IndyCar

La marcia verso la fine della stagione procede spedita per la NTT IndyCar Series che in questo weekend sarà in scena sull’ovale di Gateway per il Bommarito Automotive Group 500. Tantissimi i motivi di interesse di una gara che potrà dire molto sulla corsa per il titolo, con almeno cinque piloti a giocarsi la corona 2021.

DA UN OVALE ALL’ALTRO

Quella del World Wide Technology Raceway sarà l’ultima gara su ovale della stagione 2021. Una gara, tra l’altro, che vedrà il debutto di Romain Grosjean su questo tipo di pista (con concrete possibilità di disputare una stagione full time nel 2022) e il congedo, almeno per questo 2021, di Ed Carpenter e Tony Kanaan. E sempre riguardo agli ovali, è notizia di questa giornata il rientro dello Iowa Speedway nel calendario per la prossima stagione, dopo che la gara era saltata per problemi di budget. Problemi risolti grazie all’intervento finanziario della catena di alimentari Hy-Vee che ha annunciato un accordo pluriennale per un double header nel 2022.

250 GIRI DI PURA ADRENALINA

Ritornando alla strettissima attualità, quella di sabato sarà una delle gare preferite dai piloti IndyCar. Motivo? La forma unica, che richiama l’ovale del Twin Ring di Motegi, e i vari gradi di inclinazione di ogni curva del World Wide Technology Raceway, che in curva 1 e 2 ricorda, ad esempio, il New Hampshire Motor Speedway, mentre le curve 3 e 4 sono simili all’ISM Raceway di Phoenix.

LOTTA AL VERTICE INCERTA

Dopo il ritiro nel corso del Big Machine Spiked Coolers GP di domenica scorsa, il leader del campionato Alex Palou ha visto ridursi il suo vantaggio sul più immediato inseguitore, Pato O’Ward che lo segue di 21 punti. Ma la lotta per il titolo vede coinvolti altri 3 piloti con Scott Dixon distante dal messicano solo 7 punti e con Josef Newgarden e Marcus Ericsson, rispettivamente al 4° e 5° posto, che possono giocarsi le loro chances di titolo. Fondamentali, come sempre, saranno la strategia ai box e la gestione del traffico, con le caution che sicuramente potrebbero ribaltare le gerarchie in pista.

CHI E’ IL FAVORITO?

Impossibile fare pronostici in una tipologia di gara come questa, ma scorrendo tra le statistiche chi potrebbe far bene è Takuma Sato che vanta ben quattro top ten nelle ultime cinque gare a Gateway, inclusa una vittoria nel 2019. Un altro contendente per la vittoria potrebbe essere Power, che ha conquistato la pole l’anno scorso e si è qualificato tra i primi cinque nelle ultime cinque gare, vincendo nel 2018.

Per chi avesse il classico euro da scommettere può puntare sugli specialisti degli ovali Carpenter e Kanaan. Carpenter piloterà la vettura numero venti per il suo team Ed Carpenter Racing, sostituendo Conor Daly che correrà per Carlin al posto di Max Chilton, e qui è arrivato secondo nel 2019. Kanaan è riuscito a entrare nella top ten per A.J. Foyt Enterprises in gara uno l’anno scorso, e ora al volante della vettura del Chip Ganassi Racing, potrebbe facilmente essere tra i primi dieci e potrebbe anche essere un contendente per la vittoria.

IL PROGRAMMA DEL WEEKEND

Sarà concentrato interamente nella giornata di sabato, con l’Indy Lights invece che sarà in scena anche venerdì, con un unica sessione di prove libere, seguita dalle qualifiche e dalla gara che scatterà alle 02:40 italiane con diretta televisiva a cura di DAZN.

Sabato 21 agosto

Prove libere: 19:15

Qualifiche: 23:00

Gara (250 giri): 02:40 (nella notte italiana tra sabato e domenica)

Vincenzo Buonpane

LEGGI ANCHE:

IndyCar | Big Machine Spiked Coolers GP: ritorno alla vittoria per Power

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.