Mancano solo i test ufficiali del 22-23 febbraio e poi sarà Mondiale Superbike 2016. Ma prima è doveroso dare spazio alla presentazione ufficiale del team che dalla prima gara lancerà il guanto di sfida alle Kawasaki di Jonathan Rea e Tom Sykes che verranno presentate domani sera a Barcellona: il team Aruba.it Racing Ducati. Dopo un 2015 chiuso da vice-campioni del mondo piloti (con Chaz Davies) e costruttori, a Borgo Panigale hanno messo in chiaro fin da subito di voler lottare per il titolo già nel 2016 e per farlo la Panigale 1199R ha subito un ulteriore step di evoluzione rispetto al 2015 per quanto riguarda motore, ciclistica ed elettronica.

Mancano solo i test ufficiali del 22-23 febbraio e poi sarà Mondiale Superbike 2016. Ma prima è doveroso dare spazio alla presentazione ufficiale del team che dalla prima gara lancerà il guanto di sfida alle Kawasaki di Jonathan Rea e Tom Sykes che verranno presentate domani sera a Barcellona: il team Aruba.it Racing Ducati. Dopo un 2015 chiuso da vice-campioni del mondo piloti (con Chaz Davies) e costruttori, a Borgo Panigale hanno messo in chiaro fin da subito di voler lottare per il titolo già nel 2016 e per farlo la Panigale 1199R ha subito un ulteriore step di evoluzione rispetto al 2015 per quanto riguarda motore, ciclistica ed elettronica.

La livrea della moto non ha subito variazioni degne di nota rispetto al 2015, gli sponsor sono rimasti praticamente gli stessi (Aruba.it main sponsor del team) anche se risulta essere il rosso il colore dominante della 1199R ufficiale. Nuova livrea anche per quanto riguarda le tute dei piloti: dal nero-rosso-nero del 2015 al rosso-nero-bianco di quest’anno. Nessun cambio di design per casco e numero di Chaz Davies, cambia invece il design del 34 di Davide Giugliano e anche quello del casco del pilota romano. Tanti piccoli cambiamenti per un team orami affiatato (Giugliano e Davies fanno coppia fissa ormai da 2 anni) e pronto a battagliare per risultati importanti nel corso del 2016. Novità anche per quanto riguarda i componenti del team Superbike, soprattutto dalla parte di Davide Giugliano, con Aligi Deganello nuovo ingegnere di pista del pilota romano e Paolo Biasio nel ruolo di elettronico di Davide. 

Ma ecco le parole di Stefano Cecconi, Claudio Domenicali, Gigi Dall’Igna, Chaz Davies e Davide Giugliano a margine della presentazione della moto.

Stefano Cecconi, Amministratore Delegato di Aruba S.p.A e Team Principal: “I ventuno podi e le cinque vittorie nel 2015 ci hanno permesso di chiudere al secondo posto il Mondiale Piloti e quello Costruttori. Una grande soddisfazione per tutti noi, ma non ci accontentiamo e proveremo a fare di più quest’anno. Dal punto di vista organizzativo, la collaborazione con Ducati ha funzionato alla grande e voglio ringraziare tutte le persone coinvolte, anche in Feel Racing. Abbiamo iniziato la stagione sul podio per poi concluderla lottando stabilmente per la vittoria. È da lì che vogliamo ripartire per puntare ancora più in alto, quindi era giusto dare continuità alla struttura. Il 2015 è stato per Aruba un anno record in termini di risultati da tutti i punti di vista e sicuramente ha contribuito anche il progetto Superbike, con tutta la visibilità che ci ha consentito di avere, sia a livello nazionale che internazionale”. 

Claudio Domenicali, Amministratore Delegato di Ducati Motor Holding: “Desidero innanzitutto ringraziare Stefano Cecconi, nostro partner in questa operazione che ci ha dato delle soddisfazioni straordinarie. Abbiamo visto risultati importanti per la squadra, risultati economici importanti per Aruba ed è stato anche l’anno migliore della storia di Ducati. Nel 2015 abbiamo venduto oltre 54.000 moto, un record, con un incremento del 22% rispetto all’anno precedente. E’ un risultato dovuto sicuramente ai molti modelli nuovi lanciati, alla nuova gamma del modello Scrambler, ma anche ai risultati delle gare che sono per tutti i Ducatisti un elemento importante. Voglio sottolineare l’importanza della Superbike per un produttore come Ducati. Correre con una moto strettamente derivata dalla serie ci consente di sviluppare dei prodotti straordinari e la Panigale R è una moto veramente ineguagliata nel settore delle sportive. La Superbike è nel cuore della Ducati e di tutti i Ducatisti”.

Luigi Dall’Igna, Direttore Generale di Ducati Corse: “In questi miei primi due anni in Ducati abbiamo cercato di migliorare lo scambio di informazioni tra MotoGP e SBK, cosa che ci ha aiutato a crescere su entrambi i fronti. Per il 2016, il team SBK presenta diverse novità. Abbiamo inserito nell’organico Marco Zambenedetti, ingegnere proveniente dalla MotoGP, e nel box di Giugliano abbiamo portato due persone di grandissima esperienza, Aligi Deganello e Paolo Biasio. La Panigale R è stata ulteriormente evoluta dal punto di vista della ciclistica, dell’elettronica e del motore. Nei test invernali siamo stati protagonisti, cosa che ci consente di iniziare il 2016 con un unico obiettivo: vincere il titolo”. 

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7): “La scorsa stagione è stata ricca di soddisfazioni. Essere stato il primo pilota a portare la Panigale R alla vittoria ha significato molto, non solo per me ma per tutta la Ducati e per i tantissimi Ducatisti in tutto il mondo. Siamo cresciuti costantemente e gradualmente siamo arrivati ad un pacchetto molto competitivo ed efficace. Questa condizione ci ha accompagnato anche durante i test invernali dove, con le ultime evoluzioni di ciclistica ed elettronica, ci siamo concentrati sulla performance sulla lunga distanza. Sono molto fiducioso e non vedo l’ora di iniziare il campionato”. 

Davide Giugliano (Aruba.it Racing – Ducati #34): “Dopo una stagione difficile, guardiamo avanti con ottimismo. Sono cambiate molte cose, sia sulla moto che nella mia squadra, e ringrazio Ducati per questa opportunità. Con Aligi e Paolo, il mio nuovo capotecnico ed elettronico, abbiamo lavorato tanto e bene, passo dopo passo. Negli ultimi test sono tornato ad essere veloce come i migliori, e quindi sono ottimista e non vedo l’ora di andare in Australia

Il team partirà tra poco alla volta di Phillip Island, dove il 22 e 23 febbraio si svolgeranno i test ufficiali, antipasto di quello che vedremo dal 27-28 febbraio per il primo round della stagione proprio sul tracciato australiano.

Marco Pezzoni

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.