f1 gp canada
Credits: Red Bull

E’ stata una Red Bull a due velocità quella vista in questo venerdì di prove libere valide per il GP del Canada di F1. Se da un lato infatti Max Verstappen ha dominato entrambe le sessioni, dall’altro abbiamo un Sergio Perez più in difficoltà.

VERSTAPPEN AL MAX

E’ stato un venerdì positivo per la Red Bull e soprattutto per Max Verstappen, autore del miglior tempo in entrambe le sessioni di prove libere del GP Canada di F1. Il Campione del Mondo in carica è parso in forma come non mai in questo weekend dando una prova di forza non indifferente e proprio nel momento in cui il Mondiale sembra indirizzarsi verso Milton Keynes. 

L’olandese ha infatti fermato il cronometro oggi sul 1:14.127 con gomma soft, staccando Leclerc di 81 millesimi. Verstappen oltre ad essere stato il più veloce sul giro secco, ha anche dimostrato di avere il miglior passo gara, almeno in queste prime due sessioni. La Red Bull dell’olandese ha dato l’impressione di essere ben bilanciata con entrambe le mescole utilizzate, anche se Max non è sembrato del tutto soddisfatto via radio della simulazione di qualifica effettuata.

Al termine delle FP2 del GP Canada di F1, Verstappen ha  infatti dichiarato: “Si, ho avuto un buon passo ed oggi è stata una giornata positiva. La macchina è andata subito bene, anche se ci sono delle cose da esaminare per migliorare il bilanciamento. Sicuramente è un buon inizio, abbiamo lavorato bene. Anche le mescole hanno funzionato bene anche se con le soft ho avuto più difficoltà a mandarle in temperatura. Mi sono trovato più mio agio con le medie”. 

“E’ sicuramente un circuito molto duro per le gomme, ma non ci possiamo lamentare perché la nostra è una monoposto molto aggressiva. Sono molto fiducioso”. Le probabilità di pioggia non sembrano impensierire Verstappen: “La pioggia? Se cadrà lo farà per tutti. Qualunque cosa accadrà sono sicuro che andrà bene, siamo competitivi”.

PEREZ INSEGUE

Se da un lato del box Red Bull c’e molta soddisfazione, per Sergio Perez è stata sicuramente un venerdì più complicato. Il messicano ha ottenuto il terzo tempo a quasi mezzo secondo dal compagno nelle FP1, mentre nelle FP2 si è classificato addirittura undicesimo ad oltre un secondo da Max. C’è da dire che Perez si è dedicato ad un lavoro differente e più focalizzato sulla ricerca del miglior assetto per la gara, ma salvo sorprese sembra difficile che il buon Sergio possa impensierire il compagno che finora è stato impeccabile. 

Sergio Perez però non si perde d’animo dichiarando di aver avuto un problema di messa a punto che gli ha impedito di ottenere un tempo migliore. “Purtroppo non c’è molto da vedere nelle sessioni di oggi. Per lavorare bene con la macchina è necessario ottenere un buon ritmo e partire da lì, cosa che non ho potuto fare oggi. Abbiamo avuto un problema con la messa a punto durante i run con poco carburante. Speriamo che domani possiamo sistemare tutto”. 

Perez pensa di poter essere competitivo in qualifica: “Sono un po’ indietro ma se andrà tutto bene stasera saremo in grado di fare i giusti compromessi per essere competitivi domani. Vedremo cosa farà il meteo per le qualifiche perché potrebbe davvero movimentare le cose. Max sembra forte, quindi questo mi dà la speranza di poter essere più competitivo”.

Julian D’Agata

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.