Stanca dello scarso rendimento delle ultime stagioni (2020 compreso), la Haas volta pagina. Il team statunitense, infatti, come già anticipato stamane sul nostro sito, ha ufficializzato l’addio ad entrambi i propri piloti. Sia Romain Grosjean che Kevin Magnussen, infatti, lasceranno la scuderia dopo quattro stagioni trascorse in coppia. Vediamo quali sono state le reazioni, miste a nuove speranze, di entrambi i piloti e le parole di commiato da parte del Team Principal, Gunther Steiner.

L’ADDIO DI ROMAIN GROSJEAN

Essere all’improvviso senza sedile in questo momento, già di per sé, significa restare escluso dalla Formula 1 per almeno un anno. Per Romain Grosjean, però, potrebbe rappresentare la fine della sua carriera. Il francese di origine svizzera ha trascorso in Haas gli ultimi quattro anni senza ottenere i risultati sperati. Ecco il suo saluto al team e alla Formula 1.

L’ultimo capitolo è chiuso, il libro è finito. Sono stato in Haas dal primo giorno. Cinque anni durante i quali ci sono stati alti e bassi, ma ne è valsa la pena. Ho imparato tanto e sono migliorato, come pilota e come uomo. Mi piace pensare di avere aiutato un po’ anche le persone che lavorano in Haas, è il mio orgoglio più grande.”

Se è vero che il capitolo è chiuso, il libro potrebbe riservare ancora qualche sorpresa per Romain, sicuramente in altre categorie.

MAGNUSSEN: “HO QUALCHE PROGETTO”

Il buon Kevin non si smentisce mai. Il danese ha passato un anno dopo il licenziamento dalla McLaren a postare sui social il suo allenamento per tornare in F1 con l’hashtag “#NeverGiveUpOnTheDream” (non abbandonare mai il tuo sogno) e la sua determinazione lo ha riportato in griglia. Ora Magnussen rivela di avere già qualche idea sul proprio futuro.

Ciao a tutti. La stagione 2020 sarà l’ultima con la Haas –  dichiara Magnussen con parole colme di amarezza –  ho passato dei bei momenti con il team per quattro anni e vedo questo periodo come un grande viaggio. Essere parte di un team completamente nuovo è stata una sfida che ho apprezzato moltissimo e mi ha fornito tantissima esperienza, che mi ha aiutato a crescere e svilupparmi come pilota. Sto già lavorando ad alcuni progetti per il futuro, che annuncerò a tempo debito – ha rivelato il danese – ma ora ci sono ancora sei gare da completare in questa stagione e sono determinato a dare tutto per finire la mia avventura in positivo. Grazie a tutti per il supporto”.

HAAS VOLTA PAGINA: IL PROGETTO DI STEINER

Il Team Principal della Haas apre le porte della sua scuderia a volti nuovi, non dimenticando tuttavia tutto ciò che ha passato con i due attuali. Infatti Gunther Steiner, mentre la sua Haas volta pagina, ringrazia Magnussen e Grosjean per gli anni passati insieme, raccontando anche di custodire dei ricordi bellissimi insieme a loro. Ricordi che, tuttavia, il team principal non ha ritenuto sufficienti per dare ai due un’ulteriore possibilità.

I risultati di Romain nel 2016 sono stati il premio per tutti gli sforzi di squadra, grazie al suo talento – dice il team principal – è si è rivelato fondamentale per il cammino di Haas in Formula 1. All’arrivo di Kevin nel 2017 abbiamo notato immediatamente un miglioramento in classifica con i primi punti acquisiti a Montecarlo. Insieme abbiamo ottimi ricordi, in particolare legati al 2018 dove concludemmo quinti in classifica costruttori. Voglio ringraziare sia Romain che Kevin per il loro duro lavoro e per l’impegno da piloti Haas F1 Team”.

La situazione per il futuro appare comunque piuttosto definita. Ad essere favoriti per il ruolo di titolari nel 2021 sono Mick Schumacher e Nikita Mazepin, mentre rimangono sul piatto le candidature di Sergio Perez e Antonio Giovinazzi, qualora quest’ultimo non dovesse rinnovare con Alfa Romeo. “Non ho ancora preso decisioni inerenti alla line-up dei piloti del 2020″, ha tagliato corto Steiner, interrogato a tal proposito nel paddock di Portimao.

Ora si ricomincia. Sapremo presto con chi.

Silvia Giorgi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.