Claudio Domenicali l’aveva promessa ed oggi la Ducati Streetfighter V4 è realtà. La nuova supernaked di Borgo Panigale sarà al via della prossima Pikes Peak International Hill Climb con Carlin Dunne. La versione stradale vedrà la luce durante la Ducati World Premier 2020 e sarà disponibile dal prossimo marzo, mentre il prototipo cercherà di stabilire il nuovo record della PPIHC il prossimo 30 giugno. Ricordiamo che il primato per anni è stato nelle… ruote della Ducati Multistrada 1200 Pikes Peak, ma che dal 2017 appartiene alla KTM 1290 Super Duke R (pilotata da da Chris Fillmore).




Il prototipo. Come Ducati stessa aveva annunciato sui canali social, oggi sarebbe stato svelato un nuovo modello della casa di Borgo Panigale. Nessuno aveva dubbi sulla tipologia: una supernaked! Nelle ultime settimane si sono susseguiti avvistamenti dei muletti di una naked spinta dal motore Desmosedici Stradale sia in Nord America che a Pergusa. Il dubbio che gli appassionati conservavano era solo sul nome: Monster o Streetfighter? Alla fine a Borgo Panigale hanno optato per il secondo e così la nuova arma di Ducati per il segmento delle naked ad alte prestazioni si chiamerà Ducati Streetfighter V4. Il prototipo che sarà affidato a Carlin Dunne per conquistare la PPIHC 2019 è stato presentato sempre via social, corredato da poche foto e pochissimi dettagli tecnici.

Sappiamo che il motore Desmosedici Stradale è quello in versione 1100cc e possiamo quindi immaginare una potenza vicina, se non superiore, a 200cv (almeno in questa versione prototipo). Ducati non ha rinunciato allo studio aerodinamico: nonostante la mancanza di una carenatura completa, nella parte laterale spuntano due coppie di ali. Per il resto la moto ricorda una Panigale V4s Speciale priva di carene: stesse sospensioni, stesso forcellone, stesso codone e stesso impianto di scarico Akrapovic completo.

La gara. La Pikes Peak International Hill Climb è probabilmente la corsa in salita più prestigiosa del mondo. Si parte da 2.682 metri di altitudine sopra il livello del mare e, dopo 156 curve racchiuse in 19.99km, si arriva ai 4.300 metri della vetta. Negli States solo la 500 Miglia di Indianapolis vanta una storia più lunga per le competizioni automobilistiche. Col passare degli anni l’evento si è evoluto ed oggi la categoria moto è una vera e propria sfida fra case ufficiali. Oggi Ducati e KTM schierano i propri mezzi ufficiali, con le case direttamente interessate alla “Race to the clouds”. Lo scorso anno a vincere è stato proprio Carlin Dunne su Ducati, in sella alla nuova Ducati Multistrada 1260 Pikes Peak. Il record è però rimasto in mano a Chris Fillmore che, nel 2017 con la KTM 1290 Super Duke R, aveva fermato il cronometro in 9’49”625.

SBK Stradale. Ducati presenterà la versione omologata solo a novembre durante la Ducati World Premier 2020, nel weekend precedente ad EICMA. Solo li potremo vedere da vicino la versione definitiva della nuova nata di Borgo Panigale. Molto probabilmente la vedremo in due versioni come spesso accade per le moto sportive bolognesi. Una versione “base”, che potrebbe ereditare le sospensioni Showa della Panigale V4, ed una versione “S” con sospensioni elettroniche Ohlins, cerchi forgiati e tanta fibra di carbonio. La nuova Ducati Streetfighter V4 sarà disponibili a partire da marzo 2020.

Mathias Cantarini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.