La prima gara della SuperSport 300 è stata impressa dal segno di Manuel Gonzalez, il quale, dopo la pole position, si è anche aggiudicato la corsa. Sono stati undici giri combattutissimi dalla partenza alla bandiera a scacchi, con tanti protagonisti che si sono alternati al comando. Galang Hendra Pratama è partito subito al comando, ma ha dovuto poi cedere il passo allo stesso Gonzalez, prima di terminare la propria corsa nella ghiaia. Il francese Hugo Cancellis è giunto secondo al traguardo, davanti all’olandese Scott Deroue.




Quarto posto per un altro grande protagonista della gara, ovvero il tedesco Jan-Ole Jahnig, poi Andy Verdia ed l’olandese Victor Steeman, che ha preceduto un bravissimo e sfortunato Omar Bonoli, il quale ha chiuso settimo, ma ha sempre combattuto per il podio e la vittoria durante tutta la corsa. Ritiro invece per la campionessa in carica Ana Carrasco.

Cronaca. Hendra Pratama scatta subito al comando, seguito da Gonzalez e De Cancellis. Gonzales attacca subito Hendra Pratama, il quale, dopo esser passato di nuovo al comando, si vede attaccare un’altra volta da Gonzales e anche da Steeman. Arriva il francese De Cancellis, che supera Hendra Pratama, prima di passare al comando seguito dallo stesso pilota indonesiano, Steeman e Gonzalez.

La battaglia è serratissima e sono tutti vicinissimi: Steeman sale in prima piazza, ma De Cancellis non ci pensa due volte ad attaccarlo. La parte alta della classifica cambia ancora: questa volta il tedesco Jahnig si prende il comando, seguito da De Cancellis, che subito lo supera, con Steeman in terza piazza e Gonzalez quarto. Steeman supera Jahnig, mentre il francese Hugo De Cancellis sale ancora al comando, ma lo stesso Steeman si prende la testa della corsa, con Gonzalez che prima sale in seconda piazza, poi passa al comando.

Steeman ora si trova secondo, P3 per Maximilian Kappler, il quale precede De Cancellis e Jahnig. Gonzales è ancora una volta al comando, seguito da Jahnig, che deve difendersi da De Cancellis, il quale porta via la seconda piazza al tedesco. Andy Verdoia attacca Jahnig, mentre Omar Bonoli si trova in sesta posizione. Il francese Verdoia si vede superare da Jahnig, Bonoli e Steeman. Quest’ultimo sale in seconda piazza, seguito da Jahnig, il quale cede il passo al nostro Bonoli, che sale virtualmente sul podio.

La battaglia non finisce qui, perché Steeman sale al comando, seguito da Bonoli e Gonzalez, che supera il nostro portacolori. Poco dopo Bonoli sale in P1, seguito da Jahnig, Steeman e Gonzalez. Si cambia ancora con Steeman che riprende la testa della corsa, quindi Jahnig, Bonoli, il quale attacca e supera Jahnig, poi De Cancellis.

Il gruppo di testa rimane attaccatissimo e per l’ennesima volta le posizioni si scambiano: questa volta è il nostro Bonoli a prendere le redini della gara, seguito da Jahnig, Gonzalez, De Cancellis, poi superato da Steeman. Ora è De Cancellis a salire in vetta, seguito da Steeman e Gonzalez. Jahnig non si accontenta e sale in P1, ma De Cancellis lo supera; Jahnig si vede sorpassare anche da Steeman, mentre Bonoli si trova quarto.

Jahnig (P2) viene attaccato da Bonoli, che strappa la prima posizione al leader, diventando a sua volta leader temporaneo. De Cancellis e Gonzalez attaccano il nostro Bonoli, che nelle ultimissime battute di gara scivola in sesta piazza, poi chiudendo la gara in settima posizione.

Gonzalez si aggiudica la gara casalinga, seguito da Hugo De Cancellis e Scott Deroue, poi Jahnig, Verdoia e Steeman. A seguire il nostro Bonoli, Bruno Eiraci, poi Filippo Rovelli (P13), Kevin Arduini (23^ posizione) e Manuel Bastianelli ventiseiesimo. Ritirato Jacopo Facco.

Terminata questa entusiasmante prima corsa, appuntamento alla prossima settimana per il Gran Premio d’Olanda, in quel di Assen.

Giulia Scalerandi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.