lorenzo silverstone

Un grandissimo Jorge Lorenzo debutta negli eSports vincendo il Michelin Virtual British Grand Prix di Silverstone davanti a Rabat e Quartararo. Una gara di solamente 8 piloti, ma nel complesso divertente per le battaglie viste in pista.

Debutto vincente quello di Jorge Lorenzo nella Virtual Race odierna di Silverstone. Il maiorchino ha fatto quello che tutti conosciamo, ovvero appena trovato il varco giusto è passato su Rabat andando poi a vincere la gara, imponendo il suo ritmo nonostante la caduta al primo giro provocata da Nakagami.

LORENZO IN POLE DAVANTI A QUARTARARO 

Come accaduto nelle altre gare, il canale Youtube della MotoGP ci ha mostrato solo gli highlights delle qualifiche nelle quali il maiorchino Jorge Lorenzo ha dato il meglio di sé centrando la pole position davanti a Quartararo. Una bella doppietta Yamaha.

NAKAGAMI NE COMBINA DI TUTTI I COLORI

In perfetto stile Austria, Nakagami al primo giro ha combinato un po’ di pasticci mandando nel ghiaione anche Jorge Lorenzo. Il giapponese del team LCR si è portato in testa alla gara con un buon margine su Tito Rabat, salvo poi mandare tutto all’aria con una scivolata poco dopo metà gara, riaprendo ogni discorso per la vittoria.

LO STILE UNICO DI JORGE LORENZO 

Pur essendo una gara virtuale, è stato bello rivedere all’opera Jorge Lorenzo. Un plauso davvero ai ragazzi di Milestone per aver riprodotto fedelmente sia la Yamaha ufficiale che il numero di gara del maiorchino, unico ad utilizzare un nickname facilmente leggibile. La cosa più bella tra tutte è stata vedere lo stile di guida impeccabile di Jorge, riprodotto anche nel gioco. Un Lorenzo pulitissimo nelle traiettorie che ha fatto segnare anche il giro più veloce della gara prima che Quartararo lo battesse.

QUARTARARO DALLE STALLE ALLE STELLE

Continuano le peripezie di Fabio Quartararo, che nelle gare virtuali è riuscito ad arrivare al traguardo, non senza aver lanciato la sua Yamaha nel ghiaione almeno una volta. Durante la gara il buon Fabio ha litigato sia con Pirro che con Rabat, finendo a terra un paio di volte prima di centrare il podio all’ultimo respiro davanti a Nakagami.

10 GIRI DI FUOCO TRA DUELLI E CADUTE 

Come successo nelle altre gare, anche in questa gara di Silverstone, ridotta nel numero di partecipanti, non sono mancate certo le cadute, segno della poca confidenza con il tracciato britannico. Un crash a testa per Lorenzo e Nakagami, Quartararo almeno 2 o 3, tutti gli altri con 3 o più cadute. L’unico a salvarsi e finire la gara pulito senza penalità è stato Tito Rabat. Nel complesso è stata una gara divertente e con spunti interessanti per le prossime occasioni.

Per riascoltare la nostra cronaca della gara, cliccare sul link qui sotto

Marco Pezzoni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.