Raffaele Marciello
Foto. GTWC Europe

Il round di Magny-Cours del Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS Sprint Cup incorona Raffaele Marciello, l’uomo del momento della categoria. Inizia a delinearsi la situazione nella serie con una Mercedes stratosferica in Francia, appuntamento di casa per Akkodis ASP.

Raffaele Marciello, una certezza per il gruppo del GT World Challenge

L’elvetico di AMG sta vivendo una fase d’oro in questo periodo con due affermazioni che hanno concretizzato due pole-position semplicemente incredibili. Se a questo aggiungiamo il giro veloce in tutte le prove libere disputate fino ad ora (Sprint Cup + Endurance sono sei) è abbastanza semplice individuare chi sia il personaggio del momento.

L’ex campione della serie ha tutte le carte in regola per confermarsi al vertice anche nelle prossime manifestazioni con il chiaro obiettivo di aumentare la striscia di nove successi all’attivo nella Sprint Cup.

Akkodis ASP deve sfruttare al massimo la forza del proprio alfiere che quest’anno è fedelmente accompagnato in questo speciale format dal russo Timur Boguslavskiy che puntualmente porta a termine l’opera del teammate.

Dries Vanthoor/Charles Weerts hanno commesso qualche errore di troppo in quel di Magny-Cours, una competizione che potrebbe costare caro in una serie che prevede ‘solo’ cinque round (10 gare totali da 60 minuti). L’errore non è permesso nel GTWC Europe ed al momento chi non è imbattibile è solo Marciello.

Verso Zandvoort con una sosta al Paul Ricard

La prossima tappa di Zandvoort (Olanda) potrebbe confermare la tendenza positiva di Mercedes che si contende il primato con WRT anche nell’Endurance Cup, realtà che tra meno di due settimane tornerà in scena in quel del Paul Ricard per una 1000km da non perdere. 

La battaglia è assicurata, come ben sappiamo sono molti coloro che possono inserirsi nella lotta a differenza della Sprint Cup in cui obiettivamente sono pochi coloro che possono inserirsi tra ‘Lello’ e gli altri. Il GTWC Europe resta oltremodo interessante e tutto da vivere, un campionato tutto da vivere che lentamente ci porterà in Belgio a Spa-Francorchamps con la mitica 24h.

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.