MotoGP | GP Emilia Romagna 2021: info e orari della seconda gara di Misano
Fonte: motogp.com

Dopo più di due settimane di pausa la MotoGP torna in pista e lo fa in un fine settimana storicamente molto importante. A dieci anni dalla scomparsa di Marco Simoncelli il Misano World Circuit (intitolato proprio al SIC) ospiterà il Motomondiale in occasione del GP del Made in Italy e dell’Emilia Romagna, 16° round del 2021. Si tratta indubbiamente di una ricorrenza emotivamente intensa e ricca di spunti per ricordare uno dei simboli della MotoGP moderna.

Il SIC è venuto a mancare nel tragico incidente di Sepang il 23/10/2011 e proprio in questo stesso giorno, dieci anni dopo, i piloti del Motomondiale lotteranno per le Pole Position nel tracciato dedicato al pilota di Coriano. Per ricordare Marco Simoncelli verrà piantata una quercia in prossimità dell’omonima curva, il tutto appena ultimate le qualifiche. Questo gesto riporta alla mente ciò che si decise di fare in Malesia nel 2014 in prossimità di curva 11, la stessa in cui il SIC perse la vita.Fabrizio Cecchini, capotecnico Gresini, il giornalista Giovanni Zamagni ed il fotografo Gigi Soldano piantarono una palma sotto lo sguardo degli addetti ai lavori.

Fine settimana di commemorazioni non solo per la famiglia Simoncelli. Anche Gresini, infatti, sarà protagonista di un toccante ricordo per onorare la memoria del compianto Fausto. Luca Gresini, secondogenito, guiderà la Garelli 125 con la quale il papà vinse il primo dei due mondiali (1985). A seguire Luca saranno Fabio Di Giannantonio, Niccolò Bulega, Jeremy Alcoba e Gabriel Rodrigo, ossia gli attuali piloti Gresini Racing nel Motomondiale.

Inoltre quello dell’Emilia Romagna sarà l’ultimo Gran Premio di Valentino Rossi in territorio italiano. Per tale motivo è atteso un grande pubblico che, grazie all’incremento delle presenze, si ritroverà al Santa Monica per onorare la carriera del nove volte iridato.

MOTOGP | PRIMO VERO MATCH-POINT PER QUARTARARO

La classe regina ha lasciato Misano con Bagnaia sul gradino più alto del podio, Quartararo subito dietro e Bastianini incredibilmente 3°. Completata la trasferta texana, dominata da Marc Márquez, si torna in Italia per il secondo GP nel circuito Marco Simoncelli di Misano. E proprio nell’ultimo weekend di ottobre Fabio Quartararo potrebbe giocarsi il primo match-point della stagione. Il francese di casa Yamaha arriva a Misano con 52 punti di vantaggio su Francesco Bagnaia e, se il vantaggio dovesse attestarsi sulle 51 lunghezze, Quartararo diventerebbe Campione del Mondo per la prima volta in carriera, per di più con due gare di anticipo. 

Quella di questo weekend è storicamente la seconda edizione del GP del Made in Italy e dell’Emilia Romagna, corso per la prima volta nella passata stagione. Nel 2020 Bagnaia si stava involando verso la prima vittoria in MotoGP, salvo cadere a 7 giri dalla bandiera a scacchi. L’errore del ducatista permise a Maverick Viñales di spuntarla ottenendo la prima ed unica vittoria del 2020. Alle spalle dell’ex Yamaha (che si prepara a salire in sella alla Aprilia RS-GP dopo l’assenza ad Austin dovuta alla scomparsa del cugino Dean Berta) si piazzarono il poi iridato Joan Mir e Pol Espargaró. 

