24 Ore Dubai
Foto: 24H Series twitter

Inizia con la 24 Ore Dubai la seconda stagione di ‘A ruota libera’, il nostro approfondimento legato alle ruote coperte che vuole parlarvi di tutte quelle categorie che spesso passano inosservate. Partiamo dalla 24H Series, realtà di Creventic che è stata protagonista in Medio Oriente con il primo impegno stagionale.

Mohammed Al Saud/ Dries Vanthoor/ Axcil Jefferies/ Christopher Mies/ Thomas Neubauer (MS7 by WRT #7) regalano il terzo acuto ad Audi in questa speciale corsa, letteralmente dominata sin dalle qualifiche. Secondo posto per la ‘gemella’ #31 di Benjamin Goethe/ Arnold Robin/Maxime Robin/ Jean-Baptiste Simmenauer/ Frédéric Vervisch #31 davanti alla Mercedes #75 di Kenny Habul/Maro Engel/ Mikael Grenier/Jules Gounon (SPS Automotive Performance). 

24 Ore Dubai: lotta con la strategia sin da subito

La strategia è stata predominante sin dal via. Il primo CODE 60 (Full Course Yellow) ha visto l’Audi #7 di MS7 by WRT fermarsi subito in pit lane insieme a molti altri protagonisti del gruppo di testa. Gli autori della pole-position hanno lasciato spazio a Mercedes che ha preso la vetta con l’elvetico Raffaele Marciello (HRT #4). 

Tutti si sono fermati in pit lane in occasione del secondo CODE 60 ad eccezione di Matteo Cairoli a bordo della Porsche #67 di Dinamic Motorsport. Il comasco ha conquistato la leadership e si è reso protagonista di un lunghissimo stint di 1h e 30 minuti con una gestione perfetta del carburante.

Solo dopo 2h e 30  qualcosa si è delineato con la Lamborghini #77 di Barwell Motorsport al comando davanti all’Audi #31 di WRT ed alla Porsche #54 di Dinamic Motorsport. Ottimo passo anche per la già citata R8 di MS7 by WRT, quarta a 21h dal termine davanti all’Audi di Attempto Racing. Discorso differente per le Mercedes di HRT (#4 e #777) che hanno perso progressivamente terreno rispetto ai rivali. 

Audi si è ritrovata al comando dopo le prime 3h con l’arrivo della notte. La vettura del MS7 by WRT #7 e la R8 di WRT #31 hanno preso il controllo delle operazioni con una 20ina di secondi di scarto sulla Lamborghini #77 del Barwell Motorsport, rallentata dal gioco delle soste.

24 Ore Dubai, la notte non cambia la classifica, Audi regna senza rivali

Audi ha gestito la corsa anche sotto i riflettori del Dubai Autodrome. Mohammed Al Saud/ Dries Vanthoor/ Axcil Jefferies/ Christopher Mies/ Thomas Neubauer #7 hanno allungato sulla gemella che ha concluso al secondo posto con un giro di ritardo.

La strategia ha sottratto negli ultimi 60 minuti il terzo posto alla Mercedes #4 di HRT. Kenny Habul/Maro Engel/ Mikael Grenier/Jules Gounon (SPS Automotive Performance #75) hanno colto la Top3 gestendo al meglio il carburante, una mossa che ha sorpreso il box di Hubert Haupt. Discorso differente per Lamborghini #77 (Barwell Motorsport), out nella notte per un problema tecnico.

Nella prossima puntata…

Appuntamento tra due settimane con la prima prova dell’IMSA Michelin Pilot Challenge da Daytona. Il ‘World Center of Racing’ sarà protagonista già settimana prossima con la competizione dell’IMSA Weathertech SportsCar Championship che determinerà la griglia di partenza della Rolex 24. 

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.