Va delineandosi lo scacchiere del mercato piloti del campionato Gp2, il quale scatterà in concomitanza con il secondo appuntamento della Formula 1 2013, ovvero dal 22 al 24 Marzo in Malesia. In vista della prima sessione di test della categoria, che si svolgeranno dal 26 al 28 Febbraio a Jerez, buona parte dei team ha già annunciato la propria line-up di piloti che andranno a comporre la futura griglia del campionato. Vediamo dunque i principali cambiamenti: il team Dams, campione in carica nel 2011 con Grosjean e lo scorso anno con Davide Valsecchi, punterà sul promettente Marcus Ericsson e sul monegasco Stephane Richelmi. La Art Grand Prix ha confermato l’inglese James Calado, miglior rookie del 2012, sostituendo Gutierrez con il tedesco Daniel Abt. Il team Arden, dopo la partenza di Luiz Razia verso la F.1, ha scelto Johnny Cecotto, in arrivo dalla Barwa Addax, e l’australiano Mitch Evans, campione Gp3 in carica. La Racing Engineering ha confermato la formazione composta da Julian Leal e Fabio Leimer, mentre al team Carlin è approdato Felipe Nasr, reduce da una buona stagione in Dams, il quale sarà affiancato da Jolyon Palmer, figlio dell’ex-pilota di F.1 Jonathan. Le ultime due formazioni già annunciate per il 2013 sono quelle della Rapax, che schiererà Stefano Coletti e Simon Trummer, e della Barwa Addax, con lo statunitense Jake Rosenzweig e l’indonesiano Haryanto. Ancora tutta da decifrare la situazione in casa Caterham, che ha visto il proprio pilota 2012 Van Der Garde approdare al team nella massima serie, così come in ISport, Trident e Hilmer Motorsport, team subentrato alla Ocean Racing. Per il resto, devono ancora conoscere i futuri compagni di squadra Renè Binder, in forza alla Venezuela Gp Lazarus, e Daniel De Jong della Manor. Le residue chance di vedere un pilota italiano ai nastri di partenza, al momento, ricadono sul solo Fabio Onidi, reduce dalla poco fortunata esperienza in Coloni del 2012.

{jcomments on}

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.