad WorldSBK Team +1.051

11 C. DAVIES – ARUBA.IT Racing – Ducati +1.122

12 M. REITERBERGER – BMW Motorrad WorldSBK Team +1.356

13 J. TORRES – Team Pedercini Racing Kawasaki +1.549

14 M. RINALDI – BARNI Racing Team Ducati +1.579

15 L. MERCADO – Orelac Racing VerdNatura Kawasaki +1.695

16 R. KIYONARI JPN Moriwaki Althea Honda Team +1.812

17 T. WAROKORN – Kawasaki Thailand Racing Team +1.974

18 T. RAZGATLIOGLU – Turkish Puccetti Racing Kawasaki +2.000

19 A. DELBIANCO – Althea Mie Racing Team Honda +2.756

WSBK | CAMBIA IL REGOLAMENTO DELLA TISSOT SUPERPOLE RACE

Alex Dibisceglia

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.