FX Racing Weekend 2024 | Live Streaming Gare - Varano 14 Aprile (pomeriggio)

Tutti contro tutti alla Petit Le Mans 2023, ultimo e decisivo round dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship. Cresce l’attesa per l’atto finale della più importante categoria americana riservata alle GT ed ai prototipi, evento da non perdere con oltre quattro equipaggi ancora matematicamente in gioco per il successo.

La prova di Indianapolis di metà settembre ha ristretto una graduatoria che dalla Rolex 24 at Daytona è cambiata a più riprese. Whelen Engineering Cadillac Racing #31 è solamente l’ultima auto che è riuscita a prendere il comando delle operazioni, un margine di quattro punti che proverà a confermare nelle ultime dieci ore del 2023 a Road Atlanta.

 
View this post on Instagram
 

A post shared by IMSA (@imsa_racing)

Petit Le Mans: chi sarà il re dell’IMSA? 

Chi sarà il re dell’IMSA WTSC per la classe regina? La domanda è lecita, la risposta è molto complicata. La Cadillac #31 guida provvisoriamente le operazioni con Alexander Sims/Pipo Derani grazie a 2460p all’attivo. 

La coppia, leader anche nella Michelin Endurance Cup con Jack Aitken alla vigilia della quarta ed ultima prova in calendario, precede Filipe Albuquerque/Ricky Taylor (Konica Minolta Acura ARX-06 #10) con 2456p e Nick Tandy/Mathieu Jaminet (Porsche Penske Motorsport #6) con 2455p. 

Seguono a 2422p  Nick Yelloly/Connor De Philippi  (BMW M Team RLL #25) davanti a Matt Campbell/Felipe Nasr (Porsche Penske Motorsport #7) e Tom Blomqvist/Colin Braun (Meyer Shank Racing w/ Curb Agajanian Acura #60), rispettivamente a 2387p ed a 2333p.

Acura ha vinto nel 2022 la Petit Le Mans, mentre Wayne Taylor Racing with Andretti Autosport vanta tre affermazioni in questo speciale round (2014-2018-2020), nessuno per ora ha saputo fare di meglio dal 2014 ad oggi (gare valide per l’attuale campionato gestito da IMSA).

Alcuni ospiti speciali per la Petit Le Mans 2023

Iniziamo dal debutto in GTP di Josef Newgarden. Il nativo di Nashville, vincitore della Indy500 2023, è stato chiamato a lottare con la 963 #7 di Porsche Penske Motorsport in compagnia di Matt Campbell/Felipe Nasr.

Il #2 di Penske per l’IndyCar Series raggiunge la top class in compagnia di Jenson Button, ex campione del mondo di F1 che non ha mai corso la Petit Le Mans. Il britannico è atteso con JDC-Miller MotorSports Porsche #5 in compagnia di Tijmen van der Helm/Mike Rockenfeller.

Nuova missione anche per Scott McLaughlin, neozelandese di Penske per l’IndyCar che ritrova l’Oreca 07 Gibson #8 di Tower Motorsports. Il tre volte vincitore del Supercars Championship, primo nel 2023 alla 12h di Sebring in LMP2, sarà al via con la compagine canadese in compagnia di Ari Balogh e Kyffin Simpson, padrone della scena ne 2022 in GTD con Gradient Racing Acura.

Menzione d’onore anche per Helio Castroneves. Il brasiliano accompagnerà Tom Blomqvist/Colin Braun a bordo dell’Acura #60 del Meyer Shank Racing with Curb-Agajanian. L’auto che ha vinto lo scorso anno la gara ed il campionato si prepara per l’ultima corsa in IMSA dal 2004 ad oggi, Meyer Shank Racing ha infatti deciso di mettere in pausa il proprio programma sportivo al fine di privilegiare l’IndyCar Series.

LMP2, una poltrona per tre

Bagarre a tre per il titolo per l’IMSA WTSC in LMP2, una sfida tutta da seguire visto che il vincitore riceverà un invito automatico alla prossima edizione della 24h Le Mans. Il medesimo premio spetta a coloro che si imporranno nella categoria Bronze della classe GTD.

Ben Keating/Paul-Loup Chatin (PR1 Mathiasen Motorsports #52) guidano la classifica con 1345 punti all’attivo davanti a Mikkel Jensen/Steven Thomas (TDS Racing #11) ed a George Kurtz/Ben Hanley  (Crowdstrike Racing by APR #04), rispettivamente presenti a 1300p ed a 1248p.

