Nel Gran Premio della Toscana, il più veloce in qualifica è Lewis Hamilton, che precede di un soffio Valtteri Bottas e un ottimo Max Verstappen.

La prima al Mugello, la prima di Hamilton. Il campione inglese conquista la pole position nel Gran Premio della Toscana, che al contempo celebra anche i 1000 GP della Ferrari in F1. Una qualifica non scontata, in cui lui è veloce ma fortunato: Bottas chiude a soli 59 millesimi dal compagno, e Verstappen è terzo a meno di 4 decimi.

95 and counting

Pericolosamente vicino alla tripla cifra, le pole position di Lewis Hamilton sono numeri straordinari, un record nel record. Pure su un tracciato inedito, nuovo per tutti, il campione del mondo fa la differenza. Lo aiuta Ocon questa volta, che al secondo tentativo del Q3 si gira in curva 3 e provoca una bandiera gialla che rallenta tutti. Ci guadagna Hamilton, che già era davanti, ma rischiava sotto la pressione di un Bottas aggressivo e in forma fin dalle prime libere sui saliscendi del Mugello. Qui, la Mercedes è stata la prima a percorrere in pieno il meraviglioso tratto in discesa della Casanova-Savelli che immette nelle curve dell’Arrabbiata. Un tratto superveloce con curve da oltre 280 all’ora, spettacolo puro dall’onboard e da fuori.

Pista nuova, solita legge

La legge di Hamilton, padrone di questa F1, si applica anche al Mugello. Il tracciato di proprietà Ferrari dal 1988 è usato per le competizioni di molte categorie, ma mai prima d’ora ha ospitato la Formula 1. Scenario di test privati nel corso degli anni in cui di limitazioni non ce n’erano, ha visto tra gli altri il debutto in F1 di Kimi Raikkonen in una prova sulla Sauber che impressionò lo stesso Michael Schumacher. Oggi, tutti i piloti si sono detti entusiasti del tracciato, tecnico e veloce al tempo stesso: uno dei migliori biglietti da visita che il motorsport italiano ha da offrire. Il mix di velocità e saliscendi tra le colline ricorda Spa Francorchamps, esalta la tecnica di guida, stressa fisico e collo con forze G proibitive: 5,6 la massima misurata nel tratto della Casanova-Savelli.

F1 | GP TOSCANA: MUGELLO PROMOSSO A PIENI VOTI DAI PILOTI

Hamilton umilia Marquez

La Formula 1 va anche (e tanto) più veloce della MotoGP. Il tempo di Hamilton diventa ora il record ufficiale della pista in F1 permettendo il confronto con la MotoGP. Impallidisce al confronto il record di Marquez, che si ferma a 1’47”, a oltre 30 secondi da Hamilton. Le macchine attuali sono spaziali, e le velocità in curva senza precedenti. Lo dimostrano gli onboard, le telemetrie, le sensazioni a bordo pista. Un paragone forse improprio, ma un trionfo delle quattro contro le due ruote e della straordinaria e perfetta efficienza dell’aerodinamica su uno dei tracciati più belli del mondo.

Di nuovo a casa nostra domani, per una gara 2+1, con i Mercedes -si spera- insidiati dal rampante Verstappen in cerca di riscatto.

Stefano De Nicolo’

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.