Le Mans Foto: Pier Colombo

Continuano le notizie da Le Mans e dal FIA World Endurance Championship dopo la recente 24h e gli annunci che hanno caratterizzato la vigilia della mitica competizione francese. Spazio quest’oggi anche alle ultime dal GT World Challenge Europe con alcuni piloti che rinunciano alle ultime due sfide dell’Endurance Cup per dedicarsi al DTM.

United Autosports con due auto nel WEC 2022

United Autosports pensa già al 2022 ed espande il proprio impegno nella classe LMP2 con una seconda auto. La realtà americana ufficializza un operazione che originariamente era già prevista per il 2021.

Saranno quindi due le Oreca che verranno schierate nel prossimo anno dalla formazione che ha vinto nel 2020 il titolo del WEC, la 24h di Le Mans e l’ELMS. Il forte team statunitense ha già annunciato che il portoghese Filipe Albuquerque manterrà il proprio posto nella squadra anche per il prossimo campionato.

Il due volte vincitore della Rolex 24h, attuale leader dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship, ha dichiarato: “Sono felicissimo di poter continuare con United Autosports per il 2022. Ha senso per noi continuare insieme, ci conosciamo molto bene. Il loro metodo di lavoro è incredibile, sono fantastici”.

TF Sport pensa alla 24h di Le Mans 2021 in GTE PRO

TF Sport potrebbe correre a Le Mans in GTE PRO. Porsche, Corvette e Ferrari si sono contese l’edizione 2021 che non ha visto presente l’Aston Martin. La casa britannica, vincente nel 2020, ha lasciato l’impegno nella classe PRO per puntare di più sui programmi clienti.

Tom Ferrier, team principal della squadra ha rilasciato ai microfoni di ‘Sportscar 365’: “Stiamo parlando per Daytona o Spa per un’auto PRO. Pensiamo anche a Le Mans visto che il prossimo anno potrebbe essere l’ultimo con tutte le case impegnate”

John Gaw, amministratore delegato di Aston Martin Racing, non esclude questa possibilità in una stagione che ha visto il marchio inglese salire sul podio assoluto della 24h di Spa-Francorchamps con Garage 59. Il costruttore britannico si sta concentrando esclusivamente sui programmi non ufficiali tra WEC (GTE-Am), ELMS, Michelin Le Mans Cup, GT World Challenge, British GT ed IMSA WTSC.

Il dirigente inglese ha dichiarato: “Vogliamo vincere Spa, il Nürburgring e Le Mans. Desideriamo dare il maggior supporto possibile ai nostri clienti per raggiungere questo obiettivo. Se un cliente ha un obiettivo noi lo supporteremo. Sono i soldi del cliente. La nostra priorità è stare accanto ai nostri customers”.

Peugeot Hypercar, il 2022 è sempre più vicino

Olivier Jansonnie, direttore tecnico del programma LMH di Peugeot, parla della nuova vettura, consapevole che il tempo a disposizione non è moltissimo. La stagione scatterà a marzo con la competizione di Sebring (USA), mentre la 24h Le Mans si svolgerà a giugno.

Il tecnico ha rilasciato alla stampa: “L’LMH è un regolamento completamente nuovo e il tempo richiesto per lo studio preliminare è stato enorme. La fase pre-concettuale probabilmente farà la differenza per i prossimi anni. Bisogna arrivare subito in pista, non c’è spazio per il minimo errore. Abbiamo lavorato su questo tipo di programma negli ultimi 18 mesi. Correremo nel 2022”.

Corvette guarda ad un programma GT3. Obiettivo 2024

Gli annunci di Le Mans potrebbero aver ampliato i programmi di Corvette in giro per il mondo. Laura Wontrop Klauser, responsabile corse per GM, sembra aprire la porta ai clienti a partire dal 2024 quando anche il marchio di Detroit avrà la propria GT3.

“Una volta sul mercato il cliente è libero di scegliere dove vuole correre con l’auto. Stiamo esaminando tutti gli aspetti necessari per la nostra GT3. Il supporto è un aspetto fondamentale che dobbiamo fare bene. Vogliamo assicurarci che chiunque stia guidando una Corvette abbia l’opportunità di avere successo”.

L’obiettivo sarebbe quello di ampliare i propri programmi e gareggiare in eventi esclusivi per la GT3 come la 24h di Spa-Francorchamps, la 12h di Bathurst o la 24h del Nürburgring. “Facciamo molti test di messa a punto al Nürburgring con la nostra auto di serie. Quanto sarebbe bello andare alla 24 Ore del Nürburgring con l’auto da corsa?”.

Problemi di calendario tra GT World Challenge e DTM

I calendari del DTM e del GT World Challenge Endurance Cup creano problemi ad alcuni piloti. Questo week-end e e quello del 10 ottobre sono i fine settimana in questione che hanno costretto quattro protagonisti a rinunciare alla serie di SRO.

Walkenhorst Motorsport, squadra di BMW, sarà al via con due auto al  Nürburgring nella penultima tappa di durata con il confermato David Pittard sulla #34. Il pilota teutonico verrà accompagnato dai britannici Jake Dennis e Nick Yelloly che sostituiranno Sheldon van der Linde e Marco Wittmann.

Cambia anche la formazione della #35 che vede Nick Catsburg accanto ai tedeschi Martin Tomczyk e Thomas Neubauer. Assente Timo Glock, iscritto regolarmente al DTM con ROWE Racing.

Modifiche in vista anche per HRT con il monegasco Vincent Abril che si concentrerà sul DTM. Luca Stolz/Maro Engel si alterneranno al volante con Nico Bastian. Evidenziamo anche l’assenza di Kelvin van der Linde, leader della classifica della categoria teutonica che lascia posto sull’Audi #32 di WRT a Robin Frinjs.

Davide Rigon ancora lontano dalle corse

Davide Rigon non parteciperà alla prova del  Nürburgring, del GT World Challenge Endurance Cup. Il portacolori dell Ferrari ha saltato anche la 24h di Le Mans in seguito alle conseguenze dell’incidente avvenuto nella prima ora della 24h di Spa-Francorchamps.

Una nota della Ferrari recita: “La guarigione dall’incidente alla 24 Ore di Spa sta procedendo senza intoppi, ma i medici hanno consigliato a Rigon di saltare anche questo evento”.

Al suo posto, sulla Rossa #71 di Iron Lynk, ci sarà Alessio Rovera. Il lombardo, vincitore della 24h di Le Mans in classe GTE Am e della 24h di Spa in PRO-Am, debutta tra i PRO nell’Endurance Cup accanto ad Antonio Fuoco ed a Callum Ilott

NASCAR Cup Series, Kurt Busch continua anche nel 2022

Kurt Busch, presente quest’anno con Ganassi, lascia Chevrolet per gareggiare con Toyota il prossimo anno. Il campione 2004 sarà al volante della seconda Camry del 23XI Motorsport accanto al confermato Bubba Wallace.

Il fratello di Kyle Busch entra nella formazione di Denny Hamlin e Michael Jordan, team che ha il supporto del Joe Gibbs Racing. Il 2022 presenterà un anno nuovo per la NASCAR Cup Series che, lo ricordiamo, debutterà con le ‘Next Gen’.

Luca Pellegrini

Foto: Pier Colombo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.