E’ andato in scena il nono appuntamento del FIA F.3 European Championship sul tracciato di Portimao. A dominare letteralmente il weekend portoghese è stato il team PremaPower con il duo Dennis-Rosenqvist: il britannico ha conquistato la prima manche, mentre le altre due sono andate allo svedese. E’ proprio quest’ultimo ad aver preso il posto di Giovinazzi al comando della classifica generale con 378 punti, davanti all’italiano (a quota 343.5 punti) e a Leclerc (con 324.5 punti).

Gara 1. Dennis scattava bene dalla propria casella, andando subito al comando seguito da Albon e Rosenqvist. Poco dopo Giovinazzi tentava di attaccare Jensen, senza riuscirci. Stroll sorpassava il proprio compagno di scuderia Rosenqvist, portandosi in 3^ piazza, ma lo svedese non ci stava e iniziava a battagliare con l’avversario, mentre Leclerc e Pommer erano in bagarre per la quarta piazza. Giovinazzi superava Ferrucci, ma l’americano riusciva in seguito ad avere la meglio sull’italiano. Jensen e Giovinazzi sorpassavano Russell, prima che il pilota del Mucke Motorsport venisse superato dal compagno di squadra Ferrucci. Raghunathan e Beretta subivano intanto un drive-through per esser passati oltre la riga bianca che delimita la pista. Dopo una breve bagarre, Lorandi riusciva quindi a sorpassare Jeffri, mentre durante una bagarre fra Ilott, Cassidy e Menezes, l’inglese toccava Cassidy, il quale andando fuori pista era costretto al ritiro. A tagliare per primo il traguardo era dunque Dennis davanti ad Albon e Rosenqvist. Nono al traguardo Giovinazzi, davanti agli altri italiani presenti in pista: Lorandi (17°) e Beretta (27°).

Gara 2. La prima staccata vedeva Rosenqvist davanti a Dennis e Stroll. Poco dopo Rao sbatteva ed era costretto al ritiro. A tal punto la SC entrava in pista per permettere ai commissari di rimuovere la vettura dell’inglese. Oltre al britannico, anche Hyman era costretto ad abbandonare la propria vettura nella ghiaia. Dopo alcune tornate Rosenqvist faceva segnare il giro più veloce, mentre Giovinazzi superava Pommer. La Safety Car entrava nuovamente in pista in seguito al ritiro di Cassidy. Al re-start Menezes attaccava Russell agguantando la quarta piazza, ma i due iniziavano poco dopo a battagliare anche con Fittipaldi. Giovinazzi sorpassava dunque Boccolacci, mentre Ilott usciva di pista per poi rientrare subito. A vincere la manche era dunque Rosenqvist, davanti a Dennis e Stroll. Ottava piazza finale per Giovinazzi, con Beretta 20° e Lorandi 27°.

Gara 3. Rosenqvist manteneva la testa al via, seguito da Dennis e Stroll. A metà corsa Gunther usciva di pista con Pommer. La Safety Car era dunque costretta ad entrare in pista per dare il tempo ai commissari di rimuovere le vetture, “congelando” così il serpentone delle vetture in pista e annullando i distacchi accumulati. Al re-start Jeffri scontava un drive-through a causa della partenza anticipata. Vinceva nuovamente Rosenqvist, davanti a Dennis e Stroll. Ottava piazza finale per Giovinazzi. Beretta e Lorandi terminavano rispettivamente in quattordicesima e ventiseiesima piazzia.

Terminato il weekend portoghese, appuntamento alla prossima tappa in programma sul leggendario tracciato del Nurburgring, che ospiterà in concomitanza una tappa della DTM nel weekend dal 25 al 27 settembre.

Giulia Scalerandi

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.