Le bellezze del GP Historique di Monaco. Credits: VisitMonaco

In scena sulle stradine del Principato di Monaco il GP Historique, nel quale è stato protagonista di uno sfortunato episodio anche Charles Leclerc.

Ideato nel 1997 in occasione dei 700 anni della dinastia dei Principi di Monaco, il Grand prix Historique si svolge ogni due anni, due settimane prima del Gran Premio di Formula 1. Possono partecipare tutte le auto fino costruite fino al 1980, suddivise in varie categorie fino ad un totale di 230 vetture storiche durante la manifestazione.

Il tracciato è chiaramente quello del cittadino più famoso al mondo, seppur in chiave odierna e quindi solo all’80% eguale al circuito originale, modificato nel corso degli anni per questioni di sicurezza.

UN 2022 ECCEZIONALE PER RICORDARE CHAPMAN

L’edizione 2022 presenta qualche piccolo strappo alla regola, poiché sono state presenti anche le monoposto degli anni che vanno dal 1981 al 1985. Si tratta davvero di un periodo d’oro per la Formula 1, la quale ha visto trionfare Alain Prost, emergere l’astro nascente Ayrton Senna proprio sul circuito di Monaco, alla guida della Toleman.

Inoltre, quest’edizione ha avuto il compito di celebrare due anniversari particolarmente importanti per la storia del motorsport. In primis, si trattano dei 40 anni dalla scomparsa di Colin Chapman, storico fondatore della Lotus. Per ricordare il genio di Chapman erano presenti ben 35 vetture del marchio Lotus. Tra queste, annoveriamo le note Type 18, trionfante a Monaco, grazie a Stirling Moss nel 1961, Type 72, vettura che ha consegnato il titolo mondiale di Formula 1 a Jochen Rindt ed Emerson Fittipaldi nel 1970 e 1972, Type 78 che ha introdotto l’effetto suolo in Formula 1. Infine, la Type 91, monoposto del commiato Elio De Angelis, ed infine la Type 92, ossia l’ultima vettura firmata Colin Chapman.

Il secondo anniversario è molto particolare per questa manifestazione, in quanto si festeggiano i 70 anni dell’unica edizione del Gran Premio di Monaco nella quale erano presenti vetture sportive invece che monoposto. Per l’occasione ha girato lungo il principato la Frazer Nash Le Mans Replica Mk2.

CONTINUA LA CATTIVA SORTE DI LECLERC SULLE STRADE DI CASA

Presente come anticipato anche il leader attuale del mondiale di Formula 1, Charles Leclerc. Il monegasco ha fatto una parata con il plurivincitore di Le Mans, Jacky Ickx, a bordo della Ferrari 312B3 del 1972. Purtroppo, è stato vittima di uno sfortunato episodio che lo ha visto impattare contro le barriere della curva Rascasse, proprio dove aveva terminato anzitempo la gara del 2019. Il pilota del Cavallino Rampante ha dichiarato di aver perso i freni all’improvviso, cosa che gli ha causato la perdita di posteriore all’ingresso del tornantino.

Inusuale come il monegasco non trovi pace sul circuito di casa, ma vedremo se saprà sfatare questo tabù durante il prossimo Gran Premio di Monaco tra due settimane.

Antonio Fedele

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.