È il CIV a far riprendere il motociclismo in pista nel vecchio continente: lo spettacolo sulle colline del Mugello non è mancato. Gare ricche di bagarre e colpi di scena hanno caratterizzato questo sabato di gare sul circuito toscano.

SBK

Una gara ricca di colpi di scena nella classe regina del CIV che ha visto Lorenzo Savadori vincere in solitaria dopo che Michele Pirro è scivolata all’Arrabbiata 1. La gara è partita con la fuga dei due collaudatori MotoGP, con Lorenzo Savadori davanti a Michele Pirro. Al nono passaggio in uscita dalla Borgo San Lorenzo Savadori commette un errore e Michele Pirro ne approfitta infilandosi alla Casanova. Solo una curva più tardi, però, all’Arrabbiata 1 il pilota Ducati perde senza preavviso l’anteriore terminando la prima gara dell’anno nella ghiaia. Da qui al termine della gara Lorenzo Savadori ha gestito il vantaggio che avevano accumulato su Samuele Cavalieri. Il pilota del team Barni dopo un avvio complicato riesce a liberarsi del gruppo degli inseguitori e conquistare in solitaria la seconda posizione. Completa il podio Lorenzo Zanetti al debutto con la Panigale V4R del team Bronco’s.

Dopo la caduta di Pirro il gruppo degli inseguitori composto da ben cinque piloti ha dato spettacolo per tutta la durata della gara. A spuntarla come detto è stato l’espertissimo Lorenzo Zanetti che in volata ha avuto la meglio del giovanissimo rookie Lorenzo Gabellini. Il campione in carica CIV SSP al debutto con le 1000cc ha fatto una grandissima gara sfiorando il podio. Quinta piazza per Luca Vitali che dopo una partenza difficile è riuscito a recuperare diverse posizioni chiudendo la top5. Ottima gara anche per Gabriele Ruiu, sesto, il giovanissimo pilota romano con la BMW del team Berclaz è stato a lungo leader del gruppo degli inseguitori e solo nel finale ha perso terreno.

Faceva parte del gruppo, ma è caduto ad un solo passaggio dal termine, Andrea Mantovani, molto veloce nelle fasi iniziali ma scivolato in fondo al gruppo prima di terminare la gara anzitempo. Settima piazza per Eddi La Marra, il campione in carica del National Trophy 1000 ha preceduto l’unica Suzuki nel paddock del CIV di Kevin Calia. Chiudono la top10 Alex Bernardi ed Alex Schacht.

Moto3

Sempre grande spettacolo nella Moto3 del Campionato Italiano Velocità che al termine dei quattordici giri di gara ha premiato Kevin Zannoni. Il pilota del Junior Team Total Gresini ha dominato la gara mettendosi al comando fin dal primo giro. Grazie ad un passo gara che nulla ha che invidiare a quello visto nel motomondiale ed un giro veloce di 1’57”860, ha fatto il vuoto. Dietro al pilota nativo di Cesena la battaglia è stata intensa per tutti i giri ma a vincere la volata è stato Vicente Perez Selva che ha battuto in volata Elia Bartolini.

Quarta posizione per Nicola Fabio Carraro che ha preceduto in volata Alberto Surra entrambi penalizzati di un secondo per ripetute uscite dei limiti dalla pista. Proprio Surra è stato protagonista sul traguardo del penultimo passaggio di un contatto con Vicente Perez. Surra convinto che la gara fosse terminata ha chiuso il gas e Vicente Perez lo ha tamponato, fortunatamente per entrambi nessun problema ed hanno comunque portato a termine la gara. Sesta posizione per Matteo Boncinelli che ha preceduto il campione italiano PreMoto3 2019 Luca Lunetta. Il giovanissimo pilota dell’AC Racing Team al debutto nella Moto3 ha ben figurato conquistando un’ottima top10. Lunetta ha vinto la volata con i più esperti Matteo Bertelle e Alessandro Morosi mentre chiude la top10 Matteo Ripamonti.

SSP

Nella gara che ha visto al via anche il leader del mondiale WorldSSP Andrea Locatelli con la Yamaha R6 del team EvanBros lo spettacolo è stato senza dubbio all’altezza. Autore in qualifica del nuovo record della pista con le SSP in 1‘52”757 Locatelli si è confermato in gara scappando fin dalla prima curva. Correndo con una R6 in configurazione WorldSSP  il pilota di Selvino non sarà considerato ai termini della classifica. La vittoria é dunque andata a Luca Bernardi alla sua prima vittoria nel CIV SSP, grazie ad una volata sulla Honda di Roberto Mercandelli.

I due si erano staccati proprio nell’ultimo giro da un’altra coppia ovvero quella composta da Davide Stirpe, terzo, e Massimo Roccoli, quarto. Quinta posizione per la Kawasaki di Stefano Valtulini che ha vinto la volata a quattro con Marco Bussolotti, Filippo Fuligni ed Alessandro Nocco al rientro nelle competizioni dopo un paio d’anni d’inattività. Chiudono la top10 Matteo Ciprietti, al rientro nel CIV dopo un anno nel CEV Moto2, ed Alessio Finello.

PreMoto3, SSP300 e National Trophy

Nella PreMoto3 la vittoria è andata a Edoardo Michele Boggio che ha preceduto Guido Pini e Cristian Bsso. Nella SSP300 a trionfare è stato Nicola Bernabè che ha fatto il vuoto infliggendo 8 secondi a Miguel Perez e Manuel Bastianelli. Nel National Trophy 1000 la vittoria è andata a Christian Gamarino favorito dalla caduta di Flavio Ferroni. Gamarino con una BMW S1000RR 2018 ha preceduto il giovane Agostino Santoro con la Panigale R bicilindrica ed il veterano Lorenzo Lanzi con la Panigale V4R. Nel National Trophy 600 la vittoria è invece andata a Roberto Farinelli che ha avuto la meglio per soli sei millesimi di Simone Saltarelli e di 22 millesimi di Emanuele Pusceddu.

Mathias Cantarini

Foto Bonora Agency

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.