Hockenheim

Parte da Hockenheim la corsa al titolo 2021 del DTM che ad Assen ha visto un importante cambio nella classifica piloti. Ferrari, Audi, BMW e Mercedes si contendono il titolo in quella che in origine era la sede della finale. L’emergenza sanitaria ha cambiato la calendario e dopo questo fine settimana la stagione si sposterà a Norimberga per le ultime due competizioni. 

DTM: Lawson nuovo leader, K. van der Linde pronto a rifarsi

Il neozelandese Liam Lawson è il leader della classifica generale alla vigilia della competizione di Hockenheim. Il portacolori di AF Corse è reduce da due week-end incredibili che lo hanno rilanciato in classifica dopo un agosto abbastanza difficile.

I due acuti di Spielberg ed i due podi in Olanda hanno permesso al nativo di Hastings di diventare il padrone della categoria con 10 punti di vantaggio sul due volte campione Marco Wittmann (BMW/Walkenhorst). Da primo è sceso al terzo posto sudafricano Kelvin van der Linde (Abt), padrone del DTM fino alla prima prova di Assen quando il dominio del pilota Audi si è fermato.

Resta ancora in gioco per il titolo anche il tedesco Maximilian Götz. L’alfiere di HRT #4 (Mercedes) ha 20 lunghezze di scarto da Lawson e con più di 100 punti in palio tutto è ancora più che mai incerto.

Hockenheim: tantissimi outsider

Le due competizioni di Assen hanno mostrato l’importanza del ‘gioco di squadra’, una aspetto noto nel DTM. Il tedesco Mike Rockenfeller ed il thailandese Alexander Albon sono i due piloti da tendere in considerazione, rispettivamente con Audi e Ferrari.

I due possono essere determinanti per il titolo, un vantaggio che su cui non possono contare Wittmann e Goetz. Il primo è l’unico alfiere del team Walkenhorst, mentre il monegasco Vincent Abril, oltremodo sfortunato quest’anno, potrebbe essere il miglior alleato del portacolori di Mercedes.

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.