Ancora Mercedes, ancora Lewis Hamilton al top nella seconda sessione di prove libere del GP Cina, in programma domenica sul circuito di Shanghai. Ma se nella mattinata cinese si era assistito ad un monopolio delle Frecce d’Argento, nella seconda ora e mezza è venuta alla ribalta anche la Ferrari. Kimi Raikkonen si è infatti piazzato immediatamente alle spalle del campione del mondo in carica con un distacco inferiore al mezzo secondo, il che rappresenta di sicuro un grande passo in avanti rispetto a quanto andato in scena al mattino, con le monoposto di Brackley capaci di infliggere alla concorrenza distacchi pesantissimi. L’1’37″662 ottenuto dal finlandese, infatti, lascia intravedere un buon potenziale della Rossa nella simulazione di qualifica, anche se è sul passo gara che la SF15-T si è confermata su livelli realmente competitivi, con il ferrarista autore di prestazioni costanti sul piede dell’1’43”.

Insomma, dopo il trionfo rosso di Sepang si preannuncia un’altra bella battaglia targata Mercedes-Ferrari, anche se la W06 sembra avere ancora del margine sulla compagine di Maranello soprattutto sul giro secco. Leggermente più in difficoltà gli altri due portacolori dei team di punta, con Sebastian Vettel che ha concluso quarto a oltre 1″ dalla vetta (dopo essere stato anche autore di un testacoda senza conseguenze in uscita dalla curva 2) davanti a Nico Rosberg, incapace di sfruttare appieno il set di gomme Soft e autore nel finale di una piccola scaramuccia in pista con Raikkonen.

Giornata a due volti per la Red Bull: se da un lato la monoposto di Milton Keynes è apparsa in crescita, con Ricciardo autore del terzo tempo, dall’altro si sono manifestati nuovamenti dei problemi sulla vettura di Kvyat, finito contro le barriere ad andatura ridotta dopo essere rimasto completamente senza freni. Problema simile per Felipe Massa, il quale si è intraversato in fondo al lungo rettilineo che precede la staccata della curva 14 andando a toccare contro le barriere e danneggiando l’ala anteriore della sua Williams. Per il team britannico non si è trattato certamente di un venerdì positivo, con entrambi i piloti sempre lontani dalla vetta ed alle prese con una vettura apparentemente poco stabile. Buona la prestazione di Felipe Nasr, ottavo al pomeriggio con la Sauber, mentre segnali positivi sono finalmente giunti anche da casa McLaren, con Jenson Button che è riuscito a concludere la seconda sessione nella top ten, seppur a 2″ da Hamilton.

Attardate le Toro Rosso e in grossa crisi le Force India, mentre per la Manor la sfida principale sarà nuovamente quella di mantenersi nelle qualifiche di domani entro il limite del 107% imposto dal regolamento per poter prendere il via della gara. Da segnalare, come nota di cronaca, la “prodezza” di uno spettatore cinese, il quale ha scavalcato le reti lungo il rettifilo dei box, attraversato la pista con le macchine lanciate in piena velocità e, dopo aver oltrepassato il muretto, pare si sia recato nel box Ferrari dove avrebbe persino chiesto con nonchalance di poter testare una vettura…l’uomo è stato infine preso in consegna dagli addetti di sicurezza e condotto alla vicina centrale di Polizia.

GP Cina – Risultati Prove Libere 2:

1. Lewis Hamilton (Mercedes W06) – 1’37″219 – 32 giri
2. Kimi Raikkonen (Ferrari SF15-T) – 1’37″662 – 35 giri
3. Daniel Ricciardo (Red Bull RB11-Renault) – 1’38″311 – 24 giri
4. Sebastian Vettel (Ferrari SF15-T) – 1’38″339 – 30 giri
5. Nico Rosberg (Mercedes W06) – 1’38″399 – 35 giri
6. Daniil Kvvyat (Red Bull RB11-Renault) – 1’38″737 – 10 giri
7. Valtteri Bottas (Williams FW37-Mercedes) – 1’38″850 – 27 giri
8. Felipe Nasr (Sauber C34-Ferrari) – 1’39″032 – 26 giri
9. Romain Grosjean (Lotus E23-Mercedes) – 1’39″142 – 32 giri
10. Jenson Button (McLaren MP4/30-Honda) – 1’39″275 – 29 giri
11. Pastor Maldonado (Lotus E23-Mercedes) – 1’39″444 – 30 giri
12. Fernando Alonso (McLaren MP4/30-Honda) – 1’39″743 – 27 giri
13. Marcus Ericsson (Sauber C34-Ferrari) – 1’39″751 – 33 giri
14. Max Verstappen (Toro Rosso SRT10-Renault) – 1’39″894 – 32 giri
15. Carlos Sainz (Toro Rosso STR10-Renault) – 1’39″971 – 28 giri
16. Nico Hulkenberg (Force India VJM08-Mercedes) – 1’40″151 – 28 giri
17. Felipe Massa (Williams FW37-Mercedes) – 1’40″423 – 7 giri
18. Sergio Perez (Force India VJM08-Mercedes) – 1’40″868 – 24 giri
19. Roberto Merhi (Manor-Ferrari) – 1’42″973 – 27 giri
20. Will Stevens (Manor-Ferrari) – 1’44″564 – 8 giri

Marco Privitera

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.