MOTO2 | 9 PUNTI TRA GARDNER E RAUL FERNANDEZ: INIZIA LA VOLATA FINALE

75 sono i punti assegnabili da Misano a Valencia; solo 9 dividono il leader del mondiale Moto2 Remy Gardner e Raúl Fernández. Il debuttante spagnolo arriva da tre vittorie consecutive che, unite alla caduta di Gardner ad Austin, hanno ridotto gara dopo gara il divario tra i due portacolori Ajo. L’inerzia va a favore di Fernández, che appare inarrestabile, ma l’esperienza di Gardner potrebbe proprio giocare a favore del figlio d’arte nel momento in cui ogni punto vale. Tuttavia, in queste 15 gare di Moto2 abbiamo potuto comprendere quanto Raúl Fernández riesca a gestire agevolmente i momenti difficili. Perciò verrebbe da dire che questo sia uno scontro tutto sommato equilibrato nonostante i 54 GP in meno dello spagnolo. 

Statisticamente Fernández è il favorito vista la vittoria della prima gara a Misano, ottenuta proprio davanti a Gardner con Canet a chiudere il podio. Ciò nonostante lo stesso australiano si è dimostrato molto incisivo nel finale di gara, arrivando vicino ad un attacco finale poi non tentato a causa di un notevole scuotimento del posteriore al curvone. In più attenzione agli italiani: Di Giannantonio è tornato a podio in quel di Austin, gara che ha visto Bezzecchi sul secondo gradino del podio. Proprio questi due piloti potrebbero mischiare le carte rubando punti ai due rivali per il titolo.

Niente GP per Hafizh Syahrin: il malese di NTS ha deciso di rimanere in Malesia per stare vicino ai nonni, colpiti duramente dal Covid-19. Hafizh ha chiesto al team il permesso ed RW Racing GP ha compreso il momento difficile assecondando la volontà del pilota.

MOTO3 | ACOSTA E FOGGIA SEPARATI DA 30 PUNTI, NIENTE GP PER ÖNCÜ

Nella lunga pausa tra Austin e Misano la Moto3 si è ritrovata al centro di un calderone pieno di giudizi, critiche, opinioni e suggestioni riguardanti la sicurezza della categoria. Il primo segnale è arrivato dalla Direzione Gara, capace di muoversi in prima linea sospendendo Deniz Öncü per i due GP successivi. Il tracciato Marco Simoncelli è comunque molto diverso dal CoTA: l’assenza di lunghi rettilinei ed un disegno ricco di curve in sequenza potrebbero garantire una dinamica di gara più ordinata, proprio come successo a metà settembre nel GP di San Marino vinto da Dennis Foggia.

Proprio Foggia è il protagonista del fine settimana visti i 30 punti di ritardo dal leader Pedro Acosta. Il rookie spagnolo non ha riportato infortuni nonostante l’intensità e la violenza dell’incidente al CoTA, perciò si presenta in piena forma per difendersi dagli attacchi in arrivo da un Foggia forte di cinque podi consecutivi. L’unico obiettivo del romano di casa Leopard è vincere. Se Acosta chiudesse a podio a Misano solo i 25 punti della vittoria potrebbe consentire a Foggia di arrivare in Portogallo con concrete possibilità di lottare per il titolo. Comunque, viste le 30 lunghezze di scarto tra Acosta e Foggia, il primo dispone di qualche chance per diventare Campione del Mondo Moto3 già a fine ottobre.

Se Acosta dovesse vincere la gara sarebbe campione solo se Foggia completasse il GP al 12° posto (4 punti) o peggio. In tal caso Acosta salirebbe a quota 243 punti mentre Foggia sarebbe a 192: con 50 punti previsti tra Portimao e Valencia, gli ipotetici 51 di scarto consegnerebbero al pilota di Murcia il titolo Moto3 nell’anno di esordio. 

