24h Le Mans
Foto. Ferrari racers twitter

Toyota resta al comando a 4h dal termine della 90ma edizione della 24h Le Mans 2022, terzo atto del FIA World Endurance Championship.  Sébastien Buemi/Rio Hirakawa/Brendon Hartley (Toyota Racing #8) guidano il gruppo, mentre in GTE PRO la Ferrari sfida Porsche per il successo.

Segui la cronaca live della 24h Le Mans 2022

Alpine saluta il gruppo, Toyota resiste al top

La mattinata francese ha tradito Alpine. La vettura #36 di Matthieu Vaxivière ha colpito le barriere alle ‘Curve Porsche’ dopo aver sbagliato l’approccio nel doppiaggio della Porsche #86 del GR Racing, out nei minuti precedenti ad Indianapolis.

A 5h e 10 dalla fine è arrivata la prima SC della corsa in seguito ad un incidente ad Indianapolis per WRT #31. Tutto è stato neutralizzato, una situazione atipica visto le varie vetture di sicurezza sparse lungo i 13km della pista francese.

La ripartenza non ha cambiato le carte in tavola con Sébastien Buemi/Rio Hirakawa/Brendon Hartley (Toyota Racing #8) davanti alla gemella #7 di Kamui Kobayashi/Mike Conway/José Maria Lopez ed a Ryan Briscoe/ Richard Westbrook /Franck Mailleux (Glickenhaus #709)

LMP2: JOTA padrona della scena

Roberto Gonzalez/Antonio Felix da Costa/William Stevens sono gli uomini da battere in LMP2. Gara perfetta per questi ultimi, perfetti dall’inizio alla 20ma ora di una corsa che è ancora lunghissima

Robert Kubica/Louis Deletraz /Lorenzo Colombo (PREMA #9) occupano la seconda posizione davanti a  Oliver Rasmussen/Edward Jones /Jonathan Aberdein (JOTA #28), auto che è salita sul podio provvisorio in seguito ad una sanzione dell’Oreca 07 Gibson #31 di WRT. Quest’ultima si è ritirata dalla competizione non riuscendo a replicare quanto fatto nel 2022.

Porsche vs Ferrari in GTE PRO, Corvette #64 saluta il gruppo

Dopo una notte con poche emozioni la gara per quanto riguarda la GTE PRO è entrata nel vivo con una decisa rimonta da parte delle Rosse. La Corvette #64 si è ritrovata in cima al gruppo dopo i problemi della Porsche #92, una situazione che è cambiata con lo scoccare della 18ma ora di corsa.

Alexander Sims, in lotta con la Ferrari #51 di AF Corse per la leadership provvisoria della corsa, ha colpito le barriere dopo la ‘Chicane Daytona’ in seguito ad un contatto con l’Oreca 07 Gibson #83 di AF Corse di François Perrodo. 

Termina con un doppio ritiro l’avventura di Chevy in GTE PRO a Le Mans, una disfatta dopo una prima parte di corsa perfetta. Ferrari #51 ha potuto salire in cattedra davanti alla prima delle Porsche ufficiali, la #91 affidata a Richard Lietz/Gimmi Bruni/Fred Makowiecki.

La prima delle due 911 RSR-19 ufficiali ha iniziato a ricucire il gap con Alessandro Pier Guidi, campione del mondo in carica e vincitore dell’ultima maratona francese. La SC, entrata a meno di 5h dalla fine, ha permesso a Mako di avvicinarsi al nostro connazionale che resta in vetta grazie ad una strategia leggermente diversa.

Una lenta foratura ha sottratto alla Rossa il primato parziale, ma a 4h dalla conclusione tutto può essere facilmente ribaltato in quel di Le Mans. Ferrari chiude al momento il podio anche con Miguel Molina/Antonio Fuoco/Davide Rigon #52, vettura in rimonta dopo una prima parte di corsa non perfetta.

Aston Martin in vantaggio in GTE-Am

Ben Keating/ Henrique Chaves /Marco Sorensen (TF Sport #33) sono al comando con Aston Martin in GTE-Am. Vantaggio importante per la squadra britannica che sta dominando la scena davanti a Paul Dalla Lana/David Pittard/Nicki Thiim (Northwest AMR #98).

Cooper MacNeil/Julien Andlauer / Thomas Merrill (WeatherTech Racing #79) completano la Top3 di una competizione che non ha mai visto della partita le tante 488 GTE, in difficoltà dalla prima ora della corsa a reggere il ritmo dei rivali.

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.