Nürburgring

Mirko Bortolotti/Marco Mapelli/Andrea Caldarelli vincono la 3h del Nürburgring, penultimo atto del Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS Endurance Cup. La Lamborghini domina la scena precedendo all’arrivo La Mercedes #88 di Raffaele Marciello/Jules Gounon/Felipe Fraga (AKKA ASP) e l’AMG #4 di Maro Engel/Luca Stolz/Nico Bastian (HRT).

Nürburgring: FFF Racing senza rivali

Mirko Bortolotti/Marco Mapelli/Andrea Caldarelli (Orange 1 FFF Racing Team #63), autori della pole-position, hanno iniziato nel migliore la competizione prendendo un secondo sulla concorrenza capitanata dalla Mercedes #88 di Raffaele Marciello/Jules Gounon/Felipe Fraga (AKKA ASP).

La prima ora non ha visto un cambio nelle prime cinque piazze con Mapelli saldamente leader su Marciello e la Porsche #22 di Earl Bamber/Mathieu Jaminet/Matt Campbell (GPX Racing), vincitori della 1000km del Paul Ricard. 

Andrea Caldarelli ha continuato l’opera di Mapelli ed ha allungato sulla Mercedes #88 che dopo la sosta in pit lane ha perso degli importanti secondi nel traffico.
Maro Engel/Luca Stolz/Nico Bastian (HRT #4/Mercedes) sono saliti al terzo posto davanti alla Lamborghini #140 di Arthur Rougier/Konsta Lapalainen/Luca Ghiotto (Emil Frey).

A metà gara si accesa la lotta per il quarto posto con l’australiano Matt Campbell che si è messo all’attacco di Luca Ghiotto, all’esordio nella serie con Lamborghini al posto del britannico Jack Aitken. Il vincitore della 12h di Sebring (GTLM) 2021 non è riuscito a completare lo stint davanti l’ex pilota di F2, bravo a respingere l’alfiere della Porsche.

Ultima ora d’azione

Nell’ultima ora non sono mancate le emozioni con due neutralizzazioni che hanno rimescolato le carte. La prima SC è della giornata è stata chiamata in causa a 41 minuti dalla conclusione in seguito ad un problema nell’ultima chicane della BMW M6 #10 di Boutsen Ginion Racing.

La Lamborghini #63 di Mirko Bortolotti ha subito allungato sulla Mercedes #88 del francese Jules Gounon, mentre due auto finivano nella ghiaia della curva intitolata a Michael Schumacher. La Porsche #22 di Mathieu Jaminet e la Ferrari #71 di Iron Lynk con il nostro Antonio Fuoco hanno sono uscite di pista dopo aver messo le ruote sulla tanta ghiaia presente fuori dalla traiettoria.

Una nuova SC ha ricompattato il gruppo, ma Bortolotti non si è fatto intimidire. Il trentino ha respinto le due Mercedes che anche questa volta sono costrette ad alzare bandiera bianca. Sesto posto per Dries Vanthoor/Charles Weerst/Robin Frijns (WRT/Audi #32) davanti a Alessandro Pier Guidi/Nicklas Nielsen/Côme Ledogar (Iron Lynk/Ferrari), sempre più vicini al titolo nell’Endurance Cup.

Silver Cup, Nürburgring: beffa per Galbiati e Grasser Racing

Tim Zimmermann/ Kikko Galbiati/Clemens Schmid dominano la scena, ma un errore negli ultimi giri vanifica una vittoria che sembrava certa. L’Huracan #16 del Grasser Racing Team regala la vittoria alla Lamborghini di Rolf Ineichen/Alex Fontana/Ricardo Feller (Emil Frey #14) davanti alla Mercedes #7 di Oscar Tunjo/Paul Petit/Marvin Diens (Toksport #7).

Galbiati ed i suoi compagni hanno iniziato nel migliore dei modi la quarta tappa della stagione. Gli alfieri della formazione austriaca hanno gestito alla perfezione la prima ora respingendo gli ipotetici attacchi dell’Audi #99 di Attempto con Alex Aka/Dennis Marschall/Max Hofer.

Un errore di Zimmermann all’ultima chicane ha tolto dai giochi l’Huracan #16 che ha gestito per oltre 2h e 30 l’evento. Terzo posto finale per la già citata Audi #99 che nel finale ha ceduto alla Mercedes #7 di Toksport.

PRO-Am: giornata perfetta al Nürburgring per FFF Racing Team

Giornata perfetta per Orange 1 FFF Racing Team che vince anche in PRO-Am con 
Hiroshi Hamaguchi/Phil Keen/Stefano Costantini #19. Il terzetto di Lamborghini si impone per la prima volta in stagione al termine di una prova molto serrata.

Dopo una mediocre 24h di Spa-Francorchamps, Chris Froggatt/ Rino Mastronardi/Jonathan Hui (Sky Tempesta Racing #93) hanno gestito i primi 30 minuti in PRO-Am. Il terzetto della Ferrari è stato subito attaccato dalla Mercedes #20 di Valentin Pierburg/Dominik Baumann/Florian Scholze (SPS automotive-performance) che ha provato in tutti i modi a passare la Rossa prima della sosta.

Mastronardi ha gestito fino al termine dei primi 60 minuti quando, in curva 1, l’AMG #20 ha preso il comando. Il primo dei tre pit stop ha premiato la vettura di SPS automotive che ha provato ad allungare sulla Mercedes di Sam De Haan/Fabian Schiller/Robert Collard (RAM Racing) e la Lamborghini di Hiroshi Hamaguchi/Phil Keen/Stefano Costantini (Orange 1 FFF Racing Team #19).

L’ultimo restart ha visto una bellissima lotta tra la già citata AMG di RAM Racing e la Lamborghini #19 di FFF Racing. Quest’ultima ha ceduto il passo al tedesco Fabian Schiller, ma ad 8 minuti dalla conclusione è stato tradito dalla ‘Michael Schumacher S’.

Keen è ritornato al comando e non ha più ceduto la leadership. Secondo posto per la già citata Ferrari #93 di Sky Tempesta Racing davanti alla Mercedes di RAM che ha letteralmente sfiorato il successo. Solo nona l’Aston Martin #188 di Alex West/Chris Goodwin/Jonny Adam (Garage 59).

Dopo il Nürburgring, prossimo appuntamento del GT World Challenge Europe a fine settembre a Valencia con la Sprint Cup. La Spagna sarà protagonista anche con l’Endurance che si concluderà in quel di Barcellona ad ottobre.

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.