Cadillac Grand Prix of Sebring

Riparte dopo due settimane di pausa l’IMSA WeatherTech SportsCar Championship con il Cadillac Grand Prix of Sebring. Dopo la corsa estiva, sprint, a Daytona, la principale serie di prototipi e GT americana ha indetto una competizione Sprint anche nello storico tracciato della Florida che ospita la famosissima 12h. La competizione di sabato notte, in Italia, non sostituirà la leggendaria corsa di durata tra i ‘bumps’ (avvallamenti) di Sebring, prevista come ultimo round della stagione nel week-end del 15 novembre.

Come accaduto a Daytona si gareggerà sulle due ore e 40 minuti. Si tratta della prima corsa che l’IMSA WTSC svolge in versione sprint all’interno del Sebring International Raceway, uno dei tracciati più belli dell’intera America.

Lo spettacolo non mancherà dopo una corsa a Daytona che ha visto primeggiare le Mazda. Il duo Bomarito/Tincknell #55 e la coppia Jarvis/Nunez #77 hanno mostrato la loro costanza nelle corse ‘corte’. Un aspetto che è condiviso con le due Acura del Team Penske. Le vetture del ‘Capitano’ si ripresentano al via con R. Taylor/Helio Castroneves #7 e con Cameron/Montoya #6, i campioni in carica della categoria.

A Sebring avremo il gradito ritorno del brasiliano Felipe Nasr. L’alfiere della Cadillac #31 di Action Express, condivisa con il connazionale Pipo Derani, ha saltato il secondo atto del campionato di Daytona dopo essere risultato positivo al Coronavisrus. Le Cadillac non sono riuscite a brillare nell’ultima competizione svolta, colpa anche di una strategia che non ha dato i suoi frutti.

GTLM, Corvette cerca il bis

Pochi, ma buoni in GTLM. Nella classe principale riservata alle GT si riparte dopo il 100° successo di Corvette in un evento IMSA. La C8R #3 di Antonio Garcia/Jordan Taylor cerca il bis a Sebring dopo aver strappato alla Porsche #912 una vittoria che sembrava già in bacheca.

La casa di Weissach, due volte battuta in questo 2020 nell’impianto di Daytona, si ripropone in Florida alla caccia del primo sigillo del campionato. Il belga Laurens Vanthoor ed il neozelandese Earl Bamber, campioni in carica, sono dunque pronti alla rivincita insieme alla 911-RSR gemella del francese Fred Makowiecki e dell’inglese Nick Tandy #911. Anche BMW cerca di riscattarsi dopo una corsa che ha visto le due M8 faticare. De Phillippi/Spengler sulla #25 ed Khrohn/Edwards sulla gemella #24 sono confermati per il terzo atto del campionato. Vedremo se il Balance of Performance aiuterà le auto bavaresi, a segno nella 24h di inizio anno.

Cadillac Grand Prix of Sebring: GTD, si riducono gli iscritti…

Da 12 auto si scende a 10 per quanto riguarda gli iscritti nella classe GTD, la categoria dell’IMSA WTSC riservata alle GT3. Il motivo di questo nuovo calo di due unità è dovuto all’assenza in griglia delle due Honda del Shank Racing. La squadra statunitense ha deciso di non gareggiare a Sebring per una competizione che sarà valida esclusivamente per la WeatherTech Sprint Cup, categoria sprint valida solo per la GTD.

La situazione sembra favorire le Lexus che hanno letteralmente dominato il round di Daytona. Le due vetture del AIM VASSER SULLIVAN saranno nuovamente affidate ad Hawksworth/Telitz #14 ed alla coppia Montecalvo/Bell #13. Con l’assenza di Acura, della Lamborghini #48 del Paul Miller Racing e la rinuncia della Porsche #9 di Pfaff Motorsport, le due vetture giapponesi sono di diritto le favorite per il successo.

Potter/Lally, con la Huracan #44 del GRT Magnus Racing, comandano la lista degli outsider a Sebring dopo aver iniziato l’anno con un secondo posto nella 24h di Daytona. Attenzione anche alla Ferrari di Scuderia Corsa, in scena con Vilander/McNeil #63 ed alla BMW #96 del Turner Motorsport, squadra che conferma la coppia Auberlein/Foley.

Sabato sera alle 23.30 scatterà la gara, in diretta su IMSA TV.

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.