Si chiude con una spettacolare 12h di Sebring la stagione 2020 dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship. Dopo infiniti tentativi, Mazda vince per la prima volta la famosissima competizione statunitense al termine di una bellissima battaglia con l’Acura #6 del Team Penske.

J. Bomarito / H. Tincknell/R. Hunter-Reay #55 sono riusciti nel finale ad imporre il proprio ritmo ed a primeggiare sull’Acura #6 di J. Montoya / D. Cameron/S. Pagenaud, a lungo al comando delle operazioni. Nell’ultima competizione ufficiale del binomio Acura-Penske, l’equipaggio #6 ha dovuto resistere nel finale al ritorno della Mazda #77 O. Jarvis / T. Nunez / O. Pla, terza al traguardo.

Sebring: Primo titolo IMSA per Castroneves, ritirate le Cadillac

Helio Castroneves e Ricky Taylor sono i nuovi campioni dell’IMSA WTSC. Il brasiliano e l’americano mantengono il titolo in casa Penske dopo l’affermazione nel 2019 di Montoya/Cameron.

Il championship decider di Sebring ha regalato moltissime emozioni e non è stato facile per l’Acura #7 vincere il titolo. La coppia, al comando alla vigilia dell’ultimo atto grazie al successo nell’evento di Laguna Seca, ha accusato nelle prime fasi un problema che sembrava spalancare le porte alla Cadillac #10 di Briscoe/van der Zande.

L’auto del WTR, seconda in campionato con due punti da recuperare all’Acura, appariva in controllo della situazione prima di un contatto con la Mazda #55 in curva 10. L’incidente ha spento ogni sogno di gloria per il Wayne Taylor Racing che ha accusato diversi giri dalla testa della corsa.

Con l’uscita di scena della #7 e della #10, la Cadillac #31 di Action Express sembrava avere in pugno la 12 Ore ed il campionato. Pipo Derani, unico candidato per il titolo sull’auto del Whelen Engineering Racing, ha gettato al vento ogni speranza in un disperato attacco all’Acura #6 nel primo settore del tracciato. Il brasiliano ha rotto il braccetto dello sterzo ed ha distrutto ogni speranza di lottare per il campionato.

GTLM: non c’è due senza tre

Terzo successo consecutivo in stagione e nella 12h di Sebring per Porsche che chiude in bellezza la propria permanenza nell’IMSA WeatherTech SportCar Championship nella classe GTLM.

Il britannico Nick Tandy ed il francese Fred Makowiecki, accompagnati dal neozelandese Earl Bamber, si impongono per la terza volta nella leggendaria competizione di Sebring con la Porsche #911. La casa di Stoccarda ha dominato l’ultima fase ed ha piegato la concorrenza di BMW e Corvette.

Dopo un ottimo avvio, le due C8. R hanno patito parecchi problemi che hanno compromesso la prova. BMW ha confermato la propria performance nelle competizioni di durata raggiungendo il terzo posto con la #24 di J. Krohn / J. Edwards/A. Farfus. Secondo posto conclusivo per la Porsche #912 di E. Bamber / L. Vanthoor
N. Jani, attardati di 9 secondi dalla vettura gemella.

GTD: festa Porsche in GTD, Acura firma il titolo

In occasione dell’ultima competizione del 2020 arriva il primo successo stagionale per la Porsche #16 del Wright Motorsports di R. Hardwick / P. Long/J. Heylen. La vittoria dell’unica 911 GT3-R del gruppo non è bastata per siglare il titolo che torna in casa Meyer Shank Racing w/Curb-Agajanian. L’Acura #86, terza sotto la bandiera a scacchi, si conferma campione con M. Farnbacher / M. McMurry.

La Mercedes #74 del Riley Motorsport di G. Robinson / L. Aschenbach/M. Miller, la Ferrari #63 di Scuderia Corsa di C. MacNeil / A. Balzan/J. Westphal e la Lamborghini del Paul Miller Racing #48 di B. Sellers / M. Snow / C. Lewis si sono alternate al comando di una corsa imprevedibile.

Porsche, con degli ottimi stint, ha preso il comando del finale ed ha potuto festeggiare davanti all’Aston Martin #23 di I. James / R. De Angelis/D. Turner dell’Heart Of Racing Team, per la seconda volta a podio in questo 2020.

Per quanto riguarda la Michelin Endurance Cup, la graduatoria che tiene contro dei punti raccolti nelle 4 prove di durata del campionato, la Cadillac #10 del WTR ha vinto la categoria DPi. BMW #24 sigla il trofeo in GTLM, Lamborghini #48 in GTD.

Leggi anche: IMSA | 12H SEBRING: UN GIRO D’OROLOGIO PER ENTRARE NELLA STORIA

Luca Pellegrini

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.