Nel fine settimana ritorna in pista il Mondiale Superbike con il Gran Premio della Malesia in programma sul tracciato di Sepang, crocevia fondamentale di un campionato 2016 ancora incerto dopo la doppietta di Davies in quel di Imola. L’obiettivo per Ducati è mettersi ancora davanti al leader Jonathan Rea e accorciare ulteriormente il gap in classifica, ma Kawasaki certamente non resterà a guardare e sulla pista dove ha tenuto a battesimo la nuova ZX10R 2016 intende rifarsi dopo un round italiano pieno di problematiche. Chi diventerà la nuova tigre della Malesia? Lo scopriremo solamente al termine dell’ultimo giro di gara-2 domenica mattina.

Caratteristiche del tracciato

Grazie a Pirelli, andiamo alla scoperta delle caratteristiche del tracciato malese che nel weekend ospiterà i talenti della Superbike e Supersport, per un round di fuoco: e non soltanto per le alte temperature… 

Scelta gomme

In Malesia, essendo un appuntamento extraeuropeo, correranno solo i piloti delle classi Superbike e Supersport. Pirelli porta a Sepang un totale di 3003 pneumatici di cui 1703 per far fronte alle esigenze dei piloti della classe regina e 1300 per quelli della supersport. 

In entrambe le classi i piloti potranno sempre contare in caso di meteo avverso su pneumatici da bagnato DIABLO™ RAIN e pneumatici intermedi DIABLO™ WET.  

Per quanto riguarda gli pneumatici da asciutto nella WorldSBK i piloti avranno a disposizione tre soluzioni per l’anteriore e altrettante per il posteriore. Al posteriore inoltre, in aggiunta alle soluzioni di gara, sarà come sempre disponibile lo pneumatico da qualifica che potrà essere utilizzato esclusivamente dai piloti che riusciranno ad accedere alla seconda sessione di Superpole del sabato.

Relativamente alle opzioni per l’anteriore, sono tutte già soluzioni note ai piloti. L’unica soluzione di sviluppo è la SC1 S1699, molto utilizzata ed apprezzata dai piloti già nei primi round corsi quest’anno oltre ad essere stata l’opzione più usata all’anteriore nel corso del 2015. Le soluzioni di gamma sono invece rappresentate dalla SC2, di durezza media e ottimale per temperature esterne elevate perché garantisce solidità alla fascia battistrada, e la SC3, l’anteriore più duro della gamma 2016, che ha esordito nel round di Assen e che proprio nella gara di Imola è stata la soluzione anteriore in assoluto più utilizzata. Quest’ultima opzione offre una mescola particolarmente resistente all’asfalto abrasivo pertanto potrebbe rivelarsi la scelta vincente. 

Anche per il posteriore saranno disponibili una soluzione di sviluppo e due di gamma. La soluzione di sviluppo è la SC0 T0611, che ha debuttato l’anno scorso ad Imola ed è stata portata poi anche a Portimão, Misano, Laguna Seca, Sepang, Jerez, Magny-Cours e Losail. Quest’anno è tornata di scena con buoni risultati proprio nel round di Imola che ne aveva visto il debutto l’anno scorso. E’ una soluzione che utilizza una mescola molto morbida in grado di offrire un livello di grip molto alto se utilizzata con temperature elevate. In alternativa i piloti potranno utilizzare la SC1 di gamma, sicuramente più resistente all’abrasione o addirittura la SC2 di gamma, ancora più resistente ma più indicata in caso di basse temperature.

 

Statistiche e curiosità 2015

Numero totale di pneumatici portati da Pirelli: 2925

Numero di soluzioni (asciutto, intermedia e bagnato) per la classe Superbike: 5 anteriori e 6 posteriori

Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota Superbike: 35 anteriori e 33 posteriori

Numero di soluzioni per la classe Supersport (asciutto, intermedia e bagnato): 4 anteriori e 4 posteriori

Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota Supersport: 23 anteriori e 22 posteriori

Best Lap Awards Superbike vinti da: Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) in 2’03.654 (Gara 1, 2° giro) e da Chaz Davies (Aruba.it Racing-Ducati SBK Team) in 2’04.707 (Gara 2, 3° giro)

• Best Lap Awards Supersport vinto da: Kenan Sofuoglu (Kawasaki Puccetti Racing),in 2’09.338 (5° giro)

• Temperatura in Gara 1: aria 31° C, asfalto 43° C

Temperatura in Gara 2: aria 31° C, asfalto 39° C

Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO™ Superbike in gara: 310,3 km/h, realizzata in Gara 2 da Jordi Torres (Aprilia Racing Team – Red Devils) al 2° giro

 • Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO™ Supecorsa SC nella gara Supersport: 267,3 km/h, realizzata da Kenan Sofuoglu (Kawasaki Puccetti Racing) al 2° giro e da Fabio Menghi (VFT Racing) al 5° giro.

