Cooper McNeil Photo Credit: Pier Colombo

Nel paddock dell’European Le Mans Series scoviamo Cooper MacNeil, pilota che esordisce quest’anno nella categoria con la Porsche #77 del Proton Competition. L’americano scatterà quarto domani in coppia con il nostro Gimmi Bruni e con il tedesco Christian Ried.

Il nativo dello Stato dell’Illinois gareggia anche nell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship nella classe GTLM con una Porsche gestita dal proprio team e dal Proton Competition.

Lo statunitense ha dichiarato a LiveGP poco dopo le qualifiche: “Il week-end sta procedendo bene. Le prove libere sono andate come ci aspettavamo, mentre le qualifiche sono state sorprendenti. Le Ferrari sono molto rapide. Ci aspettavamo più margine sul giro secco. Gimmi ha fatto qualcosa di speciale, scattare quarti è perfetto”.

Cooper ha iniziato l’avventura europea da Spielberg, la seconda competizione in calendario. Il 28enne di Hinsdale ha rilasciato ai nostri microfoni: “L’ELMS è molto bella. Ho corso per la prima volta a Spielberg ed è stato molto interessante. Il livello è molto alto. Monza è una pista fantastica che apparentemente sembra semplice. Mi piace molto l’Ascari, devi uscire forte per il lungo rettilineo che segue. Secondo me è la parte migliore di tutto il circuito”.

Cooper MacNeil: un successo indimenticabile a Sebring

Il #77 dell’ELMS ha guardato anche all’IMSA, campionato in cui gareggerà settimana prossima: “Lime Rock è una gara speciale, possiamo vincere la gara overall visto che non ci sono i prototipi. Sarebbe bello avere più GTLM nel gruppo. Dobbiamo battere le Corvette, non sarà facile”.

Non poteva mancare un accenno alla 12h di Sebring, manifestazione conquistata al termine di una lunga sfida tra BMW e Corvette: “Sebring è stata speciale. Avevo già vinto, ma non in PRO. Penso che sia la più importante vittoria della mia vita”.

Cooper McNeil guarda al futuro ed ad un ipotetico impegno nella GTD PRO, la nuova realtà che rimpiazzerà la GTLM dal 2022: “Devo ancora decidere sulla GTD PRO, devo vedere il BoP. Se sarà uguale non avrebbe senso non correre tra i Am. IMSA sta prendendo la giusta decisione. Penso sia corretto poter gareggiare ovunque con la stessa auto. Le GT3 sono una piattaforma globale. Sono dispiaciuto però per la fine delle GTLM. Il suono della mia macchina è favoloso. Penso che continuerò con Porsche, abbiamo una partnership  incredibile con Proton”.

L’americano si è soffermato in chiusura sulla 24h di Le Mans, gara che lo vedrà protagonista il prossimo agosto in GTE PRO: “Saremo nella categoria principale ancora una volta. Sfiderò i migliore del mondo. Serve fortuna a Le Mans, le  Safety Car sono un fattore determinante. Lo scorso anno il podio era vicino”.

Da Monza – Luca Pellegrini

Foto Credit: Pier Colombo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.