Giorgio Nada posa con alcune delle sue opere
Giorgio Nada posa con alcune delle sue opere

In questi giorni di riaperture commerciali delle librerie siamo costretti a dare il triste addio a Giorgio Nada. Per tutti noi appassionati di auto e moto è stato il nostro personale maestro di vita e insegnamenti motoristici. È proprio grazie a lui, e alla sua Giorgio Nada Editore e alla sua Libreria dell’Automobile, che noi amanti dei motori abbiamo sviluppato la nostra cultura e fame di benzina e pistoni. Salutiamo un appassionato e un vero e proprio punto di riferimento, ma siamo certi che il suo ricordo vivrà grazie alle sue opere.

Un sogno chiamato “Libreria dell’Automobile”

Da più di quarant’anni, grazie alla sua Libreria dell’Automobile, Nada ha forgiato le menti e le passioni di noi amanti dei motori. Un compito non facile quando, nel lontano 1973, ha aperto una libreria solamente dedicata alle quattro e due ruote, nella storica sede di Corso Venezia 43. Da piccolo negozio di nicchia a vero e proprio punto d’incontro per tutti gli amanti del settore. Tanto il successo che Giorgio nel 1977 decide di fare il grande passo: pubblicare un suo libro. Esce alle stampe così “Moto Guzzi” a firma dello storico Mario Colombo ed edito da “Edizioni La Libreria dell’Automobile”. Il dado è tratto, da lì a poco escono numerose monografie sia sulle più blasonate case automobilistiche e motociclistiche, che sui modelli più iconici. Al ritmo di due libri l’anno il catalogo si amplia sempre più. Le firme sono di grandi esperti del settore affiancati da veri e propri appassionati e cultori del tema. Ma ad impreziosire il tutto è la cura maniacale nel deliberare ogni singolo tomo.

La nascita della “Giorgio Nada Editore”

È nel 1987 che nasce la Giorgio Nada Editore vero e proprio punto di riferimento, nonché baluardo, del culto dei motori tricolore. E per il debutto del nuovo marchio subito un titolo importante: “FERRARI L’UNICO” ad opera di Gino Rancati a pochi mesi dalla scomparsa del costruttore modenese. Non mancano anche due monumentali opere sull’O.S.C.A. e sulla Lamborghini, ma anche sui maestri carrozzieri quali Zagato, Boneschi e Fissore. Della casa editrice milanese è la pubblicazione periodica “Manovella e ruote a raggi” organo d’informazione ufficiale dell’ASI (Automotoclub Storico Italiano). Gli anni che vanno a cavallo del nuovo millennio sono ricchi di opere patriottiche: sul mito Alfa Romeo e sul cinquantenario della nascita del Cavallino Rampante. È proprio in questi anni che la Giorgio Nada Editore da alla luce la prima edizione di “F1 Analisi Tecnica” di Giorgio Piola un vero must per tutti gli amanti della massima serie dell’automobilismo. Non si tralasciano le due ruote con un sodalizio con il Mondiale Superbike e i suoi annuari ufficiali.

I giorni nostri: il sogno continua

Nel 2006 l’accordo con la Giunti di Firenze per aumentare la distribuzione e le nuove tematiche. Oltre a tenere in vita il culto del libro: quale oggetto d’informazione e divulgativo per eccellenza, combattendo il sempre più crescente e aggressivo mondo virtuale. Ancora oggi quando si sfoglia un libro sui motori si tende sempre ad associarlo alla Giorgio Nada Editore. Questa è la realizzazione del sogno di un visionario qual’è stato Giorgio, prematuramente scomparso all’età di 77 anni. Un grande conoscitore e appassionato di motori che ha insegnato a tutti noi l’amore per la velocità, gli uomini e la meccanica.

Leggi anche: LIBRI | VELOCI PIÙ DEL TEMPO. I PROTAGONISTI ITALIANI DEL MOTORSPORT DAGLI ALBORI AGLI ANNI ‘70

Michele Montesano

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.