Parlando degli iscritti molte sono le novità:

  1. Sergio Garcia non correrà: il portacolori Aspar non ha ricevuto l’ok dai medici e, a causa dell’ematoma renale nato dall’incidente nelle FP1 di Austin, deve saltare anche questo GP. Per sostituirlo Aspar attinge dalla Rookies Cup e dal CEV mettendo sotto contratto David Alonso: 15enne colombiano campione Rookies e pilota Aspar nel CEV (8°), compagno di Holgado e Ogden, futuri piloti nel mondiale. Ha già girato a Misano correndo la gara del CEV, non andata per il meglio visto il 17° posto finale.

  2. Daniel Holgado al posto di Deniz Öncü: Poncharal si è portato avanti scegliendo Holgado come sostituto di Oncu. Proprio Daniel correrà nel mondiale 2022 con Tech3 al fianco del turco. Quest’anno il 16enne di Alicante ha corso in Rookies Cup (3°) ma l’obiettivo più importante risiede nel CEV Moto3, campionato che Holgado comanda ad un round dal termine. Holgado ha già esordito nella classe leggera quest’anno correndo il GP della Catalunya al posto di Maximilian Kofler (15°). Conosce Misano, ci ha corso la gara del CEV un mese fa cadendo alla penultima curva mentre lottava per la vittoria.

  3. Wild Card per Mario Suryo Aji: a Misano e Portimao il Team Asia schiererà tre moto in pista. Le prime due saranno affidate ai titolari Yuki Kunii e Andi Farid Izdihar mentre la terza apparterrà a Mario Suryo Aji, pilota indonesiano classe 2004 che quest’anno ha corso sia la Rookies Cup (12°) sia il CEV Moto3, campionato in cui occupa la 9^ posizione ad un round dalla fine.

  4. Gabriel Rodrigo ancora unfit: l’infortunio all’omero rimediato ad Aragon non è risolto e l’argentino, che ha compiuto 25 anni lo scorso 12 ottobre, non può ancora scendere in pista. Jeremy Alcoba invece correrà, sebbene l’incidente di Austin gli abbia procurato una lesione ad un dito della mano destra (dovrà cambiare la modalità di frenata).

GP EMILIA ROMAGNA 2021: DIRETTA LIVEGP.IT

LiveGP.it sarà come sempre in prima linea per commentare in diretta il GP del Made in Italy e dell’Emilia Romagna sul canale YouTube e Facebook. La trasmissione andrà in onda alle 13:45 di Domenica 24 ottobre. 

GP EMILIA ROMAGNA 2021: GLI ORARI DEL WEEKEND

L’intero fine settimana verrà trasmesso in diretta sull’app DAZN, sul canale 208 Sky Sport MotoGP ed in chiaro TV8. Ecco gli orari del 16° weekend di gara del Motomondiale 2021:

– Venerdì 22 ottobre 2021 [DAZN-SKY-TV8]

09:00 | Moto3 – Prove Libere 1
09:55 | MotoGP – Prove Libere 1
10:55 | Moto2 – Prove Libere 1
13:15 | Moto3 – Prove Libere 2
14:10 | MotoGP – Prove Libere 2
15:10 | Moto2 – Prove Libere 2

– Sabato 23 ottobre 2021 [DAZN-SKY-TV8]

09:00 | Moto3 – Prove Libere 3
09:55 | MotoGP – Prove Libere 3
10:55 | Moto2 – Prove Libere 3
12:35 | Moto3 – Qualifiche
13:30 | MotoGP – Prove Libere 4
14:10 | MotoGP – Qualifiche
15:10 | Moto2 – Qualifiche

– Domenica 24 ottobre 2021 [DAZN-SKY-TV8]

08:20 | Moto3 – Warm Up
08:50 | Moto2 – Warm Up
09:40 | MotoGP – Warm Up
11:00 | Moto3 – Gara [23 giri]
12:20 | Moto2 – Gara [25 giri]
14:00 | MotoGP – Gara [Diretta LiveGP – 27 giri]

Matteo Pittaccio

Leggi anche: MOTOGP | DAVIDE BRIVIO IN SUZUKI: VERSO UN CLAMOROSO RITORNO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.