Nell’ottava puntata di ‘Speedy Woman’ è stata nostra ospite sui canali di LiveGP.it Manuela Gostner. L’italiana del trio delle Iron Dames si è raccontata nel nostro “salotto rosa” tra attualità e il sogno realizzato della 24h di Le Mans.

Angelo biondo e accento tirolese, la pilota delle Iron Dames ha parlato dei suoi inizi, dell’emozionante esperienza legata alla sua partecipazione nella gara più affascinante del mondo e del suo futuro.

Manuela Gostner inizia la sua carriera in età adulta. Frequenta l’autodromo e il paddock del Ferrari Challenge per assistere alle gare di suo fratello Davide, ma qualcosa cambia nel 2014 al Mugello. Viene invitata ad avvicinarsi alla vettura, cambiando così il suo punto di vista. Il rapporto con il motorsport diventa più personale, con un test a Cremona sulla Ferrari, dove l’emozione esplode.

“Se poteva domare quei cavalli mio fratello più piccolo, perchè non avrei dovuto riuscirci io?”. Curiosità, passione e determinazione spingono Manuela all’inizio di una meravigliosa avventura. Partono così una serie di test e allenamenti per lei e, grazie al supporto dell’amico Giorgio Sernagiotto, impara i segreti della vettura e partecipa al Ferrari Challenge.

Dopo aver maturato esperienza e importanti podi nel 2018, arriva la chiamata per un importante e interessante progetto di Deborah Mayer: un equipaggio di sole donne alla conquista della European Le Mans Series. Così, insieme a Michelle Gatting e Rahel Frey, Manuela compone un trio variegato e complementare, che ha raggiunto un obiettivo meraviglioso al di là della ELMS: la 24 ore di Le Mans. Da spettatrice a donna che sfreccia su circuiti nazionali e internazionali a bordo di una Ferrari GTE 488 del team di punta Kessel Racing.

LE MANS: UN’EMOZIONE INDESCRIVIBILE

“Quando arrivi a Le Mans non sai cosa ti aspetta. Hai sentito tanti racconti, ma sono giorni ricchi di emozione, in cui sembra di essere in un altro mondo. La gara è lunga e tutto può succedere. Non si può spiegare nel profondo questa esperienza, solo chi la prova davvero riesce a capire fino in fondo. Il momento più adrenalinico è stato vedere la bandiera a scacchi, sembra scontato ma ho avuto i brividi”.

L’emozione si sente nel racconto di Manuela e quest’anno ci sarà la seconda partecipazione del trio delle Iron Dames alla gara, che è stata posticipata al 15-16-17 settembre.

DALLA PALLAVOLO AL MOTORSPORT

Manuela Gostner, prima dell’automobilismo, ha giocato per anni a pallavolo e questo l’ha molto aiutata nelle dinamiche di equipaggio; le gare di durata hanno bisogno di un grande affiatamento tra i componenti.

“Il gioco di squadra ha sempre fatto parte della mia vita, mi ha aiutato molto, ho portato il mio spirito di gruppo nelle Iron Dames. Con Michelle e Rahel mi trovo benissimo, abbiamo un grande feeling. Passiamo tanto tempo insieme e ci supportiamo in tutto, abbiamo caratteri diversi ma complementari e questa è una grande forza, la forza delle donne!”

UNA MAMMA A 300 ALL’ORA

Pilota, lavoratrice e mamma. Manuela ha due splendide bambine di 7 e 11 anni e si divide tra la vita quotidiana, lavorativa, familiare e la pista. Il tempo non basta mai, ma Manuela sa organizzarsi benissimo e supportata dalla famiglia riesce in tutto nel migliore dei modi: “Per le mie bimbe sarà dura non avvicinarsi al motorsport. Io, mio fratello, mia sorella Corinna e mio padre abbiamo questa passione nel sangue, ma per loro ammetto non vorrei un futuro in pista, è un mondo difficile.”

I RALLY TROPPO PERICOLOSI PER UNA MAMMA. UN SOGNO? L’ AMERICA

Manuela Gostner vive la passione dei motori a 360 gradi. Si allena in kart, non ama le gare virtuali che in questo periodo impazzano in attesa della riaccensione dei motori e ha provato anche i rally: “Una esperienza bellissima provare una vettura rally, sarebbe bello, ma essendo mamma lo vedo un po’ troppo pericoloso per me, non correrei dando il massimo. La partecipazione alla 24 ore di Le Mans è stato un sogno che si è realizzato. Un sogno per il futuro? Gareggiare in America, mi piacerebbe moltissimo, l’atmosfera deve essere stupenda, sogno una 24 ore di Daytona e una 12 ore di Sebring!”

Questa stagione, che tarda a partire, vedrà Manuela Gostner e le sue compagne Iron Dames nell’ELMS e ancora nella 24 ore di Le Mans supportate da Iron Lynx, sostenute dalla FIA Woman In Motorsport per un progetto mondiale volto a sensibilizzare e avvicinare sempre più volti femminili al motorsport. Missione che sta procedendo nei migliori dei modi.

GUARDA QUI LA PUNTATA DI ‘SPEEDY WOMAN’ CON MANUELA GOSTNER:

Anna Mangione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.