Shwartzman

La giornata degli Young Test tenutasi ad Abu Dhabi ha visto la Ferrari schierare Robert Shwartzman e Antonio Fuoco, con il russo al debutto ufficiale al volante di una vettura di Maranello. Tantissimi i giri percorsi da entrambi, soprattutto dal pilota calabrese chiamato a correlare i dati tra il simulatore e la pista, con l’alfiere della Prema che ha chiuso 11°, mentre Fuoco ha terminato 7° davanti a Callum Ilott che, in serata, è stato annunciato come nuovo collaudatore del Cavallino per la stagione 2021.

NESSUN TIMORE E PARECCHI KM ALL’ESORDIO

Dopo aver “assaggiato” la Rossa solamente in occasione del test di Fiorano del 30 settembre scorso, per Shwartzman il test di Abu Dhabi è stato il debutto assoluto alla guida della Ferrari. Dopo una prima presa di confidenza con vettura e tracciato, il 21enne di San Pietroburgo ha inanellato una lunga sequenza di giri, che lo hanno portato a fine giornata a totalizzarne ben 129 e con il miglior crono di 1’38.157 ottenuto con compound C5.

STANCO MA FELICE

Mi sento molto bene, è fantastico, è un sogno che si avvera! Hai presente quando da ragazzino guardi la Ferrari che vince e ti dici “ma quando arriverà il giorno in cui potrò guidare quella macchina”? È successo oggi ed è stato molto bello. Sento che questo è solo l’inizio, questo è il punto in cui capisci che hai appena iniziato il tuo lavoro e devi lavorare sodo e migliorarti. Sono felice di aver finalmente fatto questo passo per il mio futuro. È una sensazione molto piacevole. È stato un giorno impegnativo e ora sono abbastanza esausto perché avevo un sacco di cose nuove da gestire, un gran numero di informazioni da assimilare e ho fatto davvero tanti giri. La parte posteriore del mio collo è un po’ indolenzita a causa delle frenate, ma a parte questo, mi sento davvero bene. Per quel che riguarda lo sterzo, guidare questa macchina è più facile rispetto alle vetture di Formula 2 a cui sono abituato, quindi non ho avuto alcun problema. Oggi ho fatto più giri di tutti e ciascun di essi è stato davvero fantastico”, il commento di un emozionato e visibilmente felice Shwartzman.

SIMULATORE VS PISTA PER FUOCO

Differente, ma non per questo meno impegnativa, la giornata di test per Antonio Fuoco. Il pilota di Cariati, al suo quarto test al volante della Rossa, nel corso della sua sessione è stato impegnato nel confronto tra i dati del simulatore e quelli della vettura reale. Alla bandiera a scacchi per Fuoco ben 126 tornate e crono 1’37.817 con gomma a mescola C5.

LAVORO IMPORTANTE IN OTTICA 2021

La giornata di oggi è stata molto positiva perché siamo riusciti a completare il programma percorrendo ben 126 giri, ben oltre due Gran Premi. Insieme alla squadra abbiamo raccolto una grande quantità di dati che potremo analizzare e ci saranno utili in funzione della prossima stagione. Essendo io un pilota specialista del simulatore, mi è estremamente utile di tanto in tanto potermi sedere nella vettura reale e riprendere confidenza con le sensazioni dell’abitacolo. Inoltre abbiamo potuto fare del lavoro specifico finalizzato alla verifica della correlazione tra il nostro strumento a Maranello e la SF1000 in pista. Infine non posso non parlare dell’emozione che provo ogni volta che mi viene offerta la possibilità di salire su una Ferrari. Da italiano sono molto fiero di essere membro di questa famiglia da otto anni e ringrazio la squadra per aver deciso di puntare su di me anche questa volta”, le parole di Antonio Fuoco al termine della giornata di test.

ILOTT TEST DRIVER PER IL 2021

E sempre in ottica 2021, la Ferrari ha annunciato in serata Callum Ilott come collaudatore. Una bella occasione per l’ormai ex F2, in attesa di conoscere cosa gli riserverà il 2022. “Sono estremamente felice di entrare a far parte della Scuderia Ferrari con il ruolo di collaudatore in vista della prossima stagione. Non vedo l’ora di cominciare a lavorare in questa veste collaborando con la squadra sia in pista che fuori. Sono convinto che si tratti di una sfida molto intrigante, nella quale posso imparare tantissimo. Darò tutto me stesso per fare un buon lavoro e trarre il massimo da questa esperienza per crescere anche come pilota. Voglio ringraziare la Ferrari Driver Academy e la Scuderia Ferrari per questa grande opportunità e il continuo supporto. Sono in FDA da tre anni e sono felice di continuare questo percorso insieme”, il commento di Ilott che nella stagione di F2 appena terminata si è classificato secondo dietro Mick Schumacher e con 3 vittorie e 5 pole position nel suo palmares.

F1 | TEST ABU DHABI: ALONSO IL PIÙ VELOCE

Vincenzo Buonpane

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.