Nürburgring Dinamic Motorsport

Lo spettacolo non è mancato al Nürburgring, secondo round del GT World Challenge Europe Powered by AWS Endurance Cup: La sei ore tedesca premia il Dinamic Motorsport che si aggiudica la vittoria assoluta con il forte terzetto composto dai tedeschi Sven Muller e Christian Enghelhart e dal nostro Matteo Cairoli. Per la formazione italiana si tratta del secondo successo nel GT World Challenge dopo l’incredibile affermazione nella tappa di Monza nel 2019.

Dinamic Motorsport senza rivali

La battaglia non è mancata in Germania, ma si è limitata al secondo posto. Non vi è stata storia infatti per la vittoria. La competizione è iniziata subito con un importante colpo di scena. La Lamborghini #163 dell’Emil Frey Racing affidata ad Albert Costa ha completamente sbagliato la prima staccata in occasione del via. Un errore imperdonabile per lo spagnolo che, terzo sulla griglia, ha centrato l’incolpevole Porsche #40 del GPX Racing affidata a Dumas/Olsen/Preining. Tra i vari contatti delle prime curve sottolineamo i problemi accusati dalla Ferrari #51 di AF Corse e dall’Audi #66 dell’Attempto Racing.

Dalla prima curva in poi non c’è stata storia con il Dinamic Motorsport che non ha più ceduto la leadership, trionfando al Nürburgring. Non è mancata invece la bagarre per il secondo posto. La Mercedes #88 di Marciello/Boguslavskiy/Fraga #88 (AKKA ASP) l’AMG #4 di Abril/Strolz/Engel #4 (HRT), l’Audi #31 di van der Linde/Bortolotti/Ineichen (WRT) e molti altri si sono contesi i restanti gradini del podio. Ad avere la meglio è stata l’auto #88 davanti alla AMG #4 dell’Haupt Racing. Ottima prestazione per le Audi che consolidano con l’equipaggio della #31 la leadership nella classifica generale. Al momento la compagine belga svetta con un punto sulla Mercedes #88 e sei sul terzetto del Dinamic Motorsport.

Giornata da dimenticare al Nürburgring per Ferrari che già dal via ha sofferto con entrambe le 488 GT3, la #72 di SMP Racing (14° sotto la bandiera a scacchi) e la #51 di AF Corse. Un’altra formazione che esce ad ossa rotte dalla manifestazione tedesca è il GPX Racing. Dopo l’esclusione alla prima curva la prova della formazione araba sembrava raddrizzarsi con il terzetto composto da Matt Campbell, Patrick Pilet, Mathieu Jaminet, out dopo poco più di 100 giri quando si trovavano al secondo posto.

Nürburgring, la sfida nelle altre classi

La lotta non è mancata nelle altre categorie. Si è conclusa all’ultimo decisivo passaggio la battaglia per il successo in Silver Cup tra l’Aston Martin #159 del Garage 59 di Watson/Hasse-Clot/Pull e la Lamborghini di Schandorff/MacDowall/Kujala #76 del Barwell Motorsport. L’Huracan ha cercato in tutti i modi di beffare la Vantage che ha tagliato il traguardo con un gap di 242 millesimi dopo 6 ore di gara.

Per quanto riguarda la categoria PRO-Am vittoria per Elia Erhart, Hiroshi Hamaguchi, Phil Keen sulla Lamborghini Huracan GT3 del FFF Orange1 Racing Team. L’equipaggio dell’auto #19 ha beffato a meno di un ora dalla conclusione la Porsche #991 di Allemann/Bohn/Renauer (Herberth Motorsport).

Prossimo round dell‘Enduerance Cup a Spa-Francorchamps per la mitica 24h di fine ottobre, mentre il GT World Challenge Europe non vi abbandonerà e tornerà il prossimo fine settembre per una tappa Sprint a Magny-Cours.

Leggi anche: GT World Challenge Europe | Calendario 2021: conferme per Monza e Misano

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.