Arriva Silverstone e la Pirelli metterà a disposizione dei team gli pneumatici P Zero Orange hard e P Zero White medium. In realtà, si tratterà quasi di una seconda gara di casa per il fornitore ufficiale del Mondiale di Formula 1, il quale ha nello stabilimento di Didcot, a meno di un’ora dal circuito, il proprio hub logistico. Il tracciato di Silverstone presenta come caratteristiche principali elevate velocità e alti livelli di energia laterale: tuttavia il circuito modificato negli ultimi anni, presenta anche settori più lenti e più tecnici, dove l’accelerazione combinata è particolarmente importante. Quando il pilota sterza e accelera contemporaneamente in uscita di curva, il lavoro dello pneumatico è cruciale. In alcuni settori è stato rifatto l’asfalto che si presenta, quindi, meno abrasivo rispetto alle vecchie sezioni: un asfalto abrasivo aumenta il grip, ma anche l’usura e il degrado. Solo per le prove libere del venerdì, ciascun pilota avrà a disposizione due set extra di pneumatici duri prototipali, come quelli visti in Spagna. Silverstone è uno dei circuiti più antichi e veloci in calendario: il suo particolare layout fa sì che sugli pneumatici si scarichi molta energia, con un conseguente effetto sul degrado e sull’usura. Un uso accorto della strategia si è rivelato, in passato, un elemento chiave per la gara inglese: lo scorso anno, Mark Webber (nella foto) vinse fermandosi due volte ai box. Paul Hembery: “Silverstone, con le sue altissime velocità e curve scorrevoli, è in netto contrasto con il circuito canadese, di tipo stop and start, anche se, come questo, impegna molto le gomme. Per questo motivo, abbiamo scelto le due mescole più dure per il Gran Premio di Gran Bretagna, con un nuovo collante che lega il battistrada alla cintura in acciaio, progettato per eliminare gli isolati casi di delaminazione visti ad inizio stagione. L’effettiva costruzione dello pneumatico non cambia, in quanto non è stata raggiunta l’unanimità delle squadre su questo punto: teniamo, però, quest’ipotesi in stand-by, nel caso dovesse rendersi necessaria in futuro. Nel corso delle prove libere di Silverstone forniremo ai piloti lo stesso pneumatico prototipale duro provato il venerdì in Spagna, che presenta una durata maggiore rispetto all’attuale hard, al fine di dare ai team l’opportunità di testare questa nuova soluzione su un circuito diverso e raccogliere, così, più dati. Ovviamente, un altro fattore importante a Silverstone è il clima, notoriamente variabile: non sarebbe una sorpresa vedere il Cinturato Green intermediate e il Cinturato Blue wet scendere in pista durante il weekend. Per questo motivo, è molto difficile prevedere il numero di pit-stop. Lo scorso anno abbiamo assistito a una strategia a due soste, in condizioni di asciutto dopo due giorni di pioggia, ma quest’anno le mescole sono più morbide, dunque, se non pioverà potremmo vedere tra le tre e le quattro soste. Sarà possibile avanzare una previsione più precisa dopo le prove libere”. Jean Alesi: “Uno dei fattori più importanti a Silverstone è il meteo: imprevedibile. E’ un circuito molto impegnativo per le gomme, non tanto per trazione o frenata, quanto per gli elevati livelli di carico aerodinamico, risultato delle alte velocità. Questo è una delle principali cause dell’usura degli pneumatici, quindi la combinazione hard-medium è ideale qui. Da pilota, sono salito molte volte sul podio di Silverstone e mi sono sempre divertito su questo circuito, dove ho corso con layout diversi. L’ultimo intervento, quello che ha portato al nuovo complesso dei box, è stato un investimento importante, anche se è un peccato aver eliminato la curva Bridge. Ad ogni modo, Silverstone resta un circuito eccezionale: assisteremo a una bella gara, con meno politica e più strategie. E’ sempre un piacere venire qui, i tifosi inglesi sono grandi appassionati di Formula Uno”. Nel seguente video, Mario Isola di Pirelli spiega le caratteristiche del tracciato britannico dal punto di vista delle gomme ma svela anche un interessante retroscena sul meccanismo di assegnazione delle coperture a ciascuna vettura.

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.