 

Statistiche e curiosità all time

 

44 – L’anno scorso Sepang è stato teatro dell’ultimo podio di Max Biaggi, che è diventato così il pilota più vecchio a salire sul podio, in Gara 1, a 44 anni, 1 mese e 7 giorni.

7 – Il pilota italiano Fabrizio Pirovano detiene il maggior numero dei podi in Malesia. Infatti è salito ben sette volte sul podio, nelle otto gare disputate a Shah Alam e Johor.

7 – Ducati è l’unica che ha vinto su tutti e tre i circuiti malesi, accumulando un totale di sette vittorie (2 a Shah Alam, 4 a Johor, 1 a Sepang). 

6 – Ducati ha vinto sei gare consecutivamente in Malesia: Raymond Roche aveva ottenuto la doppietta a Shah Alam nel 1991 e ha vinto Gara 1 nel 1992 a Johor. Doug Polen ha vinto Gara 2 in quell’anno e nel 1993 Carl Fogarty aveva vinto entrambe le manche sulla stessa pista. 

6 – Aprilia è il costruttore che più volte è salito sul podio a Sepang: 6, che corrisponde alla somma dei podi dei suoi rivali (3 Kawasaki, Ducati 2, 1 Suzuki).

5 – I cinque piloti malesi che hanno preso parte al weekend di gara del WorldSBK sono: Cletus Anthony, Kit Choong Chao, Cletus Adi Haslam, Meng Heng Kuan e Seng Kooi Tai. 

4 – Finora i tre circuiti malesi dove ha corso il WorldSBK (Shah Alam, Johor, Sepang) hanno ospitato 4 gare ciascuno; ciò è destinato a cambiare questo fine settimana, quando l’azione tornerà in pista a Sepang. 

4 – L’Italia e la Gran Bretagna sono le nazioni che più hanno trionfato in Malesia: il nostro paese con la doppietta di Pirovano a Shah Alam, nel 1990, e quella di Melandri, a Sepang, due anni fa, mentre il Regno Unito è stato portato in alto dalla doppietta di Fogartu, a Johor, nel 1993, e l’anno scorso da Rea e Davies a Sepang.

ha registrato il doppio a Johor con Fogarty nel 1993, e l’anno scorso Rea e Davies Split vince a Sepang.

3 – Il pilota di maggior successo in Malesia è Raymond Roche, campione del mondo del 1990, con 3 vittorie (2 a Shah Alam, 1 a Johor). Si tratta dell’unico pilota che finora ha vinto su due piste malesi. 

3 – Ducati è l’unica casa costruttrice ad aver ottenuto 3 pole position in Malesia: 1 a Shah Alam e 2 a Johor, ma non ha ancora centrato la pole a Sepang.

3 – In entrambi i weekend di gara disputati a Sepang ci sono state tre diverse marche in prima fila: Aprilia / Kawasaki / Ducati nel 2014 e Kawasaki / Aprilia / Honda lo scorso anno.

2 – Nessuno finora è stato in grado di ottenere una seconda pole position in Malesia. I piloti in pista che sono partiti dalla pole a Sepang sono Sylvain Guintoli e Tom Sykes, e sono anche gli unici che su questa pista sono sempre partiti dalla prima fila.

2 – Fino ad oggi a Sepang, nessuno è salito sul podio più di due volte. I piloti attuali che sono saliti due volte sul podio sono: Guintoli, Davies, Rea.

1 – L’unico podio di Honda in terra malese è stato ottenuto in Gara1 a Shah Alam, nel 1990, con Stéphane Mertens in terza posizione.

1 – Tom Sykes è l’unico ex campione del mondo che è stato in pole in Malesia (2015). Doug Polen (Shah Alam 1991) e Carl Fogarty (Johor 1993) sono partiti dalla pole, in Malesia, prima di aver conquistato il loro primo titolo. 

1 – In tutte e quattro le gare disputate a Sepang, il distacco tra il vincitore e il secondo classificato è stato sempre inferiore a un secondo, il più piccolo è stato di 91 millesimi tra Chaz Davies e Jonathan Rea, alla fine di Gara2 l’anno scorso.

0 – Il poleman non ha mai vinto a Sepang. 

0 – Un campione del mondo in carica non ha mai vinto a Sepang: Jonathan Rea ha vinto l’anno scorso, prima di vincere il suo titolo a fine stagione.

 

Appuntamenti in TV

Sabato 14 maggio

Ore 7.30 Superpole (Italia 2 – Eurosport)

Ore 10:00 Gara-1 (Italia 1 – Eurosport)

Domenica 15 maggio

Ore 10:00 Gara-2 (Italia 1 – Eurosport)

Marco Pezzoni

 

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.