Più che una sessione di qualifica è sembrata a tratti una vera e propria...corsa alla "sopravvivenza", quella andata in scena sul tracciato del Red Bull Ring. Una stucchevole sequenza di penalità inflitte per track limits all'ultima curva ha caratterizzato la caccia alla pole position del Gran Premio d'Austria, con Max Verstappen che per soli 48 millesimi ha preceduto la Ferrari di Charles Leclerc. Ottima prestazione della Rossa anche grazie alla terza piazza di Carlos Sainz, mentre scatterà soltanto dall'ottava fila la Red Bull di Perez che si è visto cancellare i propri tempi per ben due volte nel Q2.

TRACK LIMITS A VALANGA: "PAGA" PEREZ

Questione di centimetri. Se è pur vero che in un mondo come quello della Formula 1 sono i millesimi di secondo a fare la differenza, quanto andato in scena nel corso delle qualifiche del GP Austria ha rasentato il ridicolo. Ancora una volta, il vero "arbitro" della sessione ha rischiato di diventare il...cordolo in uscita dall'ultima curva, visto che sono state decine nel corso della sessione le penalità comminate per aver oltrepassato la linea bianca con tutte e quattro le ruote. A farne le spese è stato soprattutto Sergio Perez, il quale si ritroverà domenica a dover scattare dalla quindicesima posizione, ma la regola minaccia di fare altre vittime illustri nel corso del week-end.

LECLERC SFIORA L'IMPRESA

Venendo all'aspetto puramente sportivo, la lotta per la pole position si è infiammata soprattutto nel finale, grazie ad un fantastico giro da parte di Charles Leclerc che ha sfiorato l'impresa chiudendo a soli 48 millesimi dal crono di 1:04.391 che ha assegnato la pole position a Max Verstappen. Il pilota olandese, pur dovendo fare anch'egli i conti con un paio di tempi cancellati, si è dimostrato padrone sul tracciato austriaco, chiudendo tutte le sessioni al comando dopo aver dominato le libere nel primo pomeriggio. Per il campione del mondo in carica si tratta della quarta pole consecutiva, anche se la performance messa in mostra dalla Ferrari può certamente regalare un sorriso ai tifosi della Rossa.

MCLAREN IN CRESCITA CON NORRIS

La rinnovata SF-23 ha infatti ritrovato la prima fila grazie al pilota monegasco, ma anche Carlos Sainz è sembrato particolarmente competitivo come evidenziato dal terzo tempo ottenuto a solo 0"190 dalla Red Bull. Le premesse per una gara da protagonisti sembrano esserci tutte, anche se di certo non sarà facile mettere in discussione la supremazia del duo campione in carica. Riscontri molto positivi anche dal nuovo pacchetto aerodinamico portato in pista dalla McLaren, quarta con Lando Norris, il quale ha preceduto il connazionale Hamilton al volante dell'unica Mercedes presente in Q3. Piccola delusione in casa Aston Martin, con Lance Stroll che ha avuto la meglio nei confronti del compagno Alonso, pur non riuscendo ad andare oltre del sesto e settimo tempo.

HULK FA BRILLARE HAAS, MALE RUSSELL

Ancora una volta ottima la prestazione in qualifica di Nico Hulkenberg, capace di portare la Haas in quarta fila sulla griglia di partenza, con l'Alpine di Gasly e la Williams di Albon a completare la top ten. Male invece George Russell, eliminato nel Q2 e soltanto undicesimo, a precedere Ocon, Piastri e Bottas, quest'ultimo autore di un testacoda che ha provocato una bandiera rossa nel Q1. Delusione cocente per Sergio Perez, alla sua quarta assenza consecutiva (a fronte di altrettante pole del compagno) dalla Q3, mentre le ultime posizioni del gruppo vedranno scattare Tsunoda, Zhou, Sargeant, Magnussen e un De Vries sempre più in difficoltà con l'Alpha Tauri.

Dopo le qualifiche del GP Austria, l'attenzione adesso si sposta sulla giornata di domani, con le qualifiche in modalità shoot-out alle 12:00 che determineranno la griglia di partenza della seconda Sprint Race stagionale, in programma alle 16:30: questa volta potrebbe essere la pioggia (oltre ai track limits) a rappresentare un ulteriore elemento di incognita su una pista in cui i distacchi sono ridottissimi e che promette di riservare ulteriori sorprese per il resto del week-end.

Marco Privitera qualifiche gp austria

LiveGP.it è la storia di un piccolo sogno divenuto realtà. Un progetto partito da un foglio bianco nel Novembre 2012 e cresciuto, giorno dopo giorno, fino a diventare un vero e proprio network a 360° operativo nel mondo del Motorsport.

LiveGP.it è una Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 27/04/2016 al numero 134. Proprietario e editore: Marco Privitera. P.IVA 08976770969 © Copyright LiveGP.it 2012-2024

Contact us: [email protected]

Powered by Slyvi