È di pochi minuti fa l’ufficialità: Carlos Sainz sarà il prossimo compagno di squadra di Charles Leclerc in Ferrari. Nessuno stravolgimento dei piani all’ultimo momento: dopo l’annuncio del divorzio tra la Scuderia e Sebastian Vettel di due giorni fa, il nome dello spagnolo ha preso sempre più forza. A questo punto, con il passaggio di Daniel Ricciardo in McLaren e quello di Sainz in Ferrari, il mercato piloti è entrato nel vivo.

Alla fine la scelta è ricaduta su Carlos Sainz. Il giovane classe 1994, con all’attivo 102 Gran Premi in Formula 1 ed un podio, andrà a formare con Leclerc una delle coppie più giovani di sempre schierate dal team di Maranello.

Si chiude dunque così anche il fantamercato degli ultimi due giorni, che vedeva circolare tantissimi nomi, tra cui Sainz, Ricciardo, Giovinazzi, ma anche Bottas, Alonso e Mick Schumacher, questi ultimi due assai improbabili.

Per chiunque (o quasi) un’offerta del Cavallino Rampante è impossibile e la stessa squadra evidentemente ha visto in Sainz un uomo su cui poter contare in futuro. Soprattutto durante l’esperienza in McLaren infatti lo spagnolo ha mostrato ottime qualità da uomo squadra e di grande lavoratore. Quindi è lecito pensare che la scelta sia ricaduta su di lui e non su altri (vedasi Ricciardo) per evitare conflitti interni nel team.

Una grande scommessa quindi da parte della Ferrari, che punterà su due piloti giovani, rischiando non poco. D’altro canto anche per un pilota come Carlos Sainz la possibilità è ghiottissima, ma che rischierebbe di bruciare chiunque.

Carlo Luciani

Studente magistrale in Ingegneria Meccanica per l’energia e l’ambiente, laureato in Ingegneria Meccanica e giornalista pubblicista. Nel 2020, insieme al collega e amico Michele Montesano, ho pubblicato il primo libro marchiato LiveGP.it “Veloci più del tempo: i protagonisti italiani del Motorsport dagli albori agli anni ‘70”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.