Marcus Armstrong
Marcus Armstrong Credit: DAMS Twitter Account

Nemmeno sul nuovo tracciato di Jeddah la Formula 2 ha deluso in termini di spettacolo e colpi di scena. Sul circuito saudita, è stato Marcus Armstrong a conquistare il primo successo. Alle sue spalle il duo Hitech formato da Lawson e Vips, mentre il leader del campionato Piastri ha guadagnato ulteriori punti nei confronti di Zhou.

Un successo, quello ottenuto in gara-1, che arriva dopo una stagione difficilissima per il pilota FDA, al termine di una gara caratterizzata da diverse neutralizzazioni. Protagonista in negativo uno dei contendenti al titolo, ovvero Guan Yu Zhou. A causa di un testacoda, il cinese è stato costretto a ripartire dal fondo, totalizzando zero punti al termine.

Ritiro anche per Theo Pourchaire, andato a muro, così come per Guilherme Samaia e Marino Sato, fuori ad inizio gara in un contatto innescato dal rookie Olli Caldwell, poi penalizzato. Si è anche ritirato il nostro unico rappresentante, ovvero Alessio Deledda.

LA CRONACA

Subito al pronti-via Armstrong e Lawson si presentano appaiati, ma il pilota DAMS riesce a spuntarla sul connazionale di Hitech GP. Un incidente neutralizza quasi subito la corsa con Samaia e Sato esclusi dalla partita.

Poco dopo il re-start, Guan Yu Zhou si gira dopo un contatto con Lundgaard e rientra in pit lane per il cambio dell’ala anteriore danneggiata, dovendo quindi recuperare dalla 20^ piazza. Piastri cerca di evitare delle vetture coinvolte in un incidente e scivola in decima piazza: la Virtual Safety Car congela il gruppo un’altra volta.

Alla ripartenza Bent Viscaal e Dan Ticktum ingaggiano un bel duello, mentre davanti Armstrong fa segnare il giro veloce, subito abbassato da Lawson. Caldwell viene penalizzato per aver causato l’incidente ad inizio gara fra Samaia e Sato, mentre Juri Vips supera Ralph Boschung e sale in terza piazza.

Ancora lotta in pista, questa volta fra Shwartzman, Lundgaard e Pourchaire, con il russo che sorprende i due avversari in lotta fra loro e supera entrambi andando a conquistare la sesta piazza.

Felipe Drugovich attacca Boschung, conquistando anch’egli una posizione (P4), mentre Ticktum fa segnare il giro più rapido. Una lotta a cinque tra Pourchaire, Boschung, Piastri, Daruvala e Ticktum regala emozioni nell’ultima parte di gara.

POURCHAIRE A MURO

Pourchaire attacca Piastri e va a conquistare la settima piazza, mentre Shwartzman rimedia 5 secondi di penalità per aver preso vantaggio dopo l’uscita di pista. Anche Pourchaire va a sbattere contro il muro: prima la VSC, quindi la Safety Car neutralizzano ancora l’azione in pista.

A due giri dal termine, la bandiera verde indica il ripristino della corsa. Piastri tenta di recuperare su Christian Lundgaard, ma Daruvala attacca e supera entrambi.

Piastri cerca la rivincita su Lundgaard, mentre da dietro Ticktum si avvicina. A poco più di un giro Lawson è vicino al leader della corsa Armstrong, che però conquista il successo sotto la bandiera a scacchi. Seconda piazza per Lawson, poi Vips.

Ticktum riesce ad attaccare Piastri nel finale, mentre Guan Yu Zhou termina 19°. Giro veloce per Shwartzman. Qui la classifica completa di gara-1.

Appuntamento a questa sera con gara-2 alle ore 19:40 italiane.

Leggi anche: FIA F2 | JEDDAH, QUALIFICA: STRARIPANTE PIASTRI, QUARTA POLE CONSECUTIVA!

Giulia Scalerandi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.