Nove auto comporranno in ogni caso lo schieramento di partenza per quanto riguarda la classe LMP2. AF Corse #88 si unisce alla festa in compagnia di Rick Ware Racing #51 e High Class Racing #20, tutti equipaggi in pista con Oreca.

Petit Le Mans: ultima danza per le LMP3

Ultima danza per le LMP3 che successivamente abbandoneranno la serie visto l’esponenziale incremento di GTP e GT in vista della prossima stagione agonistica. I prototipi che vediamo regolarmente anche nella Michelin Le Mans Cup e nell’European Le Mans Series verranno dirottati verso il già esistente IMSA VP Racing Sportscar Challenge, campionato che vede in pista LMP3 e GT4.

Gar Robinson è ampiamente il leader del campionato con la Ligier #74 di Riley. L’americano si appresta per festeggiare il titolo dopo aver vinto tutte le prove disputate ad eccezione del round di Indy di un mese fa, l’ex campione della categoria condividerà l'abitacolo in Georgia con Josh Brudon/Felipe Fraga.

GTD PRO, Lexus festeggia con Vasser Sullivan

Jack Hawksworth/Ben Barnicoat devono solamente partire nella Motul Petit Le Mans 2023 per vincere automaticamente il titolo nell’IMSA WTSC per quanto riguarda la categoria GTD PRO. La coppia di Lexus (Vasser Sullivan #14) ha sigillato il trofeo dopo una nuova solida prova ad Indy, evento vinto dalla Mercedes #79 di WeatherTech Racing. 

L’auto di Daniel Juncadella/Jules Gounon torna in scena insieme a Corvette Racing #3, Heart of Racing Aston Martin #23 e Pfaff Motorsports Porsche #9 nella top class delle GT. Nuovamente in azione, invece, avremo anche la Ferrari #62 di Risi Competizione e la Lamborghini #63 di Iron Lynx, rispettivamente affidate a Davide Rigon/Daniel Serra/Alessandro Pier Guidi ed a Mirko Bortolotti/Franck Perera/Jordan Pepper.

 
 
View this post on Instagram
 

A post shared by IMSA (@imsa_racing)

GTD, Paul Miller Racing prova a chiudere in bellezza un 2023 incredibile

Paul Miller Racing prova a concludere in bellezza una stagione da urlo. Madison Snow e Bryan Sellers (BMW #1) hanno regalato spettacolo a più riprese quest’anno, abili a firmare il titolo con una competizione d’anticipo sul programma.

La riconoscibile M4 GT3 si contende ora anche la Michelin Endurance Cup dopo aver ottenuto il trofeo overall e la specifica WeatherTech Sprint Cup. Occhi puntati quindi sulla struttura americana che dovrà vedersela come sempre con Roman De Angelis/Marco Sorensen/Ian James  (Heart of Racing Aston #27) e Aaron Telitz /Frankie Montecalvo/Parker Thompson  (Vasser Sullivan Lexus #12).

Per l’epilogo stagionale attenzione anche alle Ferrari che inseguono la prima gioia nell’IMSA WTSC dopo aver conquistato un successo anche nel GTWC Europe 2023. Roberto Lacorte /Giorgio Sernagiotto/Antonio Fuoco tornano all’assalto con Cetilar Racing #47, team che nel 2022 aveva conquistato la 12h Sebring. 

Menzione d’onore alla vigilia del fine settimana anche per John Potter /Andy Lally/Spencer Pumpelly (Magnus Racing Aston #44) e Ryan Hardwick/Jan Heylen/Zach Robichon (Wright Motorsports Porsche #16), equipaggi che notoriamente sono sempre molto competitivi nelle sfide di durata.  La caratteristica location di Road Atlanta potrebbe sorridere anche a Russell Ward/ Philip Ellis/Indy Dontje  (Winward Racing Mercedes #57), auto più che mai sfortunata da Daytona ad oggi che ha meritatamente colto il successo nell’ultima uscita in quel di Indy dopo una lunga lotta contro Forte Racing Powered by USRT Lamborghini #78.

La Motul Petit Le Mans verrà proposta come sempre gratuitamente in diretta su IMSA.com (IMSA TV). In alternativa è possibile seguire la manifestazione anche sul portale RadioLeMans.com.

Luca Pellegrini