Norisring

Saranno senza dubbio due gare imperdibili quelle che vivremo questo week-end al Norisring, tracciato che per la prima volta nella stori accoglie l’epilogo del DTM. La famosa categoria tedesca torna nell’impianto cittadino di Norimberga che lo scorso anno ha rinunciato alla serie in seguito all’emergenza sanitaria.

Il neozelandese Liam Lawson (Ferrari/AF Corse), il sudafricano Kelvin van der Linde (Audi/Abt), Maximillian Götz (Mercedes/HRT) ed il padrone di casa Marco Wittman (BMW/Walkenhorst Motorsport) sono pronti a contendersi il titolo 2021 in due gare che si preannunciano oltremodo interessanti. Ricordiamo infatti che nessuno ha mai corso con delle GT3 in questa pista che all’apparenza può sembrare semplice.

Due giovani a confronto

Liam Lawson è uscito vincitore dallo spettacolare appuntamento di Hockenheim, manifestazione in cui per ben tre volte è cambiata la leadership della classifica generale. Il portacolori di AF Corse approda al championship decider con 14 lunghezze da gestire su Kelvin van der Linde. 

I due sono entrambi molto giovani, 19anni per il neozelandese e 25 per il sudafricano che ha molta più esperienza nel mondo delle ruote coperte. Ricordiamo infatti l’impegno nel GT World Challenge Europe powered by AWS del il pilota Audi che ha firmato anche due titoli nell’ADAC GT Masters ed ha vinto nel 2017 la 24h del Nuerburgring. Discorso differente per il portacolori della Ferrari che divide l’impegno nel DTM con la partecipazione alla FIA F2.

La lotta è apertissima con Kelvin che ha dovuto fronteggiare settimana scorsa un BoP molto più pesante nella race-2 in seguito al successo nella competizione del sabato. Sono quattro le gioie in quest’anno per l’alfiere di Abt contro le 3 di Lawson che ha dominato il round di Spielberg dello scorso settembre.

Norisring, Götz e Wittmann ancora in gioco 

Maximilian Götz e Marco Wittmann sono da tenere d’occhio questo week-end in quel di Norimberga. Il primo, pilota di Mercedes con HRT, è ancora in gioco per il campionato con 26 punti di ritardo dopo le due prove di Hockenheim. Il lizza per il titolo c’è anche la BMW #11 del Walkenhorst Motorsport di Marco Wittmann, pilota di casa che ha 41 lunghezze da Lawson. 

I due hanno ancora una speranza e visto quanto accaduto settimana scorsa tutto può succedere. Il due volte campione della categoria paga a caro prezzo due ritiri nell’ultimo round, una situazione che lo ha allontanato dalla lotta per il campionato 2021.

Tanti outsider di lusso

L’austriaco Lucas Auer (HTP Winward Motorsport/Mercedes #22), vincitore in due delle ultime quattro prove, è pronto ad inserirsi nella lotta per il titolo insieme ai teammate dei pretendenti per il DTM 2021. Da evidenziare, in seguito agli impegni in F1, il thailandese Alex Albon (AF Corse), che lascia il volante della seconda 488 GT3 al neozelandese Nick Cassidy. 

Ultimo fine settimana nel DTM con Audi per il tedesco Mike Rockenfeller, alfiere di Abt che già in questa stagione si è messo a disposizione di Kelvin van der Linde. Anno deludente, invece, per il monegasco Vincent Avril che con l’AMG GT3 #5 di HRT cerca il primo podio stagionale nelle ultime due prove.

Appuntamento da non perdere a partire da sabato con la race-1 che come sempre scatterà alle 13.30.

Luca Pellegrini

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.