GT World Challenge FIA WEC

Continuano le novità dal mondo delle ruote coperte in particolare dal GT World Challenge Europe e da FIA World Endurance Championship (FIA WEC). Saranno, invece, 39 le auto che correranno in ELMS a Spa-Francorchamps tra due settimane in quella che sarà la prima prova della stagione con il pubblico in autodromo.

GT World Challenge: Grasser saluta il gruppo al termine del 2021

Con ancora in mente la 3h del Nuerburgring dello scorso week-end, il GT World Challenge Europe guarda già al 2022 con l’uscita del Team Grasser. La formazione austriaca si concentrerà su due categorie nel prossimo anno, una in Europa ed una in America.

L’IMSA WeatherTech SportsCar Championship è confermato per la realtà di Lamborghini che sta valutando un impegno nell’ADAC GT Master o nel DTM. La squadra potrebbe aggiungersi nel ‘nuovo DTM’ che vede già il marchio bolognese impegnato con il T3 Motorsport che proprio a Spielberg ha deciso di portare una vettura supplementare.

Il GT World Challenge Europe è ritenuto troppo dispendioso da Gottfried Grasser che quest’anno è in pista in Silver Cup con Kikko Galbiati/Clemens Schmid/ Tim Zimmermann.

Il team principal dell’omonima formazione ha rilasciato ai microfoni di ‘Sportscar365’: “Se potessi tornare all’inizio dell’anno probabilmente non avrei fatto l’Endurance Cup. Tre programmi sono tanti. Correre con una singola auto non vale la pena. Il GT World Challenge è grande campionato, ma forse è meglio concentrarsi solo su IMSA ed un campionato tedesco”.

Grasser guarda al DTM, campionato che sta avendo successo con i nuovi regolamenti GT3: “Il DTM sta facendo un buon lavoro ed è interessante per gli sponsor visto l’ottima attenzione mediatica. Penso che l’organizzazione sia davvero buona e dobbiamo prenderla in considerazione. La Germania è un mercato pazzesco. Solo in un paese competono circa 50 GT3”.

Non si esclude un impegno tra i PRO in IMSA, realtà che dal 2022 adotterà la GTD PRO al posto dell’attuale GTLM: “Penso che ci siano alcuni piloti davvero bravi che dovrebbero combattere con i PRO. Se finanziassi un programma sarei curioso di vedere i risultati nella classe principale”.

Leipert Motorsport pronta a tornare

Grasser lascia, Leipert Motorsport torna nel GT World Challenge Endurance Cup. La compagine teutonica gareggerà con una Lamborghini Huracan GT3 Evo ad oltre 10 anni dalla prima apparizione nella categoria che, lo ricordiamo, nacque nel 2011.

Brendon Leitch è il primo pilota confermato per l’impegno nel 2022 che dovrebbe essere limitato alla Silver Cup. Quest’ultimo pilota scenderà in pista con Tyler Cooke il prossimo 25-26 settembre a Monza nell’appuntamento dell’International GT Open.

Il programma prevede anche la partecipazione all’inaugurare tappa di Sebring della 24h Series del prossimo novembre, evento che precederà di due mesi la 24h di Dubai 2022 che si svolgerà come sempre a gennaio.

IGTC: la 9h di Kyalami è a rischio

Rathel ed i suoi uomini hanno presentato lo scorso week-end il calendario 2022 del GT World Challenge Europe. Mancano all’appello le date dell’Intercontinental GT Challenge, realtà che dovrebbe essere definita ad ottobre in occasione dell’epilogo dell’Endurance Cup in quel di Barcellona.

La situazione è in continua evoluzione e prima di pensare al 2022 è doveroso guardare alla stagione in corso che in seguito all’emergenza sanitaria ha visto l’uscita di scena della 12h di Bathurst e della 10h di Suzuka. La 24h di Spa-Francorchamps ha inaugurato a luglio un campionato che continuerà con la 8h di Indianapolis, attualmente confermata.

Il dubbio resta per il Sud Africa che dovrebbe completare l’IGTC con una 9h. Il numero uno di SRO ha rilasciato alla stampa. “Stiamo ancora esaminando la situazione da vicino. Nel momento in cui lasci l’Europa non sei mai completamente sicuro. Ora stiamo aspettiamo la gara di Indianapolis. Tutto è ancora molto complicato”.

A rischio c’è anche la 12h di Bathurst. La corsa australiana che tradizionalmente apre la stagione è ancora in bilico viste le stringenti restrizioni presenti. Ricordiamo che il mondo delle corse è letteralmente bloccato da luglio e fino ad ottobre non è prevista una ripartenza per quanto riguarda il Supercars Championship o il GT World Challenge Australia.

FIA WEC, Hanson continua con United

Oltre al GT World Challenge ci sono anche delle news dal FIA WEC con United Autosports conferma per la prossima stagione il britannico Phil Hanson. Il pilota inglese continua l’avventura nel Mondiale con la formazione americana che ha già annunciato l’impegno nella stagione 2022 con due auto.

Il campione in carica del FIA WEC ha rilasciato alla stampa: “Sono lieto di rimanere con United per un’altra stagione del FIA WEC nel 2022. Non vedo l’ora di quella che sarà la mia terza stagione nel WEC e il quarto anno consecutivo con una squadra che sento sia diventata la mia famiglia nel motorsport”.

Molto probabilmente il britannico continuerà ad alternarsi al volante con il portoghese Filipe Albuquerque, pilota che già stato confermato con la realtà che nel 2020 ha vinto nella classe LMP2 la 24h di Le Mans.

Anche Zak Brown, co-proprietario del team, ha voluto commentare l’annuncio odierno: “Sono davvero felice di avere Phil come parte della squadra ancora una volta. È cresciuto in maturità e talento da quando è entrato a far parte di noi nel 2018″.

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.