Le qualifiche del GP degli Stati Uniti di F1 hanno regalato una lista dei tempi molto compressa tra i primi dieci e la pioggia di penalizzazioni andrà a mescolare ulteriormente le carte in griglia: la nostra analisi telemetrica andrà a scovare qualche dettaglio maggiore sull'andamento delle qualifiche, magari utilizzabile per la gara.

Vento

Al Circuit of the Americas i piloti hanno trovato un clima tiepido, ma caratterizzato da forti folate di vento. Le velocità del vento, oltre 23 km/h, hanno costituito un grosso problema, soprattutto in termini di folate laterali, per la stabilità durante il giro. Il posizionamento nel tardo pomeriggio della sessione ha lasciato le scuderie con qualche dubbio nell'impiego ottimale delle gomme. Infatti nella seconda manche i piloti hanno fatto ingresso in pista con calma, spesso con gomme già usate. Nel Q3 la Red Bull ha deciso di far girare Max Verstappen per due giri lenti di riscaldamento, per poi lanciarsi nella tornata veloce. Considerando l'orario della gara, questa tipologia di problemi non dovrebbe presentarsi, perlomeno in forma così evidente. In ogni caso la gestione corretta degli pneumatici, come sempre, costituirà una chiave di lettura del risultato finale.

Telemetria

Analizziamo i tracciati di velocità dei giri migliori di Sainz, Verstappen ed Hamilton, corredando il tutto con i dati degli intermedi.

Driver SAI
LapTime 0 days 00:01:34.356000
Sector1Time 0 days 00:00:25.525000
Sector2Time 0 days 00:00:38.097000
Sector3Time 0 days 00:00:30.734000
Driver HAM
LapTime 0 days 00:01:34.947000
Sector1Time 0 days 00:00:25.722000
Sector2Time 0 days 00:00:38.090000
Sector3Time 0 days 00:00:31.135000
Driver VER
LapTime 0 days 00:01:34.448000
Sector1Time 0 days 00:00:25.599000
Sector2Time 0 days 00:00:37.846000
Sector3Time 0 days 00:00:31.003000

Globalmente la Ferrari pare averne di più in allungo, per quanto Red Bull e Mercedes sovrastino nella parte alta dello spettro delle velocità. Nella parte guidata del primo settore si nota come la linea della velocità di Sainz sia sostanzialmente diversa da quella di Verstappen ed Hamilton. In questo tratto notiamo anche l'utilizzo sostanzialmente differente dell'acceleratore da parte dell'olandese. Nel settore centrale le curve di velocità risultano quasi sovrapponibili. Nella parte finale, la Ferrari dispone, plausibilmente, di una trazione migliore e di una velocità di percorrenza in curva più alta. Ferrari stravince nel terzo settore, mentre negli altri paga poco rispetto alla Red Bull. Questo potrebbe essere un problema nel caso Verstappen ed Hamilton scattino bene al via e Sainz abbia solo le armi per avvicinarsi in un settore dove non si passa.

Hamilton

Lewis Hamilton ha dichiarato: "Il fatto è che siamo dietro di sei decimi. Dato il grosso lavoro di tutti per portare gli aggiornamenti, trovare lo stesso gap è difficile da capire. (...) Per tutto il fine settimana è andato tutto bene. Mi sentivo benissimo con la macchina ieri in P1, poi anche in P2 con il test delle gomme e poi stamattina. Poi nelle qualifiche abbiamo sofferto massicciamente con il sovrasterzo. Quindi stavo solo combattendo, prendendo il posteriore per la maggior parte del tempo. (...) Sembrava ci fosse una grande differenza forse dovuta al calo di temperatura."

Luca Colombo

Leggi anche: F1 | LOGAN SARGEANT: PRIMA LA SUPERLICENZA, POI LA WILLIAMS

LiveGP.it è la storia di un piccolo sogno divenuto realtà. Un progetto partito da un foglio bianco nel Novembre 2012 e cresciuto, giorno dopo giorno, fino a diventare un vero e proprio network a 360° operativo nel mondo del Motorsport.

LiveGP.it è una Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 27/04/2016 al numero 134. Proprietario e editore: Marco Privitera. P.IVA 08976770969 © Copyright LiveGP.it 2012-2024

Contact us: [email protected]

Powered by Slyvi