Johathan Rea ha vinto ancora ad Assen dopo una gara gestita alle spalle di Chaz Davies che oggi stava rendendo la vita difficile al pilota Kawasaki ma che non ha raccolto niente a causa di un problema alla sua moto che lo ha lasciato a piedi all'ultimo giro. Il secondo posto così è andato a Tom Sykes ed il terzo a Marco Melandri che oggi non è riuscito a tenere il ritmo del gruppo di testa. Rea incrementa con 25 punti il suo vantaggio in campionato continuando la scia di vittorie sul tracciato di Assen: l'Università delle due ruote.

Tolta la Pole a Jonathan Rea per guida pericolosa in curva 7 durante la Superpole: il pilota britannico aveva stampato un tempo record 1’33″505 che gli aveva permesso di prendersi la prima posizione ma Chaz Davies in parco chiuso ha protestato portando avanti la sua opinione appoggiato anche dalla Direzione Gara. Il pilota Kawasaki che ha rallentato durante il giro veloce del ducatista rivedendo le immagini ha ammesso il suo errore, rassegnandosi così ad aprire la seconda fila lasciando la Pole a Tom Sykes seguito da Davies e Lorenzo Savadori.

Gara 1

Ottima partenza di Davies e Marco Melandri che viene però superato dalle due Kawasaki alla prima curva, i due britannici si lanciando all’attacco anche se la bagarre tra i due rallenta la loro corsa. Rea inventa sorpassi per prendersi la seconda piazza mentre nelle retrovie Michael Van der Mark cade abbandonando la gara di casa. Savadori in quinta posizione non riesce a tenere il ritmo del gruppo di testa dove il leader del Mondiale recupera il gap su Davies. 

I due piloti di testa di studiano martellando sul 35″ basso ma Rea sembra più a suo agio e lascia il ducatista a dettare il ritmo senza tentare di superarlo, intanto Sykes continua a girare veloce mentre Marco Melandri in quarta posizione perde contatto e porta il suo svantaggio sui 3″. Savadori perde posizioni a vantaggio di Forés, Laverty e Lowes che invece sembrano avere il passo per ricucire il distacco da Melandri e lasciare così potenzialmente aperta la bagarre per la quarta piazza.

A 10 giri dalla conclusione i primi tre piloti si trovano attaccati, ognuno superiore all’altro in settori diversi della pista che permettono loro di compensarsi e rimane vicini; Rea inizia a mettere pressione a Davies invece Sykes perde un po’ di contatto lasciando la lotta per il gradino più lato del podio ai due rivali. Il sorpasso di Rea arriva a 4 giri dal termine ma Davies non ci sta e di autorità si riprende il primo posto: il ducatista gestisce bene gli assalti del pilota Kawasaki rispondendogli ad ogni sorpasso.

L’attacco definitivo di Rea arriva a due giri dal termine ma Davies continua a mantenere il contatto fino al giro finale quando per lui arriva un inaspettato problema tecnico che lo costringe a fermarsi portando a casa uno zero amaro dopo una gara straordinaria. Rea vince la gara 1 ad Assen continuando a dominare la classifica mentre Sykes e Melandri si prendono rispettivamente la seconda e terza posizione. Quarta posizione per Xavi Forés seguito da Savadori che migliora la sua prestazione nel finale dopo un calo a metà gara.

Classifica Gara1 SBK – Assen

Jonathan Rea

Tom Sykes

Marco Melandri 

Xavi Forés

Lorenzo Savadori 

Stefan Bradl

Román Ramos

Eugene Laverty

Leandro Mercado

Leon Camier

Randy Krummenacher

Alex De Angelis

Raffaele De Rosa

Nicky Hayden 

Ayrton Badovini

Ondrej Jezek 

Alice Lettieri

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.