Nel corso della puntata 285 di “Circus!”, andata in onda ieri pomeriggio su Radio LiveGP, è intervenuta l’inviata Sky Mara Sangiorgio, che ha presentato il suo primo libro dal titolo “Lewis Hamilton. Figlio del vento”, dedicato appunto al 6 volte campione del mondo di Formula 1. Nel corso dell’intervista la giornalista ci ha raccontato anche dal suo punto di vista quali sono i momenti più belli che si vivono relazionandosi in maniera diretta con i piloti, oltre a fornirci un parere sul recente prolungamento di contratto di Charles Leclerc con la Ferrari.




Iniziamo dicendo che recentemente è uscito il tuo libro “Lewis Hamilton. Figlio del vento”, ed è un ottimo regalo di Natale per gli appassionati di Formula 1…

“Ovviamente si, gli amanti di Formula 1 possono leggerlo durante queste vacanze per ripercorrere la storia di un grande campione come Lewis Hamilton in attesa di vedere quello che succederà nel 2020.”

Come è nata l’idea di scrivere un libro e come mai la scelta è ricaduta su Lewis Hamilton?

“Mi ha contattato Kenness Publishing, casa editrice che si occupa principalmente di sport e salute, che ringrazio in quanto mi ha dato l’opportunità di misurarmi per la prima volta con un libro, e mi hanno proposto di raccontare questa storia vincente fin dagli albori, perchè siamo legati molto a quello che succede nel presente, forse dimenticandoci un po’ di quello che è stato il passato. E’ stata una bella sfida che mi ha dato il gusto di rivivere la storia di un campione che quest’anno ha festeggiato il suo sesto titolo mondiale.”

Visto che conosci molto bene i piloti di Formula 1, ci sveli qualche episodio particolare che ti è capitato nel corso della tua carriera? Immaginiamo siano tanti…

“Si, ce ne sono tanti. A me piacciono sempre i momenti fuori dal paddock con i piloti, mi piace ricordare i momenti preziosi che vivo anche con loro, quando sono più rilassati, come l’intervista realizzata a Hamilton prima del GP d’Italia, oppure quando sono stata invitata a casa di Felipe Massa o ancora le volte in cui sono uscita con Jules Bianchi insieme a tutto il gruppo Sky. Questi sono i momenti si riesce anche ad apprezzare di più chi sono i piloti una volta tolto il casco.”

Qualche caratteristica sui piloti che hai intervistato? Ad esempio chi è il meno loquace… al di là di Kimi Raikkonen

“Il numero uno indiscusso sulla difficoltà di interazione è lui. Un altro a cui non piace stare molto davanti ai microfoni ad esempio è Lance Stroll. Il mio compito però è quello di creare empatia con i piloti, in quanto mi ritrovo a confrontarmi con loro in momenti anche abbastanza delicati, come post qualifiche e post gara. Quello che posso dire è che nessuno è antipatico, poi ovviamente con alcuni il rapporto può essere maggiore che con altri, ma sono normali dinamiche di vita.”

In conclusione, un tuo parere sulla conferma di Charles Leclerc in Ferrari fino al 2024…

“Io lo reputo un grande segnale che la Ferrari ha voluto dare. Leclerc, come è ormai ovvio a tutti, fa parte del presente della squadra, ma aver rinnovato un contratto per così tanto tempo insieme ad un adeguamento di stipendio è il segno di quanto si voglia puntare su di lui. I numeri sono dalla sua, è giusto quello che la Ferrari ha fatto, gettando le basi per creare un ciclo vincente.”

Prima di salutarci, dove possiamo trovare il tuo libro?

“Ovviamente in tutte le librerie, oltre che sui tanti canali online. Sicuramente è un buon acquisto per chi ha voglio di masticare un po’ di Formula 1 anche in questo periodo di vacanze.”

Carlo Luciani

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.