Most

La Repubblica Ceca torna ad ospitare le derivate di serie più veloci del mondo presso l’impianto di Most, a distanza di tre anni dall’ultima volta. A Brno, quel giorno, le vittorie andarono rispettivamente di Rea in gara 1 e di Alex Lowes allora su Yamaha, in gara 2.

NUOVA PISTA, NUOVO SPETTACOLO?

Il tracciato scelto è l’Autodromo di Most, pista costruita tra il 1978 e il 1981 e che per la prima volta ospita la WorldSBK. Nella sua storia aveva già ospitato le moto: nel 1987-88 aveva ospitato il campionato europeo di velocità, l’antecedente dell’attuale C.E.V.

Il Layout del circuito rivisto nel 2004 conta 21 curve, per una lunghezza totale di 4.212 metri. Questa configurazione di tracciato permette di sorpassare molto facilmente e quindi sicuramente non mancherà lo spettacolo! Potrebbe essere una pista molto buona per Kawasaki.

L’accordo siglto tra Dorna e il Most Circuit è su base quinquiennale. Nell’accordo ricade anche la televisione Nova TV, che ha acquisito i diritti TV.

DICHIARAZIONI E PRIME IMPRESSIONI DALL’ORGANIZZATORE

C’è chiaramente gioia da parte di Josef Zajicek, capo esecutivo dell’autodromo di Most che ha dichiarato: “Si tratta di un evento unico e una pietra miliare nella storia quasi quarantennale dell’Autodrom. Per la prima volta ci apprestiamo a organizzare gare di un campionato del mondo. Siamo ovviamente molto felici di raccogliere questa sfida. Il nostro obiettivo è aprire l’impianto al pubblico. Sarà nostra premura soddisfare i piloti, i team, i partner, gli sponsor e gli spettatori e non vediamo l’ora che arrivi la prossima edizione di questo spettacolo unico in cui entreranno in azione moto potenti e piloti coraggiosi”.

Anche Gregorio Lavilla, direttore esecutivo della Superbike, ha rilasciato una dicharazione a riguardo: “Siamo entusiasti di dare il benvenuto all’Autodrom Most nel nostro calendario per le prossime cinque stagioni. L’annuncio di oggi rispecchia la popolarità del Campionato tra gli appassionati di questo Paese. Considerando i team e i piloti cechi presenti nel paddock, si tratta di una grande opportunità per la Repubblica Ceca e sono molto fiducioso che l’autodromo ospiterà appuntamenti fantastici in futuro”.

ARRIVEDERCI A PHILLIP ISLAND: CI VEDIAMO NEL 2022!

Purtroppo pista che trovi pista che perdi. Per questo 2021 purtroppo non si andrà in Australia sul tracciato di Phillip Island, che da ventotto anni ospita ininterrottamente le Sbk e che ha regalato sempre perle di storia con le battaglie epiche, ultime, ma non per importanza, quelle dello scorso anno. Si parla comunque in maniera positiva per il prosieguo della collaborazione e di conseguenza delle gare nel Victoria a partire dal 2022.

David Bennett, capo della pista di Phillip Island, ha dichiarato: “Nessun altro circuito al mondo ha ospitato così tanti eventi del World Superbike come Phillip Island. Concordiamo sul fatto che ora è tempo di dedicare i nostri sforzi sul round che aprirà la stagione 2022. La decisione di non svolgere il round previsto per il 2021 non avrà impatti negativi sul proseguimento di questo appuntamento dal momento che sicuramente si correrà sul circuito di Phillip Island fino al 2027”.

Sul tema si è espresso anche Lavilla: “Per quanto riguarda l’Australia, tutte le parti coinvolte, analizzando gli ultimi cambiamenti in tutti gli eventi delle maggiori competizioni motoristiche e anche considerando l’incertezza legata alla pandemia che la miglior soluzione fosse quella di spostare il round ad inizio stagione 2022. Non vediamo l’ora di tornare lì nella prossima stagione!”

CALENDARIO 2021 AGGIORNATO AL 29/04/2021

Giacomo Da Rold

Leggi anche: WSBK | Test Aragon, Day2: Ducati al top, Redding al comando

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.