f1-lewis-hamilton-brasile-mercedes-penalita
Credits: Mercedes AMG F1

Con il tempo di 1:07.934 Lewis Hamilton è stato il più veloce nella qualifica del venerdì a Interlagos. Non solo. È stato l’unico a scendere sotto il muro dell’1:08, andando a dimostrare di avere la velocità per contrastare il leader del Mondiale. Nella giornata di domenica, però, l’anglo-caraibico avrà cinque posizioni da scontare in griglia.

HAMILTON TORNA IN POLE E LO FA IN GRANDE STILE

Non ce n’è stato per nessun altro nelle qualifiche del venerdì a San Paolo. Un imprendibile Lewis Hamilton ha raggiunto l’obiettivo: fare il massimo per stare davanti, quando possibile, a Max Verstappen.

Con il macigno delle cinque posizione in griglia per la sostituzione del motore a combustione interna, l’alfiere Mercedes ha colto al volo l’occasione per cercare di contrastare l’olandese, con attualmente 19 punti di vantaggio in classifica.

Il risultato è stato strabiliante: una pole conquistata con oltre 4 decimi di margine sul proprio diretto antagonista, quasi sprecata per non essere una vera pole nelle statistiche. La pole del GP del Brasile si deciderà infatti domani con la Sprint Qualifying (24 giri totali), la terza dell’anno, che vedrà scattare i due contendenti al titolo fianco a fianco.

CHE PARTENZA SARÀ NELLA SPRINT QUALIFYING?

“Quella di oggi è stata un’ottima sessione di qualifica,” ha commentato il pluricampione a caldo. “Sono super felice. Non so cosa mi aspetta domani, sono semplicemente molto grato. È una sensazione pazzesca perché è passato un po’ di tempo dall’ultima, quindi mi sento come se fosse la prima”.

Lewis Hamilton non conquistava una partenza dal palo dallo scorso 31 luglio in Ungheria, essendo stato penalizzato di 10 posizioni in Turchia. Il sette volte campione ha avuto la meglio sui problemi di set up riscontrati in mattinata sulla sua W12 E Performance, per cui lo Speed King Award conquistato oggi va ad assumere più valore del previsto.

Il suo compagno di squadra Valtteri Bottas scatterà terzo nella giornata di domani e naturalmente Hamilton, come sottolineato davanti ai media dopo la qualifica, spera che il finlandese parta bene alle sue spalle. Accanto a lui, invece, ci sarà Max Verstappen, avversario scomodo ma che, paradossalmente, ha molto di più da perdere.

Beatrice Zamuner

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.