Si è già concluso il weekend monegasco per la Gp2 Series, che ha visto trionfare i due piloti della Dams con il sempre più leader della classifica Jolyon Palmer, vincitore della Race-1, ed il padrone di casa Stephane Richelmi, trionfatore della Sprint Race. Durante la prima corsa del venerdì, dopo la pole position realizzata dal pilota inglese, si è potuto assistere ad una gara regolare fino al tredicesimo giro, quando alla curva della Vecchia Stazione René Binder ha tentato il sorpasso sul compagno André Negrao, mandando in testacoda quest’ultimo con conseguente blocco del passaggio alle altre vetture. Per ripartire è stata necessaria la bandiera rossa, e dopo più di mezz’ora le monoposto sono state riportate sulla griglia di partenza secondo la classifica precedente al giro d’interruzione. Palmer si è poi proiettato verso la vittoria, montando gomme supersoft al giro numero 27, giungendo al traguardo inseguito da Mitch Evans, che lo aveva tallonato per tutta la gara. Bella prova anche per Felipe Nasr, terzo sotto la bandiera a scacchi, che ha sfruttato la sosta anticipata per poter rimontare in pista. Male Julian Leal, finito contro le barriere, e dunque ritirato, mentre Stefano Coletti ha gettato alle ortiche la possibilità di conquistare il secondo posto con un azzardato tentativo di sorpasso su Trummer alla Anthony Noghes. A trionfare invece nella Sprint Race è stato proprio il monegasco Richelmi il quale, partito dalla pole grazie alla griglia invertita ma scattato non perfettamente, è stato abile però nel chiudere lo spazio a Rio Haryanto, superato poi da Sergio Canamasas, quarto sullo schieramento. Nonostante la safety car entrata a causa di un incidente di Artem Markelov, lo spagnolo non è riuscito a portare a termine un attacco al pilota Dams, che quindi ha tagliato il traguardo da trionfatore nella gara di casa. Al terzo posto ha concluso Rio Haryanto, medaglia di legno per Johnny Cecotto, che si è difeso per tutta la gara dagli attacchi degli inseguitori. Brutto il weekend di Raffaele Marciello, il quale ha chiuso al dodicesimo posto in Gara-1 (rallentato nel valzer dei pit stop), mentre in Gara-2 addirittura diciannovesimo, penalizzato con un drive through per aver causato un incidente. Ancora quattro settimane ed i motori della Gp2 Series torneranno ad accendersi sul Red Bull Ring, in Austria.

Carlo Luciani

Classifica Gara-1

POS NO DRIVERS TEAMS LAPS TIME GAP INT. KPH BEST LAP
1 7 J. Palmer DAMS 40 1:38:31.193 81.364 1:23.008 19
2 1 M. Evans RT RUSSIAN TIME 40 1:38:31.620 0.427 81.358 1:23.642 23
3 3 F. Nasr Carlin 40 1:38:31.846 0.653 0.226 81.355 1:24.515 22
4 23 J. Cecotto Trident 40 1:38:33.368 2.175 1.522 81.334 1:23.434 23
5 22 S. Canamasas Trident 40 1:38:34.077 2.884 0.709 81.324 1:24.663 23
6 26 A. Pic Campos Racing 40 1:38:37.380 6.187 3.303 81.279 1:24.190 20

Classifica Gara-2

POS NO DRIVERS TEAMS LAPS TIME GAP INT. KPH BEST LAP
1 8 S. Richelmi DAMS 30 43:17.087 138.894 1:23.900 24
2 22 S. Canamasas Trident 30 43:19.266 2.179 138.777 1:23.773 23
3 18 R. Haryanto EQ8 Caterham Racing 30 43:25.382 8.295 6.116 138.451 1:23.446 10
4 23 J. Cecotto Trident 30 43:42.407 25.320 17.025 137.552 1:24.586 20
5 26 A. Pic Campos Racing 30 43:42.840 25.753 0.433 137.530 1:24.868 8
6 1 M. Evans RT RUSSIAN TIME 30 43:43.060 25.973 0.220 137.518 1:24.918 10

{jcomments on}

Carlo Luciani, nato a Salerno l’8 luglio 1996. Vivo a Teora, in Irpinia, terra non propriamente nota per i motori. Nonostante ciò, fin da piccolo sono rimasto profondamente affascinato dal mondo del Motorsport, al quale mi sono avvicinato vedendo vincere Michael Schumacher sulla Ferrari. Alla passione per i motori ho unito quella per la scrittura, e ad oggi sono Giornalista pubblicista e laureando in Ingegneria meccanica presso l’Università Federico II di Napoli. Nel 2020, insieme al collega e amico Michele Montesano, ho pubblicato il primo libro marchiato LiveGP.it “Veloci più del tempo: i protagonisti italiani del Motorsport dagli albori agli anni ‘70”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.