Arctic Rally

Dopo le insidiose strade monegasche, il FIA World Rally Championship si sposta nei pressi di Rovaniemi per l’Arctic Rally, la prima delle due prove che si svolgeranno in Finlandia. Oltre al classico evento estivo tra i salti e le insidiose strade di Jyväskylä, il 2021 vede il debutto del Mondiale per il Rally artico. Questa manifestazione rimpiazza di fatto l’appuntamento svedese, cancellato in seguito all’emergenza sanitaria.

La prova è inedita per molti e non sarà facile sfidarsi con delle temperature inusuali ben al di sotto dello zero. Ghiaccio e neve sono le protagoniste, condizioni che i protagonisti del WRC hanno già trovato in parte a Montecarlo lo scorso gennaio nella prima uscita stagionale.

Ogier cerca di allungare, ma attenzione ai ‘locali’

Il francese Sebastien Ogier (Toyota) è l’uomo da battere ed il favorito numero uno alla vigilia dell’evento. Il sette volte vincitore del Mondiale, a segno per otto volte a Montecarlo, approda in Finlandia da leader del campionato con 9 punti di gap sul britannico Elfyn Evans. L’inglese di casa Toyota è l’ultimo in ordine cronologico ad aver primeggiato in un appuntamento su neve. Il team-mate di Ogier vinse infatti l’edizione 2020 del Rally di Svezia, corsa oltremodo condizionata dalla scarsa presenza della coltre bianca lungo le strade scandinave.

Chi potrebbe ambire al successo è il ‘locale’ Kalle Rovanperä. Il finnico, quarto attualmente nella classifica generale, insegue il primo successo in carriera nel WRC ed approda sulle nevi di casa pronto a difendere il trofeo conquistato lo scorso anno in questo evento, non valido per il Mondiale fino a questa stagione.

La conoscenza dei percorsi e l’abitudine a gestire particolari condizioni potrebbero favorire la stella di Toyota, ma nulla è scontato. Oltre a lui non dimentichiamo la presenza all’Arctic Rally di Teemu Suninen, pilota Ford M-Sport pronto a rifarsi dopo un errore che ha vanificato l’intero Rally di Montecarlo al primo giorno.

Arctic Rally: Hyundai insegue i Toyota

Terzo posto nel primo atto stagionale per il belga Thierry Neuville, unico in grado di fronteggiare l’armata giapponese. Il portacolori di Hyundai guida l’assalto dei coreani che al momento appaiono l’unica alternativa a Toyota.

Attenzione anche all’estone Ott Tänak ed all’irlandese Craig Breen, pronto a tornare nel Mondiale per l’evento che ci apprestiamo a vivere al posto dello spagnolo Dani Sordo.

Appuntamento da venerdì per tre giornate di azioni tra ghiaccio e muri di neve.

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.