Lewis Hamilton e la sua Mercedes, quarto al Red Bull Ring
Lewis Hamilton e la sua Mercedes, quarto al Red Bull Ring

Al termine delle qualifiche del Gran Premio d’Austria, entrambe le due Mercedes sono fuori dalla top 3. Lewis Hamilton, fresco di rinnovo con la scuderia tedesca, deve accontentarsi della quarta posizione e di precedere il compagno Bottas.

Hamilton, il quarto posto è il massimo

Lewis Hamilton già al termine della Q1 navigava in quarta posizione e in Q2 ha deciso di montare sulla sua monoposto le gomme medie, da utilizzare nella partenza della gara di domani. Nonostante la differenza di prestazione con le soft, l’inglese si è qualificato senza particolari problemi. 

Nell’ultima manche della qualifica, invece, il pilota della Mercedes non è riuscito a scalzare Norris e Perez davanti a lui, fermandosi in quarta posizione.

Ecco le dichiarazioni del pilota inglese al termine delle qualifiche: “E’ una sfida ancora più difficile rispetto a quella della settimana scorsa. Ho provato di tutto per ottenere di più dalla macchina. Questo è il punto in cui ci troviamo in termini di prestazioni. Dobbiamo lavorare per ritrovare competitività nelle prossime gare”.

Per quanto riguarda le speranze di vittorie, il campione della F1 ha dichiarato: “In termini di puro ritmo, le Red Bull sono fuori dalla nostra portata. Hanno due macchine davanti, con tre decimi di vantaggio. Penso che abbiano migliorato ancora una volta la macchina, e per questo sarà una vittoria facile per Verstappen”.

Hamilton ha poi concluso: “Dobbiamo provare a stare davanti a Perez e limitare i danni di questo fine settimana”. Non certo una dichiarazione incoraggiante per il campione del mondo e il suo team.

 Bottas dietro al team mate

La qualifica di Bottas si è svolta con una strategia identica a quella del suo compagno della Mercedes. Il finlandese ha montato le gomme medie nella Q2 in ottica gara, riuscendo a qualificarsi alla sessione successiva.

Il finlandese ha terminato la qualifica in quinta posizione provvisoria in attesa del verdetto dei commissari. L’alfiere della Mercedes, infatti, al termine delle qualifiche è stato chiamato dagli stewards per aver rallentato all’ingresso della curva 9 durante la Q2.

Ecco le dichiarazione del finlandese della Mercedes: “Dobbiamo imparare da quello che è successo oggi, e sono sicuro che domani potremo ottenere un buon risultato per la squadra. Mi aspetto una grande battaglia con la Red Bull”.

Chiara Zaffarano

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.