È Maximilian Günther il vincitore del terzo appuntamento della Formula E a Berlino. Il giovane pilota tedesco è riuscito non solo a battere il poleman Jean Eric Vergne, ma anche a svettare nei confronti di un caldissimo Robin Frijns, ad un solo decimo dal vincitore sotto la bandiera a scacchi.

Grande vittoria da parte del pilota BMW, arrivata in seguito ad una safety car, dovuta ad un incidente tra Sergio Sette Camara e Neel Jani. Dopo questo episodio Günther ha ingaggiato una bella lotta con Vergne, in quel momento leader della corsa. Il francese, dopo aver respinto un tentativo d’attacco, si è visto sfilare dall’avversario. Un grandissimo finale però da parte di Frijns ha privato il campione in carica anche del secondo posto, con l’olandese che si è preso la seconda posizione e nei momenti conclusivi sembrava addirittura in grado di vincere.

Alla fine quindi sul podio il vincitore Günther, davanti a Frijns e Vergne, grande deluso di giornata, dopo aver condotto la gara per la maggior parte del tempo. Quarto posto invece per il leader attuale della classifica Antonio Felix Da Costa, che dopo questo risultato domani avrà già l’opportunità di laurearsi campione con due gare ancora da disputare.

Alle spalle del pilota DS Techeetah André Lotterer, quinto e autore di una buona prestazione al volante della sua Porsche. Sesto Oliver Rowland su Nissan, seguito da Jerome D’Ambrosio su Mahindra e Lucas Di Grassi (Audi). In top ten anche Mitch Evans (Jaguar) in rimonta dal 19° posto in griglia e Alexander Sims con la seconda BMW.

Ulteriore appuntamento domani con la quarta corsa in programma a Berlino. Vedremo se Da Costa si affermerà già campione piloti della Formula E 2019/20.

Leggi anche: FORMULA E | DA COSTA METTE LA TERZA

Carlo Luciani

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.