Paul Aron Creit: sito web F. Regional

E’ ancora Paul Aron a vincere in F. Regional al Mugello: l’estone realizza una splendida doppietta, portandosi a casa 50 punti dal circuito di proprietà del Cavallino Rampante. Secondo il compagno di squadra Dino Beganovich, che dopo un bel sorpasso al pronti-via su Saucy, mantiene la seconda piazza fino al traguardo.

Terzo gradino del podio, quindi, per Gregoire Saucy, che sul finale deve difendersi da Michael Belov, che lo tallona. Una Safety Car entra in pista a congelare il gruppo intorno a metà gara ed una bandiera rossa viene esposta all’ultimo giro disponibile a causa dell’incidente di Jasin Ferati, che danneggia gravemente la sua vettura.

Giornata nera per i nostri portacolori: Gabriele Minì e Andrea Rosso si ritirano, mentre il primo degli italiani a chiudere la gara è Francesco Pizzi, che termina solo quindicesimo.

LA CRONACA

Aron scatta dalla pole, in lotta con Saucy: i due sono affiancati, ma l’estone riesce ad avere la meglio sullo svizzero! Nella lotta fra i due si infila anche Dino Beganovich, che sfila il secondo posto a Saucy.

Giro veloce per Aron, mentre nelle retrovie Francesco Pizzi supera Axel Gnos. Poca altra azione durante la corsa: Delli Guanti sbava leggermente fuori pista, poi la SC entra in pista: Minì e Rosso ritirati.

Al restart Saucy, Belov e Colapinto lottano per la terza piazza, ma tutto resta invariato. William Alatalo va a sbattere nelle barriere negli ultimi attimi disponibili, mentre Belov tenta ancora di attacca Saucy invano.

La bandiera rossa viene esposta proprio all’ultimo giro: Jasin Ferati finisce contro le barriere, con la Direzione Gara che è costretta a chiudere anticipatamente la gara. Vince così Aron, davanti a Beganovich e Saucy.

Appuntamento con la Formula Regional è per l’ultimo round, in programma a Monza dal 29 al 31 ottobre.

Giulia Scalerandi

LEGGI ANCHE:

Formula Regional | Mugello, gara-1: primo centro per Aron, Saucy è campione!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.