La pista nella zona del Porto di Monaco
La pista nella zona del Porto di Monaco

Dopo le emozioni spagnole, la Formula Uno si appresta a vivere il weekend più glamour di tutta la stagione, con il Gran Premio di Monaco. Le vie del Principato ospiteranno la 78^ edizione del GP monegasco, sul tracciato considerato più anacronistico, che ritorna in calendario dopo la cancellazione dello scorso anno causa Covid-19.

Una mancanza, quella dello scorso anno, che si è fatta sentire, e tutti i piloti non vedono l’ora di tornare su questa pista mitica. Sarà inoltre l’occasione per rivedere il pubblico sugli spalti in numeri considerevoli. Saranno infatti 7500 gli appassionati che potranno vivere le emozioni di Monte Carlo direttamente dalle tribune.

Il fondatore dell’Automobile Club di Monte Carlo Anthony Noghes diede l’impulso fondamentale alla nascita del GP, che vide la sua prima edizione disputarsi nel 1929. Nel 1950, invece, si tenne la prima corsa iridata, che non uscirà più dal calendario a partire dal 1955 (fino allo scorso anno, prima assenza in 65 anni).

 Il tracciato è rimasto immutato nella sua costruzione, nonostante gli interventi sulle vie di fuga effettutati per adeguarlo agli standard di sicurezza moderni. E’ la pista più corta del mondiale con i suoi 3,337 km; come è noto, i sorpassi qui sono difficilissimi, a causa della sede stradale stretta e del numero elevato di curve presenti.

Il tracciato tende a favorire, vista la sua conformazione, la vettura con maggior carico aerodinamico; per questo motivo, negli ultimi anni sono Red Bull e Mercedes a contendersi la vittoria, con l’eccezione della doppietta Ferrari del 2017. Anche questo 2021 vede le vetture inglesi come le favorite; chissà però che una Rossa in crescita non possa lottare per il podio, magari con il padrone di casa Leclerc.

La vittoria sulla pista di Monte Carlo è una delle tre da conquistare in carriera per ottenere la Triple Crown, insieme a 24 Ore di Le Mans e 500 Miglia di Indianapolis. Anche questo è un fattore che la dice lunga su quanto sia speciale questo luogo.

                                   

Il rettilineo di partenza, che si snoda sotto il palco da cui i Grimaldi seguono la gara, è in realtà una lunga piega verso destra, ed è anche l’unica zona DRS del tracciato. Alla fine del rettifilo, si scala fino alla terza marcia per affrontare la prima curva a destra, Sainte Devote, che prende il nome dalla chiesa situata all’esterno della pista.

Molto importante è l’uscita, in cui si sfiora il muretto sinistro per avere la massima velocità necessaria per affrontare al meglio la successiva salita che porta fino al Casinò. Curva 2 è il Massenet, una lunga sinistrorsa che fa da preludio alla Curva del Casinò; si affronta in quarta marcia, ed è difficilissima poichè cieca e piena di sconnessioni.

La successiva discesa porta al settore meno veloce della pista; il tornante Mirabeau, verso destra, precede la curva più lenta dell’intero Mondiale. Si tratta del Loews, o Vecchia Stazione, altro tornante verso sinistra da percorrere a circa 50 km/h, in cui i piloti incrociano le mani sul volante in percorrenza.

A Monaco ogni metro profuma di storia, ed ecco che ne arriva un altro pezzo: le due curve del Portier, in cui Senna andò a sbattere buttando al vento la gara nel 1988. A questo punto si imbocca il celeberrimo Tunnel, all’interno del quale si percorre la veloce curva verso destra. La successiva, difficilissima staccata in discesa, precede la Chicane del Porto, il punto più “facile” per i sorpassi.

 A seguire, la veloce piega a sinistra del Tabaccaio introduce al complesso delle Piscine. La prima “esse”, intitolata a Louis Chiron, è velocissima, mentre la seconda è da percorrere più lentamente, con la vettura a sfiorare i muretti.

Dopo le due chicane, la strada si allontana dal porto e torna a salire con la curva Rascasse, prima denominata del Gasometro, che oggi prende nome dal locale posto all’interno. L’ingresso dei box immette sull’ultima chicane della pista, che prende il nome dall’ideatore del GP di Monaco. L’Anthony Noghes ci riporta sul rettifilo di partenza, con vetture e piloti pronti a sfiorare muretti e guard-rail per 78 giri in quello che è un vero e proprio monumento dell’Automobilismo.

ANNO DI COSTRUZIONE: 1929

LUNGHEZZA: 3.337 km

CURVE: 19

GIRI: 78

DISTANZA DI GARA: 260.286 km

Gli orari del GP di Monaco in TV e sul web

Giovedì 20 maggio

PL1: 11.30-12.30 diretta Sky Sport F1 HD / Cronaca web su Twitter @Livegpit

PL2: 15.00-16.00 diretta Sky Sport F1 HD / Cronaca web su Twitter @Livegpit

Sabato 22 maggio

PL3: 12.00-13.00 diretta Sky Sport F1 HD / Cronaca web su Twitter @Livegpit

Q: 15.00-16.00 diretta Sky Sport F1 HD e TV8 / Cronaca web su Twitter @Livegpit

Domenica 23 maggio

Gran Premio: 15.00-17.00 diretta Sky Sport F1 HD e TV8 / Cronaca web su Twitter @Livegpit

Orari dirette LiveGP

Sabato 22 maggio – Diretta qualifiche dalle 14.45

Domenica 23 maggio – Diretta gara dalle 14.45

Nicola Saglia

Leggi anche: F1 | GP Spagna: Red Bull convince, ma non vince per la strategia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.